17 Dic 2021

“Segui la capanna”, il percorso natalizio per esplorare i paesi della val Borbera

Scritto da: Valentina D'Amora

Una mappa in mano e le tappe della mostra diffusa di presepi realizzati a mano. "Segui la capanna" è il nuovo progetto che valorizza questo angolo di Piemonte selvaggio, con un programma vivace e ricco di eventi organizzati da una rete di realtà e associazioni locali.

Alessandria - Una mostra diffusa, ma soprattutto un itinerario per andare alla ricerca di una piccola capanna rossa che accompagna i visitatori a scoprire i presepi più caratteristici della val Borbera e, nel contempo, a perdersi lungo i piccoli paesi e i borghi della valle, avvolti dalla neve e dall’atmosfera del periodo più affascinante dell’anno.

«Nei vari paesi valborberini i presepi ci sono sempre stati – spiega Silvia Porcile, dell’associazione Il paese degli spaventapasseri –, ma venivano visti solo dagli abitanti. Quest’anno abbiamo creato un itinerario dedicato mettendo in rete tutti i borghi, proprio con l’intento di invogliare più persone possibili a visitarli».

SEGUI LA CAPANNA E SCOPRI I PRESEPI ARTIGIANALI

Una piccola capanna rossa indica il percorso e, mappa alla mano, si parte per il tour dei presepi. Oltre a quelli tradizionali, quest’anno sono tantissimi quelli artigianali: come quello di Borghetto Borbera, all’interno della chiesa parrocchiale, nato dalla creatività di Alessandro Re e di sua moglie Gabriella, creato con materiali locali.

C’è, poi, il presepe di Molo, realizzato da Giovanni Moro con i sassolini del fiume Borbera, raffigurante proprio il paesaggio del borgo. A Cantalupo il presepe ha preso vita da sagome di compensato modellate dai commercianti e cittadini del paese. Vigo ospita un presepe creato dai bambini e dalla comunità vighese e anche a Roccaforte i quattro presepi, di cui uno nel “truogolo” sono realizzati a mano, da Giorgia di Borassi e dalle sorelle Casale.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

E a Vendèrsi? «Neanche a dirlo, naturalmente artigianale», sorride Silvia. «Abbiamo posizionato nel rifugio la natività con gli spaventapasseri creati con rete da conigli modellata e vestiti di recupero. Resterà esposta a dicembre, tutto gennaio e forse anche per parte del mese di febbraio».

presepe vendersi
La natività degli spaventapasseri sotto la neve
UN NUOVO PROGETTO DI RETE

Dietro a “Segui la capanna” c’è un intreccio di associazioni, proloco ed enti locali delle valli Borbera e Spinti che si sono nuovamente uniti per dare vita a questo progetto di valorizzazione del territorio. «Da quest’estate e, soprattutto, dopo la festa d’autunno – prosegue Silvia – abbiamo deciso di collaborare tutti insieme per rendere la Val Borbera più viva».

«Dopo varie riunioni e incontri di coordinamento è nato un vivace programma natalizio: dai mercatini di prodotti locali, per acquistare e gustare le cose buone della valle, ai laboratori per bambini, che possono imparare a creare con le proprie mani gli addobbi natalizi, passando per i concerti e le visite ai tanti presepi realizzati a mano».

Le proloco aderenti al progetto hanno ideato anche due concorsi rivolti a residenti e negozianti della valle con l’obiettivo di vivacizzare la comunità locale. Il primo, “La più bella vetrina di Natale”, è dedicato alle attività commerciali. Si può votare l’allestimento preferito imbucando la scheda con la propria preferenza nell’urna collocata davanti ai negozi valligiani che partecipano all’iniziativa oppure votare sulle pagine social delle proloco. “L’Albero di Natale più bello” invece è il contest dedicato a tutti gli abitanti che possono partecipare addobbando un albero di Natale all’esterno delle proprie case. Nei giorni scorsi un fotografo ha immortalato le creazioni e una giuria decreterà i vincitori.

roccaforte truogoli
Il presepe nel pozzo di Roccaforte Ligure, tappa di “Segui la capanna”

Il ricavato di tutte le offerte libere sarà devoluto a TMA Onlus e all’associazione genovese Noi per voi, che si sta occupando delle terapie riabilitative di due bambini colpiti da sindromi rare. Sostenere la famiglie di questi piccoli pazienti che necessitano di cure costanti e di essere monitorati dal personale medico è l’obiettivo dell’associazione che persegue svariati progetti solidali.

IL PROGRAMMA

Oltre al tour dei presepi, nei prossimi giorni sono previsti diversi eventi. Eccoli:

Il 18 dicembre alle 21, nella chiesa di San Lorenzo di Cabella Ligure, avrà luogo il concerto di Natale, a cura della Corale Val Borbera.

Il 19 dicembre a Cantalupo e il 24 dicembre a Cabella verranno allestiti i mercatini di Natale dove acquistare oggetti di artigianato e assaggiare dolci e specialità locali.

Il 23 dicembre, dalle 14 alle 16, Babbo Natale passerà dalle vie di Rocchetta Ligure per consegnare ai più piccoli qualche regalo.

Articoli simili
“Dieci storie proprio così” arriva al Teatro Stabile di Torino

“Siamo fatti per questi tempi?”: tornano gli incontri filosofici

Tre artisti si esibiscono nella natura per promuovere l’economia circolare
Tre artisti si esibiscono nella natura per promuovere l’economia circolare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il mondo nella trappola del debito – #450

|

65 domande per le future imprenditrici. Voi cosa rispondete?

|

S.O.S. Sanità Pubblica Liguria: denunce e proposte per salvare la nostra sanità

|

Piantare alberi contro il cambiamento climatico: il sogno della Foresta condivisa del Po piemontese

|

La danza degli opposti: e se le differenze generassero risate invece che odio?

|

La psicologa Cavallini: Covid devastante sulla psiche umana, la psicologia non deve più essere un tabù!

|

La dura vita di pazienti non Covid (e dei loro accompagnatori) in ospedale

|

I consumi dell’UE minacciano ecosistemi ricchi di biodiversità cruciali per la lotta al cambiamento climatico