1 Ott 2018

A Vaprio D’Agogna un nuovo Terzo Paradiso

Scritto da: Luca Deias

Arte sociale e salvaguardia della natura: nel paese in provincia di Novara, l'artista Gianluca Raro ha elaborato una sintesi grafica della pianta di ulivo con il segno-simbolo di Michelangelo Pistoletto.

Un nuovo murale illuminerà d’arte piazza Don Luigi Cerruti nel comune novarese di Vaprio D’Agogna. Il progetto, ideato dalla curatrice, docente e ambasciatrice Rebirth/Terzo Paradiso Grazia Simeone, verte sulla realizzazione di un’opera che ha come tematica portante la “natura” e la sua salvaguardia. La chiave per portare il messaggio di sostenibilità ambientale è il Terzo Paradiso: attraverso una rappresentazione del segno-simbolo di Michelangelo Pistoletto, l’artista partenopeo Gianluca Raro ha elaborato una sintesi grafica della pianta di ulivo – costante della sua poetica – inserendovi il simbolo trinamico. Lo scopo dell’autore, con il murale, è valorizzare il territorio con un’opera che possa portare a una sensibilizzazione sociale sui temi della salvaguardia dell’ambiente e del rispetto della natura.

Lo street artist napoletano, inoltre, non è nuovo a interventi di riqualificazione di spazi urbani, poi “trasformati” in luoghi di aggregazione. A questo proposito, la piazza che ospiterà la nuova opera d’arte sarà un luogo urbano molto frequentato, in quanto accoglierà presto la farmacia e l’ambulatorio del paese.

“Nella sua opera – si legge in una nota stampa dell’Associazione Volontari Biblioteca di Vaprio d’Agogna – l’artista Gianluca Raro fonde, secondo i dettami del Terzo Paradiso, l’ambiente della struttura artificiale con la natura circostante ricercando l’armonia tra i due elementi. Seguendo la filosofia di Pistoletto ne mette in evidenza la continuità e non la contraddizione: propone, infatti, non un semplice e banale ritorno alla natura ma un tentativo di riconciliazione dell’uomo con la stessa. Un messaggio di importanza mondiale che, attraverso questo intervento esempio di un percorso di decorazione urbana innovativo, porterà anche Vaprio d’Agogna ad acquisire una dimensione culturale e artistica di ampio respiro con risonanze positive sull’intero territorio novarese. L’opera è stata resa possibile grazie al contributo oneroso di un concittadino, Carlo Rossi, che ha condiviso gli obiettivi generali del progetto e, in particolare, di questo intervento artistico”.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5