19 Mag 2021

InNaturaTalk: dal forest bathing ai dialoghi sulla natura

Scritto da: Lorena Di Maria

InNatura Experience - Forest Bathing, progetto di Eugenio Berardi e Fabio Castello, presenta InNaturaTalk, uno "spazio" ideato e curato da Eugenio, nato dalla personale esigenza di raccontare di persone ed esperienze virtuose, che hanno visto nella Natura una possibilità e nell'ambito delle quali il lavoro ed il confronto diventano passione condivisa.

Dialogare della natura, nella natura e con la natura: è questo l’obiettivo di Eugenio Berardi che per primo, insieme a Fabio Castello, ha avuto l’idea di dar vita in Piemonte – più precisamente nel torinese –, al progetto di Forest Bathing, che si occupa di promuovere esperienze di benessere in profonda connessione con la Natura. I due lo hanno battezzato “InNatura Experience” e, proprio come vi abbiamo raccontato in questo articolo, si ispira alla pratica dello Shinrin-Yoku o Forest Bathing (immersione nei boschi) che ad oggi è annoverata tra le pratiche preventive per la salute dell’uomo, confermate anche dall’OMS.

InNaturaTalk2 1

Nell’unione tra scienza e spiritualità, sono sempre più numerose le persone che, grazie alle pratiche di immersione nei boschi che Eugenio e Fabio propongono, hanno avuto modo di ritrovare quel contatto con la natura che nella vita di tutti i giorni sembrava sempre più lontano. Ad occuparsi delle pratiche di benessere è Fabio, mentre la comunicazione e lo sviluppo del progetto sono curati da Eugenio. E ora, per riavvicinare le persone alle straordinarie e sempre più numerose esperienze in natura, i due hanno creato un nuovo progetto: si chiama “InNaturaTalk” è un format che, a ogni appuntamento, coinvolgerà coloro che nella vita hanno deciso di mettere la natura al primo posto in tantissimi modi differenti, dalle pratiche di salute e benessere ai progetti performativi nei boschi o alle tecniche di meditazione e rilassamento.

Come ci spiega Eugenio, curatore del nuovo format, «nell’ultimo anno ho conosciuto tantissime persone: chi ha sentito la necessità di ritornare a vivere nella natura, chi vorrebbe avviare un nuovo progetto lavorativo lontano dalla città. Così è nata l’idea di creare un nuovo format online che racconti protagonisti ed esperienze virtuose che hanno visto nella natura una nuova possibilità». Gli ospiti saranno facilitatori, registi, insegnanti e tante altre figure ancora. Così “InNatura Talk” diventerà un “salotto” dove dialogare e condividere esperienze accomunate dallo stesso amore per la natura, con appuntamenti live sul canale youtube.

InNaturaTalk1

«Il progetto si svolgerà attraverso una serie di incontri aperti a tutti dove, attraverso il dialogo, ci apriremo a nuove possibilità. Gli “ospiti” saranno persone di cui in prima persona nutro stima e rispetto e che hanno messo in atto una trasformazione positiva “diversa” da quella che quotidianamente siamo abituati a sentire attraverso i mass media. Qui il sentire e la Natura hanno un ruolo centrale.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

L’idea è nata per coinvolgere coloro che avranno voglia di condividere la loro esperienza in natura e per questo motivo il calendario di InNaturaTalk andrà a modificarsi e trasformarsi nel tempo. Si vuole dare la possibilità a chi vorrà proporsi di raccontare la propria storia. «La natura è stata per me, prima di tutto, una nuova possibilità e da tempo con Fabio Castello mi impegno a creare connessioni che uniscano le persone agli elementi naturali». Quelle proposte sono, ad esempio, pratiche di meditazione, earthing (camminata a piedi nudi), camminate sensibili e consapevoli, silvoterapia (pratica con l’albero), connessione con gli elementi della natura, e momenti di condivisione e ascolto reciproco.

«Ciò che per noi conta maggiormente è la consapevolezza di entrare in un bosco e vederlo come un luogo che ci ospita. Il rapporto che noi cerchiamo di sperimentare con la natura, infatti, non è un rapporto statico ma un rapporto attivo, di scambio reciproco: questo perchè la natura è fatta di esseri viventi. Pensiamo, ad esempio, al campo energetico prodotto dagli alberi e ai suoi effetti sulla salute dell’uomo: abbracciare un albero non è più in questo senso, una pratica “new age” ma una pratica di benessere e di salute». 

Forest Therapy2

Gli appuntamenti:

I primi due appuntamenti hanno avuto come ospiti Sara Nardini, psicoterapeuta e fondatrice di Psicologia dell’Anima, esperta di tecniche energetiche e co-autrice del Metodo Forestfullness; e Chiara Mazzocchi, Artista indipendente, ricercatrice e divulgatrice. Le prossime date in programma sul canale di InNaturaTalk saranno:

  • 27 maggio ore 21.00 – Alessandro Benetti, Li.Fe. Result Coach, Esperto in Intelligenza Emotiva e ideatore della Metodologia di Facilitazione NatureTherapy
  • 2 giugno ore 21.00 – Manuel Bragonzi, regista e scrittore. Nato in un piccolo paese del Cile, è sopravvissuto da solo per tre anni in un bosco fino a quando è stato adottato da una famiglia italiana. Ha raccontato per Piemme la sua storia insieme a Marcello Foa nel libro “Il bambino invisibile”
  • 9 giugno ore 21.00 – Stella Saladino, fondatrice del metodo Plants Inspirational Coaching™ & Facilitator
  • 16 giugno ore 21.00 – Giulia Terlicher, maestra, guida e formatrice di esperienze immersive nella natura, forest bathing e forest therapy
  • 24 giugno ore 21.00 – Valerio Costa, antropologo, counselor spirituale e insegnante di Raja Ananda Yoga. Esperto di Cultura spirituale indiana, si occupa di tecniche tradizionali di rilassamento psico-fisico e strategie anti-stress, da alcuni anni conduce gruppi in natura facilitandone il contatto e la connessione
  • 30 giugno ore 21.00 – Cecilia Ventriglia, laureata in scienze della comunicazione è una danzatrice-autrice. L’ultimo progetto “Un albero mi ha chiesto di danzare” ha dato vita ad un nuovo ciclo creativo dedicato al connubio uomo-natura.
  • 7 luglio ore 21.00 – Fabio Castello, performer, cura pratiche di benessere in natura e si occupa di Couseling Gestalt-Bodywork. Cura insieme a Doriana Crema e Raffaella Tomellini il progetto formativo e performativo “Solitudo” in collaborazione con Lavanderia a Vapore e La Piattaforma. Dal 2020 promuove la pratica Forest Bathing ed è co-fondatore del Progetto InNatura Experience.

Articoli simili
Giardino cromatico planetario: il sentiero che connette le persone al mondo vegetale
Giardino cromatico planetario: il sentiero che connette le persone al mondo vegetale

Ossa forti e in buona salute per tutta la vita
Ossa forti e in buona salute per tutta la vita

La prima volta che mi hanno chiesto il permesso
La prima volta che mi hanno chiesto il permesso

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Le “follie” del Centro America, fra criptovalute e nuove dittature – Io Non Mi Rassegno #386

|

Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

|

Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?

|

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

|

Asili nel bosco, una “foresta di relazioni” per un futuro migliore

|

Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

|

Ricominciamo 2021: il Casentino riparte all’insegna di arte, musica e natura

|

Impariamo dagli animali a stare bene con noi stessi e con gli altri