13 Ott 2021

I burattini pazzi di Giampiero, che trasforma gli scarti in arte

Scritto da: Elisa Elia

È iniziato tutto con un gioco insieme a sua figlia: creare un burattini con delle lattine vuote. Poi è continuato e oggi Giampiero ha realizzato decine e decine di personaggi, tutti pezzi di una collezione unica che unisce riciclo creativo, educazione ambientale, arte e tradizione calabrese.

Catanzaro - Cominci a vederli già su per le scale che portano al piccolo laboratorio (che poi è anche la casa) di Giampiero De Santis, papà artista che grazie all’upcycling ha iniziato a riciclare in modo creativo: si parla dei “burattini pazzi”, una vera e propria serie di personaggi umanoidi fatti di scarti.

Giampiero ha iniziato a lavorarci nel 2018 nella sua casa a Sant’Elia (Catanzaro) e adesso la sua collezione conta circa 80 pezzi. Molti si trovano in una parete di casa sua al fianco di un balconcino trasformato in laboratorio: sono tanti, colorati e, scoprirò poi, ognuno ha un nome e una storia. Ma soprattutto sono creati con materiali che altrimenti sarebbero finiti nelle tonnellate di rifiuti che ogni giorno produciamo: acciaio, legno, vecchie carte di giornale, scatole e lattine, scarti di qualsiasi tipo.

burattini pazzi 1

«Tutto è iniziato quasi per gioco assieme alla mia figlia più piccola», racconta Giampiero. «C’erano delle lattine di Pepsi in casa: invece di buttarle, abbiamo deciso di provare a creare insieme un burattino, che poi è diventato il primo di una lunga serie». Da quel giorno è iniziato un vero e proprio lavoro di ricerca e passione: da un lato il recupero e la sperimentazione sui materiali più svariati, dall’altro anche uno studio in campo artistico.

Giampiero inoltre ha sempre avuto una sensibilità sulle tematiche ambientali e per anni è stato presidente dell’associazione Musagete, attiva anche in questo campo sul suo territorio. «Non ero del mestiere, ma c’è da dire che sono da sempre appassionato di grafica e autodidatta; forse posso dire che la figura di mio zio che dipingeva sotto casa quando ero piccolo mi ha in qualche modo sempre ispirato e che ho preso una certa manualità da mio padre che era muratore».

Ogni burattino creato ha un nome e una storia, molto spesso legata ai materiali con cui è costruito o a vicende e fatti della Calabria: «C’è molto della nostra terra: ad esempio uno di questi è un omaggio al “Ciaciu”, artista catanzarese che lavorava il ferro; o ancora il burattino “Mounsier Bagnole” ripercorre la storia della gara automobilistica che per anni si è svolta dal Ponte Corace a Tiriolo e attirava persone persino dalla Francia».

burattini pazzi 2

«I burattini pazzi sono stati i primi e li ho chiamati così perché costituiscono un omaggio a Geppetto e alla manualità e in qualche modo anche alla follia come creatività», ma non ci sono soltanto loro nel laboratorio di Giampiero. Dopo, è nata la serie “Scarto Matto”, ancora una volta dei personaggi umanoidi che sono composti da capsule che contengono gli scarti dei suoi lavori precedenti. In questo modo il riciclo è continuo e assicurato: anche lo scarto dello scarto ha un valore artistico. L’ultima serie, poi, è quella dei “Non-sense”: lavori su lastre di lamiera, che vengono recuperate «trasportandovi sopra idee attraverso colori, pittura e collage».

Tutto questo però non rimane chiuso nella casa di Giampiero. Negli anni, diversi amici hanno iniziato ad appassionarsi e ad aiutarlo con il materiale di recupero e Giampiero ha iniziato a farsi conoscere. Proprio la scorsa estate ha svolto un laboratorio in una scuola media di un paesino calabrese in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente: qui ha raccontato la sua storia, quella dei suoi burattini e, soprattutto, ha fatto un piccolo workshop assieme agli studenti. E solo due mesi dopo dall’iniziativa ha inaugurato la sua prima mostra sempre nello stesso Comune.

Adesso in programma c’è una nuova mostra, ma il sogno di Giampiero è quello di avere un laboratorio tutto suo, magari anche aperto al pubblico e ai più piccoli che abbiano voglia di sperimentarsi nel riciclo creativo. Del resto, tutto è nato da lì: da un padre, una figlia e una lattina di Pepsi.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397
L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397

Oltree, il sogno di Barbara di un’impresa etica ispirata all’economia circolare
Oltree, il sogno di Barbara di un’impresa etica ispirata all’economia circolare

Daniela Ducato e il Terzo Paesaggio: valorizzare le zone marginali per riscoprire la vita che pulsa – Dove eravamo rimasti #26
Daniela Ducato e il Terzo Paesaggio: valorizzare le zone marginali per riscoprire la vita che pulsa – Dove eravamo rimasti #26

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Elezioni regionali 2024: andiamo a votare! – INMR #19

|

Siccità in Sicilia, la regione in zona rossa per carenza d’acqua

|

Io non sto bene: viaggio interiore dal malessere alla salute

|

Officina Naturae: acquistare detergenti e cosmetici etici ed ecologici è possibile – Io Faccio Così #399

|

Alla ricerca del Vello d’Oro, un viaggio di 3400 chilometri per unire mito e realtà

|

Tra mutualismo e condivisione il Pink Coworking combatte il gender gap nel mondo del lavoro

|

Proteste sotto la sede RAI a Cagliari: “Il silenzio sul massacro in Palestina è un puro atto di censura”

|

Auschwitz e Gaza: che cos’è l’essere umano?

string(8) "calabria"