6 Mag 2021

In Piemonte nasce l’artoteca, per ospitare un’opera d’arte a casa tua

Scritto da: Lorena Di Maria

Anche il Piemonte avrà la sua artoteca! Si chiama Di-Se ed è la prima iniziativa avviata in regione, più precisamente a Domodossola. Sarà un vero e proprio servizio culturale rivolto alla cittadinanza, con lo scopo di avvicinare l’arte contemporanea a quanti finora ora ne sono rimasti lontani per ragioni culturali o economiche.

Verbania - Avete mai sentito parlare di un’”artoteca”? Per capire meglio di cosa si tratta, provate a pensare al funzionamento di una normalissima biblioteca: un luogo carico di cultura dove libri e manuali sono per tutti e passano di casa in casa, diffondendo tutta la bellezza della lettura. Proprio da questo presupposto nasce l’artoteca: da un lato c’è l’ars, ovvero l’arte, e dall’altro c’è la theke, il luogo che la racchiude.

Ecco allora che se la biblioteca è il luogo che conserva e fa circolare i libri, l’artoteca si occupa di custodire e diffondere le opere d’arte. Al suo interno possiamo trovare una collezione costantemente aggiornata di opere, il cui uso viene concesso a singole persone, scuole, organizzazioni e dell’intera comunità, affinché la cultura sia per tutti. Insomma, è una vera e propria pratica di cittadinanza attiva!

Artoteca1

Così il Piemonte avrà la sua prima artoteca che si chiama “Di-Se” (Disegnare il Territorio) e che vede coinvolte l’Associazione Musei d’Ossola, il Museumzentrum, La Caverna di Naters e Associazione Asilo Bianco, con sede espositiva e operativa a Domodossola. L’idea di fondo, che vedrà portare avanti nei prossimi anni un percorso di diffusione culturale con un’importante base sociale, è quella di dare a tutti la possibilità di godere temporaneamente, all’interno delle proprie case, di un’opera d’arte. Così il servizio è pensato per fare in modo che l’arte possa essere al servizio di tutti, indipendentemente dalla condizione economica, dalla professione o dal titolo di studi.

L’esposizione è una collezione in continuo aggiornamento: molte delle opere raccolte, come nel caso di illustrazioni, stampe e disegni, fanno parte della mostra itinerante Herbarium Vagans, di cui vi abbiamo parlato qualche mese fa in occasione della sua inaugurazione. Si tratta di opere che ci raccontano il mondo vegetale a 360 gradi: Herbarium Vagans è un erbario itinerante per tutti gli appassionati di botanica, ma anche per chi vuole scoprire le erbe e i fiori che popolano le nostre montagne. Il progetto è stato inaugurato ad agosto 2020 e, per tutto il periodo estivo, si era spostato nelle città dell’Alto Piemonte, ospitando artisti italiani e internazionali che hanno reinterpretato in chiave artistica il mondo naturale alpino, raccontando l’effetto dei cambiamenti climatici.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Artoteca4

Come spiegato nel sito, il funzionamento dell’artoteca è molto semplice: nel caso di Domodossola per accedere al prestito basta essere iscritti al servizio, dopodiché nello spazio espositivo sarà possibile scegliere fino a un massimo di due opere contemporaneamente e, con l’aiuto del personale esperto, sarà possibile avere informazioni più dettagliate sull’autore e in generale sul mondo dell’arte. La durata del prestito “domestico” sarà di massimo 60 giorni e successivamente l’opera verrà riportata alla sala espositiva, per essere ospitata in una nuova abitazione.

L’artoteca è un’iniziativa del progetto Interreg Italia-Svizzera “DI-SE. Conoscere il territorio attraverso il disegno e le arti”, nato da un lavoro di progettazione in rete. Il progetto prevede che durante i tre anni di lavoro vengano organizzati workshop e corsi di disegno, mostre e attività didattiche nei musei, street sketch, performance teatrali, video creazioni, incontri con artisti, cene e momenti conviviali, in un concerto di eventi che porterà a una forma inedita di conoscenza e valorizzazione del territorio e della cultura alpina. Così sarà non solo uno strumento di diffusione culturale ma anche d’inclusione sociale, quale spazio d’incontro e partecipazione attiva.

Articoli simili
Come nasce la carta? Un mastro cartaio di Genova racconta la “magia”
Come nasce la carta? Un mastro cartaio di Genova racconta la “magia”

Io faccio così #226 – BallarArt: così i bambini di Palermo crescono attraverso l’arte

Patrimonio immateriale, l’esperienza dell’Ecomuseo raccontata a Palermo
Patrimonio immateriale, l’esperienza dell’Ecomuseo raccontata a Palermo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Salto nelle Marche: un’agricoltura che rigenera il suolo e le relazioni è possibile! – Io Faccio Così #330

|

In Val Borbera una piccola frazione diventa il “paese degli spaventapasseri”

|

Crisi climatica: il WWF crea un fondo per combatterla in 4 mosse

|

FAWLTS: una rete di studenti e alumni per capire “cosa farò da grande”

|

A Torino un giardino pubblico si trasforma per due giorni in Mercato della Biodiversità

|

Lo Yoga della Risata, la miglior medicina per rinforzare il sistema immunitario

|

Al via la Settimana Europea della Mobilità: muoversi meglio per un mondo migliore