19 Mag 2021

InNaturaTalk: dal forest bathing ai dialoghi sulla natura

Scritto da: Lorena Di Maria

InNatura Experience - Forest Bathing, progetto di Eugenio Berardi e Fabio Castello, presenta InNaturaTalk, uno "spazio" ideato e curato da Eugenio, nato dalla personale esigenza di raccontare di persone ed esperienze virtuose, che hanno visto nella Natura una possibilità e nell'ambito delle quali il lavoro ed il confronto diventano passione condivisa.

Torino - Dialogare della natura, nella natura e con la natura: è questo l’obiettivo di Eugenio Berardi che per primo, insieme a Fabio Castello, ha avuto l’idea di dar vita in Piemonte – più precisamente nel torinese –, al progetto di Forest Bathing, che si occupa di promuovere esperienze di benessere in profonda connessione con la Natura. I due lo hanno battezzato “InNatura Experience” e, proprio come vi abbiamo raccontato in questo articolo, si ispira alla pratica dello Shinrin-Yoku o Forest Bathing (immersione nei boschi) che ad oggi è annoverata tra le pratiche preventive per la salute dell’uomo, confermate anche dall’OMS.

InNaturaTalk2 1

Nell’unione tra scienza e spiritualità, sono sempre più numerose le persone che, grazie alle pratiche di immersione nei boschi che Eugenio e Fabio propongono, hanno avuto modo di ritrovare quel contatto con la natura che nella vita di tutti i giorni sembrava sempre più lontano. Ad occuparsi delle pratiche di benessere è Fabio, mentre la comunicazione e lo sviluppo del progetto sono curati da Eugenio. E ora, per riavvicinare le persone alle straordinarie e sempre più numerose esperienze in natura, i due hanno creato un nuovo progetto: si chiama “InNaturaTalk” è un format che, a ogni appuntamento, coinvolgerà coloro che nella vita hanno deciso di mettere la natura al primo posto in tantissimi modi differenti, dalle pratiche di salute e benessere ai progetti performativi nei boschi o alle tecniche di meditazione e rilassamento.

Come ci spiega Eugenio, curatore del nuovo format, «nell’ultimo anno ho conosciuto tantissime persone: chi ha sentito la necessità di ritornare a vivere nella natura, chi vorrebbe avviare un nuovo progetto lavorativo lontano dalla città. Così è nata l’idea di creare un nuovo format online che racconti protagonisti ed esperienze virtuose che hanno visto nella natura una nuova possibilità». Gli ospiti saranno facilitatori, registi, insegnanti e tante altre figure ancora. Così “InNatura Talk” diventerà un “salotto” dove dialogare e condividere esperienze accomunate dallo stesso amore per la natura, con appuntamenti live sul canale youtube.

InNaturaTalk1

«Il progetto si svolgerà attraverso una serie di incontri aperti a tutti dove, attraverso il dialogo, ci apriremo a nuove possibilità. Gli “ospiti” saranno persone di cui in prima persona nutro stima e rispetto e che hanno messo in atto una trasformazione positiva “diversa” da quella che quotidianamente siamo abituati a sentire attraverso i mass media. Qui il sentire e la Natura hanno un ruolo centrale.

L’idea è nata per coinvolgere coloro che avranno voglia di condividere la loro esperienza in natura e per questo motivo il calendario di InNaturaTalk andrà a modificarsi e trasformarsi nel tempo. Si vuole dare la possibilità a chi vorrà proporsi di raccontare la propria storia. «La natura è stata per me, prima di tutto, una nuova possibilità e da tempo con Fabio Castello mi impegno a creare connessioni che uniscano le persone agli elementi naturali». Quelle proposte sono, ad esempio, pratiche di meditazione, earthing (camminata a piedi nudi), camminate sensibili e consapevoli, silvoterapia (pratica con l’albero), connessione con gli elementi della natura, e momenti di condivisione e ascolto reciproco.

«Ciò che per noi conta maggiormente è la consapevolezza di entrare in un bosco e vederlo come un luogo che ci ospita. Il rapporto che noi cerchiamo di sperimentare con la natura, infatti, non è un rapporto statico ma un rapporto attivo, di scambio reciproco: questo perchè la natura è fatta di esseri viventi. Pensiamo, ad esempio, al campo energetico prodotto dagli alberi e ai suoi effetti sulla salute dell’uomo: abbracciare un albero non è più in questo senso, una pratica “new age” ma una pratica di benessere e di salute». 

Forest Therapy2

Gli appuntamenti:

I primi due appuntamenti hanno avuto come ospiti Sara Nardini, psicoterapeuta e fondatrice di Psicologia dell’Anima, esperta di tecniche energetiche e co-autrice del Metodo Forestfullness; e Chiara Mazzocchi, Artista indipendente, ricercatrice e divulgatrice. Le prossime date in programma sul canale di InNaturaTalk saranno:

  • 27 maggio ore 21.00 – Alessandro Benetti, Li.Fe. Result Coach, Esperto in Intelligenza Emotiva e ideatore della Metodologia di Facilitazione NatureTherapy
  • 2 giugno ore 21.00 – Manuel Bragonzi, regista e scrittore. Nato in un piccolo paese del Cile, è sopravvissuto da solo per tre anni in un bosco fino a quando è stato adottato da una famiglia italiana. Ha raccontato per Piemme la sua storia insieme a Marcello Foa nel libro “Il bambino invisibile”
  • 9 giugno ore 21.00 – Stella Saladino, fondatrice del metodo Plants Inspirational Coaching™ & Facilitator
  • 16 giugno ore 21.00 – Giulia Terlicher, maestra, guida e formatrice di esperienze immersive nella natura, forest bathing e forest therapy
  • 24 giugno ore 21.00 – Valerio Costa, antropologo, counselor spirituale e insegnante di Raja Ananda Yoga. Esperto di Cultura spirituale indiana, si occupa di tecniche tradizionali di rilassamento psico-fisico e strategie anti-stress, da alcuni anni conduce gruppi in natura facilitandone il contatto e la connessione
  • 30 giugno ore 21.00 – Cecilia Ventriglia, laureata in scienze della comunicazione è una danzatrice-autrice. L’ultimo progetto “Un albero mi ha chiesto di danzare” ha dato vita ad un nuovo ciclo creativo dedicato al connubio uomo-natura.
  • 7 luglio ore 21.00 – Fabio Castello, performer, cura pratiche di benessere in natura e si occupa di Couseling Gestalt-Bodywork. Cura insieme a Doriana Crema e Raffaella Tomellini il progetto formativo e performativo “Solitudo” in collaborazione con Lavanderia a Vapore e La Piattaforma. Dal 2020 promuove la pratica Forest Bathing ed è co-fondatore del Progetto InNatura Experience.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Elisa Nicoli: “Autoproduco e parlo di green non per moda ma perché sono i valori a cui mi ispiro”
Elisa Nicoli: “Autoproduco e parlo di green non per moda ma perché sono i valori a cui mi ispiro”

Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5
Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5

Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili
Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43

|

“Ci siamo trasferiti in montagna e ora cerchiamo persone per costituire una cooperativa di comunità”

|

Senza sbarre: un’alternativa al carcere è possibile

|

4 cose da fare se si trova una baby tartaruga marina spiaggiata

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”

|

Dall’Australia a Mussomeli. Danny McCubbin con The Good Kitchen prepara pasti gratis per chi ne ha bisogno