3 Mar 2021

Minì, le piantine nelle microserre per educare alla natura

Scritto da: Redazione

Viene presentato oggi Minì, un progetto per educare alla natura studiato con la consulenza del Centro Ricerca Rifiuti Zero di Capannori e di Zero Waste Italy. Si tratta di microserre realizzate in materiali riutilizzabili che contengono delle piantine di cui i bambini si possono prendere cura, imparando le caratteristiche delle diverse piante e i loro ritmi di crescita naturali.

Il 3 marzo 2021, in occasione della Giornata mondiale della natura selvatica, verrà presentato il progetto ecologico Minì, nato a Capannori da un lungo studio durato ben quindici anni, il cui obiettivo è quello di insegnare la cura della natura con il gioco.

Le Minì infatti sono piccole piantine appena nate che vivono in microscopiche miniserre, talmente piccole che possono essere trasportate ovunque. Nove varietà tutte diverse tra loro che, come ogni pianta, hanno bisogno di cure e attenzioni per poterle far crescere, così poi da poterle piantare in un vaso più grande.

educare alla natura 1

Grazie alla preziosa collaborazione del Centro Ricerca Rifiuti Zero di Capannori e di Zero Waste Italy, il messaggio di natura viene anche tramesso con l’attenta scelta dei materiali che compongono il kit che risultano riusabili, biodegradabili e riciclabili: la miniserra infatti è realizzata in vetro di Murano da autentici mastri vetrai (Wave Murano Glass) e la base che accoglie la piccola pianta è in sughero naturale realizzato a mano da un’azienda artigiana sarda (Luxury Cork).

Non potrà comunque mancare la variante per i più piccoli (Minì Fun) che ovviamente è realizzata in materiali più resistenti e sicuri ma comunque differenziabili. Per coinvolgere anche i bambini, grazie alla collaborazione di fumettisti italiani, sono stati realizzati nove personaggi diversi, tenendo conto delle sembianze e delle caratteristiche di ogni varietà di pianta: sono così nati Joy, Axel, Angie, Eve, Floe, Kira, Holly, Sophie e Sue.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

La rocker Axel sarà quindi una pianta resistente e molto spinosa mentre la dolce Eve sarà estremamente delicata e inoffensiva. Per trasmettere al meglio il messaggio educativo di cura è stato inoltre realizzato il Minì Box, dove è possibile trovare tutto il necessario per curare e fare crescere la Minì: il piattino in legno naturale per dare acqua alla piantina quando si trova nella capsula-miniserra, la pipetta in vetro per facilitare il dosaggio dell’acqua e il vasetto in fibra di cocco e la capsula di terriccio per poi invasare la piantina quando sarà cresciuta.

educare alla natura 2

Anche la scatola in cartone riciclabile segue la filosofia di Zero Waste: un oggetto non solo al 100% riciclabile, ma che ha uno scopo di lunga durata. Infatti questa non è una semplice scatola per “contenere un prodotto” ma è studiata per accompagnare la Minì per tutto il suo percorso di crescita, diventando così una vera e propria “casa” per la piccola pianta.

Dentro ogni confezione saranno presenti tutte le istruzioni su come usare il Minì Box e una card personalizzata dedicata alla piantina scelta con tutte le info specifiche sulla varietà scelta (tipo di pianta, provenienza, nome scientifico e cura). Infine viene proposta la linea Minì I Gioielli, vere e proprie collane che permettono di “indossare la natura”, con collane uniche realizzate dai mastri vetrai di Murano.

Articoli simili
Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!
Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

La Quercia Vallonea, l’albero più antico del Salento è il più amato in Italia
La Quercia Vallonea, l’albero più antico del Salento è il più amato in Italia

Il Parco Naturale Regionale delle Alpi Liguri e l’Educazione Ambientale
Il Parco Naturale Regionale delle Alpi Liguri e l’Educazione Ambientale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa