20 Giu 2022

Il festival alimentato dalle biciclette che parla di sostenibilità: benvenuti a Teatro a Pedali!

Scritto da: Lorena Di Maria

Dal 17 al 26 giugno 2022, al Teatro Il Mulino di Piossasco (TO), torna il Festival Teatro a Pedali, il primo festival a basso impatto ambientale promosso da Mulino ad Arte in cui tutti gli spettacoli vengono alimentati dalla pedalata del pubblico, per dare vita a una kermesse inclusiva e partecipata.

Torino - Una settimana di spettacoli teatrali, musica, moda e scienza in un festival che parla di sostenibilità e la mette in pratica, facendo emergere i giovani artisti e coinvolgendo il pubblico con un approccio esperienziale. Lo storico Mulino di Piossasco oggi è diventato un eco teatro: sede del progetto The Green Theater, anche quest’anno ospiterà un festival che, proprio come questo luogo, promuove tematiche ambientali e stili di vita a basso impatto.

Parliamo del Festival Teatro a Pedali, che propone arte e spettacolo accompagnati da momenti esperienziali in cui i partecipanti si trovano al centro della performance. L’elemento che lo rende diverso da molti altri festival è la presenza di una postazione di biciclette collegate a un sistema di cogenerazione elettrica, che permettono la produzione di energia necessaria per alimentare l’impianto audio e luci del palco.

Festival Teatro a Pedali
L’EDIZIONE DI QUEST’ANNO

«Sono tre gli elementi centrali di questa edizione del Festival Teatro a Pedali», racconta Daniele Ronco, direttore artistico di Mulino ad Arte. «Il protagonismo del pubblico con eventi, laboratori e spettacoli esperienziali per riavvicinarsi gli uni agli altri, per riconnettersi con il proprio sé e con la natura; poi i temi sociali e ambientali affrontati durante i talk e con la sfilata di abiti second hand a cui ridare nuova vita e sostenere chi non può permettersene l’acquisto; infine i giovani».

L’obiettivo, dopo due anni di pandemia e di distanziamento sociale, è quello di riavvicinare le persone al mondo della cultura e ai rapporti sociali attraverso un festival a basso impatto ambientale per riflettere sul pianeta e sulle azioni che ognuno di noi può compiere per migliorare i nostri stili di vita. «Abbiamo lanciato due call nazionali per selezionare spettacoli da programmare e una di queste ha visto la premiazione di una produzione under 30, coinvolgendo ragazze e ragazzi nella scelta degli stessi spettacoli.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Festival Teatro a Pedali1
IL PROGRAMMA: TRA CAMBIAMENTO CLIMATICO, MODA ETICA E AMBIENTE

Il Festival si apre il 17 giugno nella dimora storica di Casa Lajolo, con la “Cena in silenzio”, per entrare in contatto profondo con il cibo e con le persone con cui si condivide la tavola. La sera del 19 giugno è poi dedicata ai giovani con il concerto a pedali Earth Beat, in cui si esibiscono alcune giovani band del territorio come Euphonia, Indaco, Kanerva, The Gentleband e Vito. Dal 21 al 26 giugno il Festival entra nel vivo: ogni giorno vengono affrontate le diverse tematiche legate alla sostenibilità ambientale: si parlerà di botanica, clima, moda, sport e agricoltura. Tutto questo attraverso aperi-talk moderati da Andrea Vico, giornalista e divulgatore scientifico.

Il teatro, la musica, la moda e la scienza accompagnano tutte le sere con grandi spettacoli alimentati grazie alle biciclette del format Teatro a Pedali: il 21 giugno sarà la musica protagonista nella serata dedicata a “botanica & jazz” con Fabrizio Bosso (tromba) e Julian Oliver Mazzariello (pianoforte). Mentre nella giornata dedicata al “Climate change”, il 22 giugno, si potrà assistere allo spettacolo di divulgazione scientifica di Luca Mercalli.

L’obiettivo, dopo due anni di pandemia è quello di riavvicinare le persone al mondo della cultura

Il 23 giugno, per il tema “Umane risorse”, la cui direzione artistica è stata affidata ai giovani Green Guys e Teatro Affido, andrà in scena lo spettacolo teatrale “Voci dal bosco”, una produzione Teatro Selvatico APS, inserita nel network “Risonanze” di compagnie under 30. Sul tema della moda etica sarà presente il 24 giugno la sfilata di Bali Lawal: “Cast Off” è il progetto per ridare vita ai vestiti dismessi. Il 25 giugno sarà lo sport il tema della giornata ed infine il festival si concluderà con il tema “Madre Terra”, il 26 giugno, tema che verrà anche portato sul palco dallo spettacolo teatrale “Saluti dalla terra”, produzione Teatro dell’Orsa.

I biglietti si possono acquistare su Vivaticket e Teatro a pedali, mentre è possibile rimanere aggiornati su iniziative e promozioni scrivendo a info@mulinoadarte.com 

Articoli simili
Persone: la mostra fotografica che racconta Finalborgo attraverso chi ci vive
Persone: la mostra fotografica che racconta Finalborgo attraverso chi ci vive

Un antico palazzo di Mazzarino rinasce: ecco The Embassy of Farm, un luogo di rigenerazione, cultura e socialità
Un antico palazzo di Mazzarino rinasce: ecco The Embassy of Farm, un luogo di rigenerazione, cultura e socialità

Poetry for the planet!, la sfida a colpi di rime che parlano di cambiamento climatico
Poetry for the planet!, la sfida a colpi di rime che parlano di cambiamento climatico

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk