9 Nov 2021

Next Generation We: un bando per rilanciare i comuni in risposta alla pandemia

Risorse straordinarie derivanti dal Piano europeo Next Generation EU stanno diventando disponibili ai Paesi dell’Unione, messe nelle mani degli Stati Membri per intraprendere percorsi di ripresa in risposta all’emergenza pandemica. La Fondazione Compagnia di San Paolo ha lanciato un bando affinché gli enti pubblici territoriali di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta possano gestire in maniera efficace le opportunità di finanziamento del PNRR.

La Fondazione Compagnia di San Paolo ha presentato proprio in questi giorni, in una conferenza stampa, il bando Next Generation We – Competenze, strategie, sviluppo della Pubblica Amministrazione. Obiettivo della call è creare le condizioni affinché gli enti pubblici territoriali del Nord-Ovest (Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta) possano gestire in maniera efficace le opportunità di finanziamento rese disponibili dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) elaborato dal Governo e trasmesso alla Commissione Europea.

La finalità del bando? Aiutare nell’acquisizione di competenze e rafforzare la struttura degli enti pubblici territoriali così da renderli forza motrice di un cambiamento sostenibile, inclusivo e ancorato al territorio. In questo modo la Fondazione desidera contribuire a rendere le amministrazioni locali maggiormente “a prova di futuro”.

Bando Next Generation We3
Foto di Jacek Dylag tratta da Unsplash

Gli obiettivi del Bando

Il bando intende stimolare la costruzione di partnership tra enti pubblici territoriali volte a espandere la scala di progettazione e implementazione degli interventi, creando così “ponti” tra territori che presentano esigenze e aspirazioni complementari o simili. Allo stesso tempo, si impegna a promuovere azioni con elevate caratteristiche di effetto leva e rafforzare le competenze e l’esperienza del personale degli enti pubblici territoriali, creando un asset in termini di know-how assorbito e valorizzabile.

Chi può fare domanda

Il bando è rivolto agli enti pubblici territoriali – con esclusivo riferimento a singoli Comuni e Unioni di Comuni (comprese le comunità montane) – di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Sono ammesse candidature multiple in qualità di partner, anche come collaborazione di più Comuni. La proposta presentata dagli enti può essere strutturata in partnership con altri soggetti del territorio coinvolti nell’intervento come enti pubblici, enti del terzo settore, soggetti profit o stakeholder locali di tipo sociale.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Comuni e Unioni di Comuni possono candidare al bando una sola proposta: questo può avvenire se il soggetto proponente conta una popolazione inferiore ai 50.000 abitanti, due proposte se il soggetto proponente conta una popolazione compresa tra i 50.000 e i 150.000 abitanti e quattro proposte se il soggetto proponente conta una popolazione superiore ai 150.000 abitanti.

È auspicabile che la proposta venga strutturata in partnership, anche con il supporto delle ANCI regionali. La Fondazione Compagnia di San Paolo sosterrà i costi per il supporto consulenziale orientato alla progettazione di interventi finanziabili nell’ambito delle sei Missioni del PNRR e il sostegno mirato ad attività di formazione per il personale interno degli Enti. Il contributo massimo erogabile per ciascuna proposta è pari a 80.000 euro e i soggetti vincitori potranno avvalersi di un accompagnamento da parte di consulenti ed esperti individuati dalla Fondazione.

Bando Next Generation We2
Foto di David Salamanca tratta da Unsplash

Le proposte di candidatura

Le proposte di candidatura al bando dovranno pervenire entro e non oltre le ore 16.00 del 31 gennaio 2022. Per presentare la candidatura è possibile utilizzare la procedura ROL richieste on-line, nella sezione “Contributi” del sito della Fondazione, accedendo all’apposita modulistica dedicata al Bando. Per informazioni e chiarimenti potranno essere richiesti all’indirizzo e-mail: nextgenerationwe@compagniadisanpaolo.it.

Vuoi cambiare la situazione di informazione e comunicazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk
L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk

Informazione costruttiva: perché il giornalismo dovrebbe essere consapevole ogni giorno
Informazione costruttiva: perché il giornalismo dovrebbe essere consapevole ogni giorno

Il giornalismo che vorrei: ecco come le notizie fanno bene (o male) alla società
Il giornalismo che vorrei: ecco come le notizie fanno bene (o male) alla società

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk