31 Mar 2022

Altrocanto: nuovi modi di cantare, comunicare e amare superando le barriere

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Paola è mamma di una bimba affetta da una sindrome genetica che causa, tra le altre cose, una difficoltà importante nello sviluppo del linguaggio. Insieme a Matteo, insegnante di canto, ha progettato un laboratorio per insegnare a cantare senza l'utilizzo delle parole, permettendo di apprendere un nuovo strumento per comunicare con sé stessi e gli altri.

Alessandria - Sindrome di Angelman: non ne avevo mai sentito parlare fino a qualche giorno fa. Si tratta di una malattia genetica che colpisce il sistema nervoso e provoca deficit a livello fisico-motorio e intellettivo. Si parla di 1 caso ogni 10.000/40.000 nati. E, come in molte altre situazioni di malattie genetiche rare, non esiste ancora attualmente una cura.

I principali sforzi terapeutici mirano alla riabilitazione psicomotoria, alla ricerca, alla stimolazione di una modalità di comunicazione alternativa al classico linguaggio verbale e alla terapia delle crisi epilettiche. Uno dei sintomi delle persone che hanno questa sindrome è un linguaggio gravemente compromesso o totalmente assente, che rende molto difficile riuscire a comunicare con il mondo esterno.

20210917 160934
Paola Frisone insieme ad Andrea Mortarotti e alla loro figlia Nora

Oggi ve ne parlo non solo per portare all’attenzione una delle molte patologie sconosciute ai più, di cui troppo spesso non conosciamo l’esistenza, ma anche perché c’è chi sta sperimentando un nuovo approccio per riuscire a interagire con loro e con i moltissimi bambini e bambine che per diversi motivi e problematiche hanno difficoltà ad apprendere una comunicazione verbale.

E per una volta non si tratta di insegnare a loro qualcosa di aggiuntivo, ma di apprenderlo noi. Come? Attraverso un canto senza parole, che vada oltre la comunicazione verbale per arrivare più in profondità, perché se è pur vero che questi bimbi e bimbe sono “non verbali”, dall’altra parte hanno la stessa – o maggiore – esigenza di potersi relazionare a un livello profondo con gli altri, riuscendo a trasmettere emozioni provate, sentimenti inespressi e sensazioni vissute.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

VECCHI AMICI, NUOVI PROGETTI

A raccontarmi questo nuovo laboratorio chiamato Altrocanto, che si terrà nel comune di Borghetto di Borbera (AL), è Paola Frisone, mamma di Nora e appassionata di canto: «Sono sempre stata appassionata di canto, ma è all’incirca un anno fa che ho iniziato a dedicarmi a questo percorso, grazie soprattutto al mio vecchio amico e insegnante Matteo Calabrò, che ha costruito un percorso di più incontri che ha l’obiettivo di imparare una nuova modalità di espressione».

«Essa – prosegue Paola – non passa attraverso le parole cantate, ma lavora su piani diversi. Inizialmente è molto particolare la sensazione di comunicare senza passare dal piano verbale, ma in questo periodo ho riscontrato una potenza inaspettata di questo strumento: senza dirsi nulla si riesce a entrare in una tale sintonia da comunicarsi tantissimo. Io e Nora ne siamo la prova!».

IMG 20220304 WA0008
Matteo Calabrò, insegnante di canto e conduttore dei laboratori

Paola mi racconta della sua difficoltà ad accettare di non riuscire a comunicare con sua figlia Nora, la quale riesce a dire pochissime parole e a vocalizzare. Per il resto la piccola fa comprendere le sue esigenze o ciò che vuole raccontare al suo interlocutore attraverso le immagini. Paola ha infatti creato dei grandi quaderni con figure suddivise per tematica, che sono di supporto costante a Nora per riuscire a interagire con il mondo esterno.

Senza dirsi nulla si riesce a entrare in una tale sintonia da comunicarsi tantissimo

«Mi piace moltissimo questo nuovo strumento canoro, perché una volta imparato sono riuscita a entrare davvero in comunicazione con lei, ho conosciuto molte persone, ma soprattutto sono cambiata io, è cambiata la mia accettazione profonda che ho verso Nora, me stessa e di conseguenza verso gli altri».

METTERSI AL LORO POSTO

Il canto non verbale, insegnato dal maestro Matteo, permette di imparare attraverso il gioco lo strumento della voce e come esso può essere usato per esprimere parti di noi e a cogliere e accettare ciò che ci arriva dagli altri. La stessa Paola mi confida che quando si mette vicina ad altre persone che stanno cantando o alla stessa Nora mentre emette i suoi vocalizzi, riesce a empatizzare, a entrare in uno stato di apertura e a comprendere le emozioni che in quel momento la persona sta esprimendo.

«È vero che con la logopedia abbiamo più strumenti per comunicare con lei – aggiunge Paola –, ma è anche vero che sono comunque sia strumenti che vengono insegnati a lei per fare passi nella nostra direzione. Mi piace molto l’idea di apprendere anche noi nuovi strumenti che arrivano dalla sua modalità di comunicare. E scuotono e insegnano molto a tutti».

Molti progetti oggi cercano, attraverso diverse attività ed esperienze sensoriali, di far provare ai normodotati cosa si percepisce e sente ad avere una disabilità. Mi vengono in mente i ristoranti al buio tra i primi esempi, ma in generale la tendenza è proprio quella di abbattere le barriere che dividono e spesso non si tratta neanche esclusivamente di quelle fisiche: ci sono percorsi infatti studiati per avvicinarsi alle esigenze delle persone portatrici di disabilità, ma che sono di aiuto su diversi piani anche alle persone normodotate.

Altrocanto ne è un esempio: nato per avvicinare i famigliari di bambini e parenti o amici con autismo o sindromi come quella di Angelman, riesce a fare molto di più, perché insegnando a comunicare con gli altri attraverso un nuovo mezzo, si ha la possibilità di scoprire nuovi parti di sé non ancora conosciute. Un percorso di crescita personale, prima che relazionale.

IMG 20220328 WA0009
Matteo Calabrò, in uno dei laboratori di Altrocanto
IL LABORATORIO

Le lezioni del laboratorio proposto da Matteo iniziano con esercizi mirati a far scaldare la voce. Una volta terminati si comincia a entrare nel mondo dei vocalizzi cantati, sperimentando diverse tonalità, modalità e ritmi. Ci sono veri e propri riti che vengono ripetuti, sempre non verbali, anche nei momenti più conviviali delle lezioni, come ad esempio la presentazione dei nuovi arrivati al corso, che vengono invitati uno alla volta a sistemarsi al centro del cerchio dei partecipanti e a presentarsi vocalizzando: un ottimo strumento per esprimersi il sé stesso più profondo, andando a togliere ciò che solitamente ci rappresenta: professione, famiglia, luogo di origine e molto altro.

Al canto si uniscono poi anche altre forme di espressione come la pittura o giochi per accrescere la fiducia nel prossimo e facilitare sempre più la relazione con gli altri, con modalità e mezzi non tradizionali. Chi partecipa a questi incontri? Tutti e tutte: sono principalmente donne, ma ci sono anche uomini e l’età è eterogenea, dall’adolescente al pensionato. Un mix umano che permette alle relazioni di essere autentiche, sperimentando attraverso se stessi e gli altri nuovi modi di interagire, relazionarsi e amare.

Vuoi cambiare la situazione
della disabilità in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Agricoltura sociale e disabilità: il progetto “Evergreen Fare impresa”

Disability Pride: a Roma si celebrano i diritti e le diversità
Disability Pride: a Roma si celebrano i diritti e le diversità

Il Ponte: l’impresa sociale che dà occupazione ai più fragili
Il Ponte: l’impresa sociale che dà occupazione ai più fragili

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Daniela Ducato è la nuova presidente di WWF Italia! – #528

|

Grounded: ritrovarsi in alta montagna per riconnettersi alla natura ed esplorare il proprio potenziale

|

Sicily coast to coast, il giro della Sicilia in bicicletta per raccogliere fondi per la disabilità

|

Ci sarà un bel clima: il collettivo che valorizza la montagna a passo lento

|

La storia di Adele, che è tornata in Calabria per fare l’artigiana e vivere la sua terra

|

Obbligo vaccinale per le professioni socio-sanitarie: cosa sta succedendo all’interno degli Ordini?

|

La cosmetologa Gloriana Assalti: “Non vergognatevi del vostro corpo, valorizzatelo”

|

Da Tunisi a Milano in bicicletta: “Lo faccio per sostenere chi salva vite umane”