10 Mag 2021

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi fra i primi 50 al mondo

Lo IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) conferma l'invito rivolto a tre parchi italiani, fra cui il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, ad aderire a una lista che premia a livello mondiale le aree protette che eccellono nella gestione e nella tutela dell'ecosistema.

Avevamo dato qualche mese fa la notizia della candidatura del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi a entrare nella prestigiosa Green List dell’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, che annovera solamente 49 aree protette al mondo sulle 200.000 circa esistenti. Un riconoscimento prestigioso che riempie d’orgoglio il nostro territorio e conferma l’importanza dell’incessante opera di valorizzazione dell’inestimabile patrimonio naturale italiano.

LO IUCN

Ma di cosa si occupa questa organizzazione? L’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura è la capostipite di tutti gli organismi che hanno come missione quella di proteggere, tutelare e valorizzare l’ecosistema. Fondata nel 1948, si occupa di “persuadere, incoraggiare ed assistere le società di tutto il mondo nel conservare l’integrità e la diversità della natura e nell’assicurare che qualsiasi utilizzo delle risorse naturali sia equo ed ecologicamente sostenibile”.

Lo IUCN è un ente estesissimo e ramificato, una vera e propria rete che raccoglie migliaia di associazioni, OGN, centri di ricerca, singoli scienziati e divulgatori, oltre ad avere una rappresentanza anche in sedi importanti come l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Parco Foreste Casentinesi

LA NOMINA

Alcuni giorni fa è stata ufficializzato l’ingresso del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi – insieme ad altre due aree protette italiane, il Parco nazionale del Gran Paradiso e il Parco Nazionale Arcipelago Toscano – nella Green List, un riconoscimento assegnato dall’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura che premia le eccellenze mondiali delle aree protette e che rappresenta un programma di certificazione per quelle che effettivamente risultano le migliori in termini di conservazione naturalistica e gestione sostenibile.

Con queste tre new entry sale a 49 la lista dei parchi inclusi nel novero, distribuiti in 16 paesi. L’iter di adesione tuttavia non è ancora completo: Le Aree protette invitate possono aderire volontariamente alla Green List impegnandosi al raggiungimento degli standard gestionali individuati dalla IUCN, che si fondano su quattro pilastri: governance, programmazione, management e risultati di conservazione. I parchi che decidono di avviare la procedura di adesione hanno un massimo di cinque anni di tempo per raggiungere gli standard richiesti per ottenere la certificazione che, a sua volta, vale per cinque anni.

LE REAZIONI

C’è comprensibile soddisfazione da parte degli addetti ai lavori, che accolgono questo avvenimento come una conferma dell’opera svolta sin qui, ma anche come un ulteriore strumento per migliorare e implementare le azioni di difesa e valorizzazione di uno dei maggiori polmoni verdi del nostro paese.

«La Green list rappresenta l’apogeo di un palmarès d’eccezione per il Parco nazionale – ha commentato Luca Santini, presidente del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi –, che già nel 2017 aveva visto il riconoscimento come patrimonio dell’Umanità UNESCO, il primo in Italia per il valore ecologico di un ambiente naturale. La IUCN ha inscritto nella ‘Green list’ solo una cinquantina di aree protette del mondo su 200.000. Sapevamo di potercela fare e questo ha motivato uno sforzo straordinario. Ringrazio i dipendenti dell’Ente, le imprese, i sindaci, le associazioni e la cittadinanza per il grosso lavoro che ci ha uniti e ha reso possibile alla nostra area protetta di ufficializzare l’ottenimento del ‘Nobel’ della natura mondiale».

Articoli simili
Fondo Forestale Italiano: compriamo boschi per salvarli dall’abbattimento
Fondo Forestale Italiano: compriamo boschi per salvarli dall’abbattimento

Un albero mi ha chiesto di danzare: la storia di due artiste che imparano dalla foresta
Un albero mi ha chiesto di danzare: la storia di due artiste che imparano dalla foresta

Da ex discarica al Parco dei laghetti: il verde urbano che rilancia il quartiere
Da ex discarica al Parco dei laghetti: il verde urbano che rilancia il quartiere

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Che cos’è la deterrenza informatica? – Io Non Mi Rassegno #389

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce

|

Il silenzio assordante delle scuole di danza durante la pandemia

|

Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra

|

Uno studio svela quante persone muoiono a causa dei cambiamenti climatici