6 Mag 2021

In Piemonte nasce l’artoteca, per ospitare un’opera d’arte a casa tua

Scritto da: Lorena Di Maria

Anche il Piemonte avrà la sua artoteca! Si chiama Di-Se ed è la prima iniziativa avviata in regione, più precisamente a Domodossola. Sarà un vero e proprio servizio culturale rivolto alla cittadinanza, con lo scopo di avvicinare l’arte contemporanea a quanti finora ora ne sono rimasti lontani per ragioni culturali o economiche.

Verbania - Avete mai sentito parlare di un’”artoteca”? Per capire meglio di cosa si tratta, provate a pensare al funzionamento di una normalissima biblioteca: un luogo carico di cultura dove libri e manuali sono per tutti e passano di casa in casa, diffondendo tutta la bellezza della lettura. Proprio da questo presupposto nasce l’artoteca: da un lato c’è l’ars, ovvero l’arte, e dall’altro c’è la theke, il luogo che la racchiude.

Ecco allora che se la biblioteca è il luogo che conserva e fa circolare i libri, l’artoteca si occupa di custodire e diffondere le opere d’arte. Al suo interno possiamo trovare una collezione costantemente aggiornata di opere, il cui uso viene concesso a singole persone, scuole, organizzazioni e dell’intera comunità, affinché la cultura sia per tutti. Insomma, è una vera e propria pratica di cittadinanza attiva!

Artoteca1

Così il Piemonte avrà la sua prima artoteca che si chiama “Di-Se” (Disegnare il Territorio) e che vede coinvolte l’Associazione Musei d’Ossola, il Museumzentrum, La Caverna di Naters e Associazione Asilo Bianco, con sede espositiva e operativa a Domodossola. L’idea di fondo, che vedrà portare avanti nei prossimi anni un percorso di diffusione culturale con un’importante base sociale, è quella di dare a tutti la possibilità di godere temporaneamente, all’interno delle proprie case, di un’opera d’arte. Così il servizio è pensato per fare in modo che l’arte possa essere al servizio di tutti, indipendentemente dalla condizione economica, dalla professione o dal titolo di studi.

L’esposizione è una collezione in continuo aggiornamento: molte delle opere raccolte, come nel caso di illustrazioni, stampe e disegni, fanno parte della mostra itinerante Herbarium Vagans, di cui vi abbiamo parlato qualche mese fa in occasione della sua inaugurazione. Si tratta di opere che ci raccontano il mondo vegetale a 360 gradi: Herbarium Vagans è un erbario itinerante per tutti gli appassionati di botanica, ma anche per chi vuole scoprire le erbe e i fiori che popolano le nostre montagne. Il progetto è stato inaugurato ad agosto 2020 e, per tutto il periodo estivo, si era spostato nelle città dell’Alto Piemonte, ospitando artisti italiani e internazionali che hanno reinterpretato in chiave artistica il mondo naturale alpino, raccontando l’effetto dei cambiamenti climatici.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Artoteca4

Come spiegato nel sito, il funzionamento dell’artoteca è molto semplice: nel caso di Domodossola per accedere al prestito basta essere iscritti al servizio, dopodiché nello spazio espositivo sarà possibile scegliere fino a un massimo di due opere contemporaneamente e, con l’aiuto del personale esperto, sarà possibile avere informazioni più dettagliate sull’autore e in generale sul mondo dell’arte. La durata del prestito “domestico” sarà di massimo 60 giorni e successivamente l’opera verrà riportata alla sala espositiva, per essere ospitata in una nuova abitazione.

L’artoteca è un’iniziativa del progetto Interreg Italia-Svizzera “DI-SE. Conoscere il territorio attraverso il disegno e le arti”, nato da un lavoro di progettazione in rete. Il progetto prevede che durante i tre anni di lavoro vengano organizzati workshop e corsi di disegno, mostre e attività didattiche nei musei, street sketch, performance teatrali, video creazioni, incontri con artisti, cene e momenti conviviali, in un concerto di eventi che porterà a una forma inedita di conoscenza e valorizzazione del territorio e della cultura alpina. Così sarà non solo uno strumento di diffusione culturale ma anche d’inclusione sociale, quale spazio d’incontro e partecipazione attiva.

Articoli simili
Naturalmente Pianoforte: 35 pianisti italiani e stranieri parteciperanno a Piano Academy
Naturalmente Pianoforte: 35 pianisti italiani e stranieri parteciperanno a Piano Academy

In arrivo il Festival Internazionale dei Beni Comuni a Chieri

Un anno per la Valle… intorno a un albero che cresce

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Green pass, ecco le nostre opinioni: libere, rispettabili e aperte al confronto

|

Fra borghi antichi e natura incontaminata, lungo la Ciclovia dei Parchi della Calabria

|

Le ambulanze veterinarie in Liguria: chi vuole dedicarsi agli animali in difficoltà?

|

Artigianato e comunità: a Matera nasce la Bottega Diffusa

|

Medicina popolare sarda: le cure di “nonna” fra scienza, magia e tradizione

|

Scuola, salute, green pass, crisi ambientale: ecco le soluzioni possibili

|

Green pass obbligatorio: l’Italia è in fermento – Aspettando Io Non Mi Rassegno #3