9 Giu 2016

#vistadaqui: una fotografia può diventare un dono per una realtà del territorio

Scritto da: Redazione

Raccontare Torino in un'immagine scattando una fotografia che potrà donare 10.000 € a una realtà noprofit del territorio. Il nostro Roberto Vietti partecipa al concorso #vistadaqui con uno scatto fatto a due passi dal brulicante mercato di Porta Palazzo di Torino. Ecco di cosa si tratta e come votare!

Come diventare filantropi per un giorno? Con una fotografia. Questa è la stuzzicante proposta fatta dalla Compagnia di San Paolo. Chi vincerà il concorso potrà infatti donare 10.000 € ad una realtà noprofit del territorio torinese.

 

Per poter raggiungere questo obiettivo abbiamo necessità del tuo sostegno con un semplice voto al seguente link: https://pro.iconosquare.com/facebooktab/it/3334/newest/grid/654585

 

Per votare bisogna cliccare sulla foto, andare in fondo alla pagina e cliccare sul cuore, quindi accedere con Facebook e cliccare nuovamente sul cuore che a questo punto diventa rosso, segno che il nostro voto è definitivo.

 

Questo è lo scatto presentato da Roberto con la susseguente descrizione:

 

IMG_7069 (Large)

Una tavola a quadrettoni, un po’ sbiadita ma sempre pronta a riunire attorno a sé persone da ogni parte del mondo. Le si appoggiano sopra quattro peperoni, qualche carota, un fiasco di vino ma soprattutto le storie e le avventure dei suoi commensali, ogni volta meravigliosamente diversi. Un profumino giunge dalla piazza, arriva la bagna caouda. Si accendono le candele, in alto i calici! La mia Torino è proprio come questa tavola. #vistadaqui.

 

Ai commensali è stato chiesto di partecipare alla realizzazione della fotografia direttamente il giorno in cui è stata scattata l’istantanea. Sono proprio loro le persone che quotidianamente si ritrovano in quel luogo magico chiamato mercato di Porta Palazzo, in cui ogni giorno si mischiano culture da ogni parte del mondo. Abbiamo così pensato di fare riunire tutte queste diversità attorno ad una tavola con un bicchiere di vino in mano pronte a gustarsi il piatto tipico della cucina piemontese: la bagna caoda.
Ecco che la tavola diventa così il luogo dedicato all’incontro, alla discussione, all’apertura e al contatto.

 

 

Articoli simili
Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia
Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli
Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili
Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale