10 Giu 2022

In Liguria due ostetriche guidano i genitori verso nascite “positive” e percorsi consapevoli

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Nella provincia di Savona due giovani ostetriche da dieci anni lavorano quotidianamente per offrire a tutte le famiglie un sostegno alla genitorialità consapevole, supportandole nel pre parto e in tutta la fase successiva. Ma non solo: attraverso incontri formativi e individuali si occupano di salute della donna a tutto tondo, dal menarca alla menopausa. Abbiamo intervistato Denise, una di loro, per capire cosa le ha spinte ad avviare questo importante lavoro sul territorio.

Savona - Dolore ingestibile e persuadente. Urla che partono dai piedi, attraversano il corpo di una giovane madre per trovare una via d’uscita dalla bocca. Violenze ostetriche, scelte imposte dal personale delle strutture. Ci hanno parlato del parto, ne hanno descritto ogni istante per diverso tempo e ogni dettaglio che si aggiungeva alla narrazione era sempre più terrificante. Ma è possibile riuscire a vivere l’esperienza del parto, il pre e tutto ciò che viene dopo, in maniera più naturale, non violenta?

Un gruppo di ostetriche, doule e informatrici da anni lavora per portare maggiore consapevolezza alle future madri. Spesso non si tratta neanche di aggiungere nozioni, ma più che altro di aiutare a sentirsi, fidarsi delle proprie percezioni, ritrovare un dialogo che sembra essersi perso chissà quanto tempo indietro con se stesse e con la creatura che ha deciso di venire al mondo proprio attraverso quell’esperienza.

17a8c8f0 9500 4de9 8ede 9fc08446ec68
Arianna Falco e Denise Freccero

Ho conosciuto il progetto Ostetriche per la famiglia, un’associazione fondata da due giovani donne, due ostetriche libero professioniste, ovvero Arianna Falco e Denise Freccero. «Terminata la laurea – mi racconta Denise – e a seguito di alcune esperienze di tirocini presso strutture ospedaliere, nel 2014 abbiamo scelto di unirci per collaborare e offrire un servizio più ampio e completo a tutte le donne e le loro famiglie».

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

«Non siamo diventate ostetriche con la laurea, ma man mano che partecipavamo ai corsi di formazione successivi e facevamo le nostre prime esperienze attraverso le donne e neo mamme conosciute. Abbiamo infatti fin da subito notato che nella parte del savonese dove siamo (Albissola, Vado Ligure e Albenga) esistevano solo i servizi pubblici ospedalieri e i consultori, ma mancavano figure che seguissero le famiglie da vicino, che creassero un rapporto di fiducia con loro».

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Denise e Arianna iniziano così a organizzare formazioni gratuite e a conoscere da vicino le famiglie del territorio, per comprendere quali fossero le esigenze delle famiglie ed in particolare delle mamme: «Abbiamo presto compreso che la problematica più importante che ci riportavano tante donne era la sensazione di sentirsi sole e, in molti casi, esserlo effettivamente». Se da una parte vi è una questione biologica ed emotiva, ovvero che in poco tempo le attenzioni si spostano completamente da mamma a figlio, dall’altra vi è un tema sociale “nuovo”.

Ci siamo infatti persi come società, mi spiega Denise, il supporto alla famiglia: c’è chi dispensa consigli non richiesti e chi invece non dice nulla, ma in rari casi il sostegno è reale e funzionale alla famiglia neo formata. «Ci sono poca cura e attenzione da parte di chi ci sta accanto. A questo si aggiunge che spesso i nonni del nascituro o sono lontani, o lavorano ancora. I neo papà hanno pochi permessi e paternità e così la madre si ritrova a dover gestire e vivere il tutto da sola».

Le famiglie stanno cambiando insieme all’organizzazione della società, di conseguenza le loro esigenze sono cambiate

INFORMAZIONE E CONSAPEVOLEZZA

Secondo Ostetriche per la famiglia quindi è necessario proporre una corretta informazione sulle esigenze reali dei neo genitori e dei bambini, in modo da poter aiutare davvero le nuove famiglie. Tra i messaggi da diffondere c’è anche quello relativo alla possibilità di un’esperienza di nascita positiva, che nonostante il dolore e la difficoltà possa essere vissuta come un evento naturale e importante, sacro. Da celebrare e non da temere.

«Assistiamo a una crescita di consapevolezza tra le famiglie con cui collaboriamo: le mamme stanno capendo che è possibile vivere il momento della nascita in maniera differente. Dalle esperienze che ci vengono riportate soprattutto in questi ultimi due anni, gran parte delle strutture ha avuto problemi nella gestione delle nascite. Ci sono state raccontate esperienze di future mamme che a causa delle misure Covid sono state lasciate sole ad affrontare il proprio travaglio». Speriamo dunque che la consapevolezza di cui ci ha parlato Denise, arrivi anche presso queste strutture ospedaliere.

CONSULENZE E CONDIVISIONI

E partendo proprio da ciò che emergeva negli incontri organizzati, Ostetriche per la Famiglia ha iniziato a organizzare momenti individuali e altri collettivi per supportare chiunque sentisse il bisogno non solo di essere aiutato, ma anche di condividere ciò che stava vivendo.

26903986 1211243975674969 2612120289329966524 n

Ed è così che sono nati i corsi post nascita, per la cura del neonato e di accompagnamento all’allattamento. Ma anche momenti meno strutturati, come il ritrovo per il the delle mamme: un incontro mensile dedicato a tutte le mamme che vogliono condividere esperienze, paure, sensazioni ed emozioni vissute. Anche per i neo papà sono previsti incontri, partendo proprio dal corso pre parto o i corsi di massaggio per i bambini o incontri di acquaticità.

LA SALUTE DELLE DONNE OLTRE LA MATERNITÀ

Ma le donne non sono solo mamme. Pertanto la loro salute e il loro benessere dovrebbero essere costantemente elemento di attenzione e cura. Ed è proprio per questo motivo che Denise e Arianna organizzano anche momenti condivisi sull’accompagnamento alla salute della donna, al menarca, al pavimento pelvico, ma anche incontri su alternative agli assorbenti tradizionali, perineo, menopausa: tutto ciò che necessitiamo sapere per vivere al meglio l’essere donna e prendercene cura.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
SanremoBio: il consumo consapevole passa attraverso l’alimentazione, il sociale e la cultura
SanremoBio: il consumo consapevole passa attraverso l’alimentazione, il sociale e la cultura

Bagni di foresta nella Basilicata selvaggia: vi raccontiamo la nostra esperienza
Bagni di foresta nella Basilicata selvaggia: vi raccontiamo la nostra esperienza

Un festival del ciclo mestruale per confrontarsi e rompere i tabù
Un festival del ciclo mestruale per confrontarsi e rompere i tabù

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne