2 Feb 2022

Extinction Rebellion: una nuova azione di disobbedienza civile per il clima

Scritto da: Redazione

Continuano le azioni di Extinction Rebellion per chiedere che le istituzioni si attivino ora per la giustizia climatica. Ieri, nell'ambito della campagna “Ultima Generazione - Assemblea Cittadina ORA!”, attivisti e attiviste del movimento hanno tracciato delle scritte all'interno del Ministero della Transizione Ecologica.

Roma, Lazio - Ieri, martedì 1° febbraio, 14 persone sono entrate nel Ministero della Transizione Ecologica scrivendo sulle pareti “Ministero della truffa” e ” Ministero delle bugie”. L’azione è stata portata avanti da cittadine e cittadini preoccupati/e per l’inazione della politica partitica e del Ministero deputato nei confronti del collasso ecologico e climatico.

In 26.000 e-mail inviate al Ministero e ai suoi collaboratori, i sostenitori della campagna hanno chiesto che sia calendarizzato un incontro pubblico con il Presidente del Consiglio e alcuni Ministri/e in cui si dibatta della situazione eco-climatica e degli impatti sulla popolazione italiana e si pretenda maggiore partecipazione democratica tramite l’indizione di una Assemblea di Cittadini/e.

Le e-mail non hanno ricevuto risposta: da qui la prima azione di imbrattamento messa in atto dalla campagna di Extinction Rebellion “Ultima Generazione – Assemblea Cittadina ORA!. Molte delle persone che hanno preso parte ai blocchi stradali di dicembre, hanno violato per la decima volta il foglio di via da Roma e sono consapevoli di rischiare delle condanne severe.

Extinction Rebellion clima

Laura, una delle persone in strada, ha dichiarato: «Da quando si è insediato, il Ministero della Transizione Ecologica è stato un Ministero solamente “di facciata” e ha portato avanti provvedimenti contrari a una reale transizione e lontani dai bisogni della popolazione. Come cittadina preoccupata prendo parte a questi atti eclatanti di disturbo e imbrattamento per attirare l’attenzione sulle nostre richieste e chiedere un incontro con i Ministri».

«Con le Assemblee Cittadine – prosegue l’attivista – avrà inizio un cambiamento culturale fondamentale per creare consapevolezza e ottenere maggiore democrazia, mettendo nelle mani persone comuni di diversa estrazione maggiore responsabilità per una transizione giusta».

Le persone che aderiscono alla campagna “Ultima Generazione” continueranno a ripetere atti di disobbedienza civile nonviolenta finché i rappresentanti del Governo – Draghi, Carfagna, Patuanelli, Cingolani, Giorgetti, Orlando – non concederanno loro un incontro pubblico esponendo pubblicamente la posizione del Governo in merito alla necessità di agire radicalmente per contrastare la crisi ecologica e climatica.

Molte delle persone che hanno preso parte ai blocchi stradali di dicembre sono consapevoli di rischiare delle condanne severe

Ai Ministri e alle Ministre si chiederà di indire un’Assemblea di Cittadini/e nazionale deliberativa sulla giustizia climatica ed ecologica. Se l’incontro pubblico non verrà concesso, le persone sono pronte a tornare in strada, ancora più numerose, ad aprile prossimo.

La campagna verrà presentata a Roma sabato 5 febbraio alle 14.00 presso Orto Insorto, in via degli Angeli 140; i giornalisti sono invitati a diffondere l’evento a mezzo stampa e a partecipare. Invitiamo cittadini e cittadine a una partecipazione attiva.

Extinction Rebellion – Ultima Generazione – Assemblea Ora

Le attività della campagna sono state finanziate tramite crowdfunding e dal Climate Emergency Fund.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Il 2022 è stato l’anno nero degli eventi climatici estremi in Italia
Il 2022 è stato l’anno nero degli eventi climatici estremi in Italia

Plant Based Treaty: cambiamo la nostra alimentazione per combattere la crisi climatica
Plant Based Treaty: cambiamo la nostra alimentazione per combattere la crisi climatica

Da Bologna a Milano, le azioni per la giustizia climatica continuano a scuotere l’Italia
Da Bologna a Milano, le azioni per la giustizia climatica continuano a scuotere l’Italia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

Mouloud, la bottega tessile nata sulle isole Eolie tra tradizione e sostenibilità ambientale e sociale

|

Baskin, il basket più bello e più inclusivo in cui atleti disabili e non giocano insieme

|

Ashoka fellow: è aperta la chiamata per innovatori e innovatrici sociali da inserire nella rete

|

La scuola condivisa che esce dalle mura scolastiche: a Chieri un nuovo patto di collaborazione

|

È tutto pronto per il Carnevale di Scampia, fra fermento sociale e ingiustizie burocratiche

|

Capire l’India contemporanea

|

Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43