5 Ago 2020

Herbarium vagans: la mostra itinerante di botanica sulle erbe di montagna

Scritto da: Lorena Di Maria

Herbarium vagans è un vero e proprio erbario itinerante per tutti gli appassionati di botanica, ma anche per chi vuole scoprire le erbe e i fiori che popolano le nostre montagne. È stato inaugurato il primo agosto a Domodossola e, per tutta l’estate, si sposterà nelle città dell’Alto Piemonte, ospitando artisti italiani e internazionali che reinterpretano in chiave artistica il mondo vegetale raccontando l’effetto dei cambiamenti climatici.

Verbania - Non è soltanto una mostra o un’esposizione ma un vero e proprio erbario itinerante per far conoscere tutti i segreti delle piante e delle erbe officinali che rievocano immagini, profumi e ricordi del mondo alpino. Proprio come suggerisce il suo nome, “Herbarium vagans” si sposterà da una città all’altra insieme alle opere di artisti italiani e internazionali che hanno ritratto, ognuno secondo il proprio stile, un’erba officinale che cresce tra Alpi e Prealpi.

Tra gli artisti coinvolti ci saranno pittori botanici che raffigurano il mondo vegetale dal punto di vista naturalistico ed artisti contemporanei che hanno reinterpretato e riletto il mondo naturale alpino fatto di erbe, fioriture, colori, profumi di montagna.

Herbarium Vagans2

Herbarium vagans è il primo appuntamento espositivo all’interno del progetto Interreg Italia-Svizzera “Di-Se – DiSegnare il territorio” curato dall’Associazione Musei d’Ossola, Museumzentrum, La Caverna di Naters e associazione culturale Asilo Bianco sul lago d’Orta e le attività di questo primo anno, hanno come focus proprio le erbe officinali e i cambiamenti climatici sulle Alpi. La mostra avrà luogo dal 1 al 30 agosto nei centri storici di Santa Maria Maggiore in Valle Vigezzo (sezione pittori botanici) e di Domodossola (artisti contemporanei) e, per tutto il mese di settembre, verrà ospitata ad Orta San Giulio nel Cusio e successivamente in Svizzera, in Canton Vallese.

I percorsi a cielo aperto e sparsi nei centri storici e in angoli suggestivi sono pensati per accompagnare l’osservatore in un viaggio a piedi tra profumi, atmosfere e suggestioni alpine. L’obiettivo è permettere di approfondire la conoscenza della diversità degli organismi vegetali e di ritrovare informazioni, riferimenti e nomi scientifici delle piante e delle erbe. La pubblicazione include i testi a cura dell’erborista Valeria Tantardini, che spiegano l’utilizzo di ogni erba ritratta andando a raccontare storie, curiosità, miti popolari e leggende.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Herbarium Vagans

Gli artisti in mostra a Santa Maria Maggiore fanno parte di Floraviva, l’Associazione italiana pittori botanici che riunisce i più qualificati interpreti in Italia di questo genere artistico, a metà tra arte e approccio scientifico. Come riporta il comunicato stampa dell’evento, «alcuni hanno esposto in importanti musei, altri collaborano con testate nazionali, alcuni si mostrano per la prima volta in pubblico, altri realizzano grossi murales e opere d’arte pubblica, alcuni sono più vicini all’arte figurativa, altri sono più criptici e hanno un segno più duro, alcuni hanno disegnato per importanti festival del cinema, altri hanno pubblicato libri e creato scenografie per il teatro».

All’evento parteciperanno anche artisti che, in un’ottica di sostenibilità, trasformano plastica e materiali di riciclo in nuovi manufatti e alcuni gelatieri di Domodossola e Santa Maria Maggiore creeranno per l’occasione il gelato “Herbarium” per la riscoperta delle erbe in ambito culinario.

Herbarium Vagans1

Nelle ultime settimane, sempre più persone hanno deciso di spostarsi tra laghi e montagne e Herbarium vagans vuole contribuire all’offerta culturale per diffondere la conoscenza della natura locale e raccontare tradizioni, cucina e usanze del territorio piemontese. Così dimostra «come arte e disegno siano uno strumento potente per avvicinare le persone alla natura che non solo ci circonda, ma di cui dobbiamo ricordarci di essere parte».

Articoli simili
Persone: la mostra fotografica che racconta Finalborgo attraverso chi ci vive
Persone: la mostra fotografica che racconta Finalborgo attraverso chi ci vive

Il festival alimentato dalle biciclette che parla di sostenibilità: benvenuti a Teatro a Pedali!
Il festival alimentato dalle biciclette che parla di sostenibilità: benvenuti a Teatro a Pedali!

Un antico palazzo di Mazzarino rinasce: ecco The Embassy of Farm, un luogo di rigenerazione, cultura e socialità
Un antico palazzo di Mazzarino rinasce: ecco The Embassy of Farm, un luogo di rigenerazione, cultura e socialità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk