19 Mag 2022

Alla Piccola Ghianda Magica si gioca e si impara immersi in un bosco di tigli

Scritto da: Benedetta Torsello

Ispirandosi ai principi della pedagogia del bosco e dell’educazione outdoor, La Piccola Ghianda Magica nasce per offrire un percorso educativo che unisce natura, arte e filosofia per i più piccoli, con un approccio che stimola in loro creatività, empatia e senso critico. Ce ne hanno parlato Chiara e Serena, che dopo anni trascorsi all’estero hanno deciso di rientrare nelle Langhe e ripartire dal loro territorio.

Cuneo - Una scuola senza muri, cattedre e banchi, dove imparare tra i tigli di un bosco e al riparo di una casetta in legno, era il sogno di Chiara, laureata in filosofia e qualificata in Philosophy for Children all‘Università di Firenze. Nasce così La Piccola Ghianda Magica, a Neive (CN) nel cuore delle Langhe: «Non si tratta semplicemente di un asilo nel bosco – precisa Chiara – ma di un percorso educativo all’aria aperta, in cui i bambini hanno l’opportunità di imparare grazie all’osservazione, il gioco e l’esperienza sensoriale».

RITORNO NELLE LANGHE

Quello della Piccola Ghianda Magica non è solo un progetto pedagogico, ma un viaggio di ritorno imprevedibile. Almeno per Serena, rientrata nelle Langhe dopo anni frenetici tra Roma, Monaco e Stoccolma. Laureata in psicologia sociale ed esperta di marketing e comunicazione, decide di rientrare ad Alba alla vigilia del primo lockdown, che ha letteralmente stravolto i suoi piani.

«Prima ero sempre su un aereo con una valigia dietro – mi racconta –, ritrovarmi nella casa in cui sono cresciuta dopo aver deciso di lasciare l’azienda per cui lavoravo, è stato un cambiamento radicale e imprevisto. Ma mi ha dato l’opportunità di dedicarmi a progetti nuovi, a cui pensavo da tempo».

piccola ghianda magica 2

Chiara invece, sua amica dai tempi del liceo, aveva fatto ritorno nelle Langhe qualche anno prima e ristrutturato una vecchia casa della sua famiglia per aprire il b&b Gilda e i suoi amici. «Anch’io come Serena ho lasciato il mio lavoro da dipendente, esattamente un giorno prima del lockdown del 2020. Non è stato semplice all’inizio, perché non potevo lavorare neppure con la mia struttura ricettiva, ma mi sono rimboccata le maniche e ho sfruttato quel tempo sospeso per dedicarmi a qualcosa che davvero mi interessasse».

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Soprattutto si è resa conto che la valle intorno a quella casa rimessa a nuovo poteva ospitare delle attività ludiche ed educative rivolte ai più piccoli: «Nell’estate del 2020 ho realizzato un primo campo estivo con quattordici bambini – prosegue Chiara – ed è stata un’esperienza bellissima. Quelle ore trascorse all’aperto sono state liberatorie e spensierate, soprattutto dopo i mesi trascorsi in casa e dietro lo schermo di un computer».

Chiara aveva già lavorato a dei progetti nelle scuole e quella del campo estivo è partita come una scommessa, vinta grazie al passa parola tra le famiglie del paese. «Poi ne ho parlato con Serena e ci siamo messe a lavorare insieme al progetto della Piccola Ghianda Magica, pensando a tutta una serie di proposte educative per i bambini dai cinque ai dieci anni», spiega Chiara.

piccola ghianda magica 1
IMPARARE TRA NATURA, ARTE E FILOSOFIA

Ispirandosi agli insegnamenti di Loris Malaguzzi, alle scuole di Reggio Emilia e ai laboratori di sperimentazione creativa, la Piccola Ghianda Magia è stata concepita come un percorso educativo in natura, basato sulla commistione tra arte e filosofia. «Durante l’apprendimento è fondamentale stimolare la meraviglia: l’esperienza educativa stessa nasce dall’inaspettato», spiega Chiara. La natura è fonte inesauribile di scoperte, oltre a essere un contesto educativo ricco di opportunità: «Stare liberi all’aria aperta accresce nei bambini la curiosità, la fantasia e la creatività, ponendo le basi per un apprendimento autentico», aggiunge Chiara.

È quindi fondamentale favorire sempre un’interazione spontanea tra i bambini e l’ambiente circostante. Ecco perché l’atelier e i laboratori artistici sono concepiti come uno spazio di sperimentazione di vari linguaggi espressivi, senza necessariamente dover giungere a un risultato: un modo per liberare la propria immaginazione e favorire la scoperta di sé. Questo permette ai bambini di esprimersi in modi diversi, al di là del solo linguaggio verbale.

piccola ghianda magica
GIOCARE A PORSI DELLE DOMANDE

Alla Piccola Ghianda Magica tutte le attività sono pensate e realizzate in base alla fascia di età, ma per tutti l’esercizio della filosofia rappresenta sin da piccoli un ottimo strumento per lo sviluppo delle competenze logiche e riflessive. «Partendo da quello che tecnicamente si definisce un pretesto – un racconto, un’immagine, un oggetto – i bambini vengono stimolati a porsi delle domande e costruire un dialogo. In questo modo imparano a elaborare il significato dei problemi e a pensare in modo libero e autonomo», spiega Chiara.

L’approccio alla filosofia sin da piccoli permette di stimolare inoltre il senso critico e le capacità relazionali e comunicative del bambino, che è chiamato ad ascoltare e a interagire con gli altri, argomentando le proprie idee e imparando a rispettare il punto di vista altrui.

La natura è fonte inesauribile di scoperte, oltre a essere un contesto educativo ricco di opportunità

Nel team educativo del progetto insieme a Chiara ci saranno Silvano, con una lunga esperienza da educatore professionale e Sara, la più giovane del gruppo, con già diversi anni di attività didattiche alle spalle. «Riteniamo che un gruppo vario per età ed esperienza sia un valore aggiunto al percorso educativo che abbiamo immaginato per la Piccola Ghianda Magica», aggiunge Serena.

piccola ghianda magica 3

Anche per i più grandi, che possono già frequentare il dopo scuola, sono previste attività all’aperto di gioco e orto didattico. Per i bambini più piccoli è stata costruita una cucina a loro misura con materiali di recupero dove poter giocare con terra, fango, foglie e rametti. «Abbiamo allestito lo spazio di gioco con vari elementi naturali raccolti nel bosco, perché è importante che imparino a inventare dei giochi, senza necessariamente attenersi agli stimoli e alle indicazioni degli adulti», prosegue Chiara.

RISCOPRIRE E VALORIZZARE IL TERRITORIO

Per Chiara e Serena quello della Piccola Ghianda Magica è solo un primo passo verso un progetto più ampio legato alla valorizzazione e tutela del territorio attraverso un turismo più responsabile e lo sviluppo di una comunità attiva e coesa. Infatti con la loro associazione di promozione sociale, Citaca, hanno in cantiere tante nuove iniziative. Intanto potete andarle a trovare a Neive e portare bambine e bambini a scoprire il bosco di tigli e la casetta di legno della Piccola Ghianda Magica.

Per scoprire tutte le attività della Piccola Ghianda Magica è possibile partecipare al prossimo open day che si terrà il 23 maggio.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Un parco giochi diffuso può valorizzare i centri storici? In val Borbera sì, è GioCabella!
Un parco giochi diffuso può valorizzare i centri storici? In val Borbera sì, è GioCabella!

Tre donne prendono in gestione il parco Barontini e lo trasformano in uno spazio di socialità
Tre donne prendono in gestione il parco Barontini e lo trasformano in uno spazio di socialità

Facciamo scuola, il progetto educativo dove a insegnare sono sole, vento e pioggia
Facciamo scuola, il progetto educativo dove a insegnare sono sole, vento e pioggia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne