14 Mag 2021

Pillole in Versi: un intero borgo viene curato dalla poesia

Scritto da: Lorena Di Maria

Le parole non sono solo pietre o carezze, sono anche azioni: da questa convinzione nasce “Pillole in Versi”, un progetto ideato da Maria Rosa Panté, docente che a Borgosesia ha dato vita a un'iniziativa diffusa e comunitaria che dalle scuole ha saputo coinvolgere tutta la comunità. Qui i cittadini, nei negozi, nelle farmacie o dal dottore, donano e ricevono "atti poetici" che insegnano come la parola possa "curare" anche nei periodi più difficili.

Salva nei preferiti

Vercelli - Pillole in Versi nasce come sogno in una sera d’inverno, con la pandemia in corso, e «oggi è un progetto che spera di fare del bene alla gente, farla sentire accolta, piena di bellezza, grazie alla cura della parola e della poesia». L’iniziativa parte da una intuizione di Maria Rosa Panté, docente responsabile dell’educazione civica nella scuola IIS Lancia di Borgosesia, in collaborazione con la commissione educazione civica dell’Istituto e i coordinatori di altre scuole locali.

L’idea alla base è molto semplice e proprio grazie alla sua semplicità è riuscita a coinvolgere grandi e piccoli, avvicinando le persone in un momento di grande distanza: «La parola è azione e può essere pugno che ferisce, ma soprattutto può essere carezza che cura. L’iniziativa ha quindi questo obiettivo: far capire ai ragazzi/e, dalle scuole elementari alle superiori, che ogni volta che usano una parola possono scegliere se fare una carezza o dare uno schiaffo».

Pillole in versi3

E secondo Maria Rosa la poesia è la parola che cura per eccellenza. Così è riuscita a coinvolgere, grazie al supporto di dirigenti e docenti scolastici, più di trenta classi di ogni ordine e grado. A partire dalle lezioni di educazione civica, i ragazzi hanno scelto, raccolto o scritto dei versi di poesie, testi o canzoni che sono stati trascritti su dei foglietti, riportando il proprio nome ed età, oltre che il nome dell’autore dei versi. Successivamente i “messaggi” sono stati stampati e racchiusi all’interno di alcune scatole decorate con la scritta “prendi un verso”, che sono state collocate nei luoghi di cura del paese di Borgosesia.  

Pillole in Versi è stato pensato per coinvolgere l’intera comunità: dalle farmacie ai centri medici, dalle librerie alla casa di riposo (RSA), dal centro di salute mentale a quello per l’Alzheimer. Insomma, tutti hanno collaborato come hanno potuto per dare vita a questa azione diffusa di cura reciproca. Così le scatole sono state messe a disposizione di chiunque avesse voglia di prendere – insieme a un farmaco, una ricetta oppure un libro – un biglietto donato da uno sconosciuto.

Pillole in versi4

Ma non solo. Alcune scatole con la scritta “lascia un verso” sono state poi posizionate in vari spazi del paese, destinate a chi volesse contribuire e lasciare il proprio messaggio: i luoghi di cura, le librerie, l’ortofrutta, la panetteria. Luoghi ricchi di vita frequentati quotidianamente dai cittadini durante la giornata. Così anche un libraio, un fruttivendolo o un panettiere si sono magicamente trasformati in poeti per un giorno, pronti a ispirare, come in una reazione a catena, altre persone.

All’iniziativa hanno contribuito anche alcuni poeti con le loro produzioni già edite, mentre alcuni dei partecipanti, tra versi inventati e “presi in prestito”, hanno scelto di appuntare sul foglio il possibile destinatario del loro contributo: persone depresse, stanche o “malate” d’amore. Perché tutti abbiamo bisogno di un pensiero, di un conforto, e quando arriva nel momento in cui meno ce lo aspettiamo, è capace di diventare un vero dono.

Pillole in versi1

Come ha raccontato Maria Rosa, «vogliamo far conoscere l’evento perché sarebbe bello che in molti altri luoghi si ripetesse l’esperimento; forse migliorerebbe davvero la salute di tutti/e e sarebbe attuabile grazie all’educazione civica, ormai obbligatoria nelle scuole di ogni ordine e grado».

Proprio così le “pillole in versi” vogliono dimostrare che la gentilezza è contagiosa e che un gesto, seppur piccolo, può strapparci un sorriso, farci emozionare o – perché no? – può addirittura cambiarci la giornata. In questo modo una semplice frase custodita in un piccolo foglio di carta può far sì che una persona ne coinvolga altre cinque, dieci, cento. Centinaia persone che diffondono con amore “atti poetici” trasformandoli in una vera cura dell’anima. E non importa a chi saranno destinati, perché il loro effetto è assicurato.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola
Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

Lezioni ecologiche nelle scuole italiane, fra antropocene ed ecologia profonda
Lezioni ecologiche nelle scuole italiane, fra antropocene ed ecologia profonda

Cosa pensano (e provano) gli e le adolescenti?
Cosa pensano (e provano) gli e le adolescenti?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Scurati e gli altri. C’è un problema di censura in Rai? – #919

|

No border books, un kit di benvenuto per i piccoli migranti che approdano a Lampedusa

|

Intelligenza artificiale in azienda: ci sostituirà o ci renderà il lavoro più facile?

|

HandiCREA e il sogno di Graziella Anesi di un turismo accessibile e inclusivo

|

Lo strano caso di RWM Italia, tra business delle armi e la “cancellazione” di due fiumi

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

string(8) "piemonte"