28 Set 2021

Nasce l’Albero delle Identità, un’opera d’arte collettiva per la comunità di quartiere

Scritto da: Redazione

Quale modo migliore per celebrare socialità e sostenibilità di un lavoro collettivo a cui partecipano i cittadini del quartiere, grandi e piccoli? È proprio questo il focus dell'Albero delle Identità, un'opera d'arte co-creata in occasione di una rassegna che si terrà a Roma sabato 2 ottobre e di cui Italia Che Cambia è media partner.

Roma, Lazio - L’Albero delle Identità® è un’opera d’arte partecipata creata con la tecnica del mosaico artistico e realizzata in larga parte dai ragazzi delle scuole del territorio capitolino nell’ambito di un percorso di crescita personale e collettiva basato sul modello del Lean Art Coaching, un progetto di formazione esperienziale incentrato sull’acquisizione e potenziamento delle competenze “trasversali”, che pone la formazione – a scuola, in azienda, nel territorio – al centro della socialità, favorendo l’ampliamento della sua zona d’influenza.

Si tratta dunque di un lavoro artistico collettivo che ha lo scopo di favorire la creatività, la bellezza e al tempo stesso la creazione di legami sociali duraturi sulla base dei quali costruire una comunità coesa e resiliente. L’iniziativa è stata lanciata dall’associazione romana APS Happy Coaching and Counseling e fa parte del “Festival dello Sviluppo Sostenibile” promosso da ASVIS.

albero delle identita

Il lavoro dei ragazzi viene poi arricchito da centinaia di foglie in ceramica: “Foglie-Abilità”, realizzate da genitori, istituzioni, associazioni e singoli cittadini attraverso il medesimo modello formativo-esperienziale. Tale modello integra la naturale forza creativa ed inclusiva dell’arte con gli strumenti del coaching e i principi del miglioramento continuo del Lean Thinking.

L’EVENTO

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

L’appuntamento è fissato per sabato 2 ottobre presso i giardini di Piazza Vittorio a Roma, che ospiteranno l’apertura della edizione 21-22 dell’Albero delle Identità®. Questa esperienza di arte pubblica partecipata, esercizio di sostenibilità e di cittadinanza attiva, ha anche lo scopo di sensibilizzare e rafforzare la Comunità Educante per il raggiungimento del Goal n°4 “Istruzione di qualità” dell’Agenda 2030.

Ma quello del 2 ottobre sarà solo l’inizio di un lungo percorso. Di anno in anno infatti, tutti potranno partecipare attivamente alla crescita dell’albero attraverso la creazione della loro “Foglia-Abilità”, ognuna delle quali rappresenterà una diversa identità del territorio, con la propria storia e unicità che formando un’opera d’arte diventano un segno di condivisione, appartenenza e cura.

albero delle identita 2

L’ Albero delle Identità® di Piazza Vittorio, già “simbolo del carattere multietnico e resiliente del quartiere Esquilino”, vuole essere l’occasione per portare la Form-Azione fuori dalle aule per avere un impatto positivo e duraturo nella comunità di appartenenza.

OBIETTIVI DEL PROGETTO

Il progetto è patrocinato dall’ASVIS e partecipa concretamente al raggiungimento degli obiettivi dell’agenda 2030 (SDGs) perseguendo i seguenti macro-obiettivi:

  • Erogare formazione informale, raggiungendo tutte le fascia di età (long life learning (Goal N°4 ISTRUZIONE DI QUALITÀ)
  • Rafforzare il coinvolgimento dei lavoratori attraverso un accrescimento del senso di appartenenza ad un sistema integrato Azienda-Territorio (Goal N°8 LAVORO DIGNITOSO E CRESCITA ECONOMICA)
  • Innalzare e la responsabilizzazione dei cittadini e la resilienza delle comunità (Goal N°11 CITTÀ E COMUNITÀ SOSTENIBILI)
  • Ispirare una mentalità sostenibile e sistemica di tutte le componenti della società (Goal N°17 PARTNERSHIP PER GLI OBIETTIVI)

IL PROGRAMMA

Durante la giornata del 2 ottobre si alterneranno laboratori esperienziali di “Lean Art-Coaching” con l’obiettivo di coinvolgere attivamente il territorio in una rigenerazione urbana e valorizzazione identitaria.

Dalle ore 10:00 i partecipanti potranno pitturare e applicare al mosaico le proprie “Foglie-Abilità” precedentemente create. Dalle ore 16:00 i cittadini potranno partecipare alla sessione di Lean Art Coaching dedicata alla creazione della “Foglia-Abilità”.

Al fine di portare maggiore consapevolezza dell’impatto di noi stessi nel sistema a cui apparteniamo, il laboratorio si terrà all’ombra di un albero del giardino con cui si interagirà attraverso la musica del maestro Settimio Malatesta, che accompagnerà gli impulsi elettrici della pianta trasdotti in suoni da Alessandro De Iulis, permettendoci di ascoltare ciò che normalmente sfugge ai nostri sensi.

«Siamo convinti – concludono in una nota gli organizzatori – che il solo progresso sostenibile sia quello pensato e strutturato con al centro la persona, la sua formazione, la sua consapevolezza, le sue abilità e le sue competenze per esprimere il proprio potenziale nella società»

Articoli simili
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio

In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa
In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa

La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza
La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La transizione di Biden svanisce fra petrolio e trivelle? – #554

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

|

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

|

Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale

|

Eugenio: “Vi racconto la mia esperienza di vita in val Borbera”

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra