7 Lug 2022

Torna il Festival delle Cose Belle, per costruire nuovi modelli di comunità ispirati al passato

Scritto da: Redazione

Anche quest'anno Italia Che Cambia sarà media partner del collettivo AWARE - Bellezza Resistente, organizzatore del Festival delle Cose Belle. In un contesto naturale e informale ci si ritroverà per divertirsi, stare insieme, ma anche pensare a nuovi modelli comunitari con un piede nel passato e lo sguardo proteso verso il futuro.

Perugia, Umbria - Il Festival delle Cose Belle del collettivo abruzzese AWARE – Bellezza Resistente torna in una nuova veste e in una nuova location, per proseguire il lavoro di socialità creativa nato tra i faggi di Passolanciano in Abruzzo durante le ultime due estati. Già dalle prime edizioni ospitate dai boschi della Majella, Italia Che Cambia ha supportato l’iniziativa in qualità di media partner, per valorizzare al meglio il lavoro di queste ragazze e ragazzi impegnati nel proporre nuovi modelli di socialità incentrati sul giusto equilibrio fra riflessioni profonde e convivialità.

Dopo l’edizione del 2021 – il cui tema è stato “A corpo libero” e l’obiettivo quello di colmare le distanze fisiche ed emotive create dalla pandemia e dalle restrizioni –, l’evento si sposta presso il presso Centro Panta Rei a Passignano sul Trasimeno (PG), dove dal 12 al 15 agosto si intrecceranno arti, esperienze e musica live all’insegna della ricerca collettiva di forme innovative di futuro ispirate al passato, alla tradizione, al fare e alle relazioni umane. “Futuro Anteriore” è il manifesto dell’evento.

Festival delle Cose Belle 1
IL COLLETTIVO AWARE

«Questi ultimi due anni ci hanno insegnato l’importanza di tornare indietro, a uno stile autentico e lento di comunità», racconta Guglielmo Rapino, attivista del collettivo AWARE e tra gli ideatori del Festival delle Cose Belle. «Aver vissuto l’incertezza della tecnologia come unico mezzo di relazione ci ha spinto a riscoprire la centralità del passato come fonte di insegnamento per un futuro più sostenibile. A Panta Rei vogliamo vivere questa consapevolezza, con un festival in cui l’arte, i laboratori e la musica siano espressione di un’umanità libera e proiettata al futuro con strumenti antichi di socialità».

Nei giorni scorsi, Guglielmo ha avuto modo di parlarci dell’attività del collettivo, del Festival delle Cose Belle e dei suoi viaggi in giro per il mondo a sostegno delle popolazioni native e della loro lotta per la sovranità: «Il nostro collettivo culturale – ha detto durante l’ultima puntata del format I(n)spira-Azioni – si chiama bellezza e resistenza perché vuole associare alla bellezza dell’autenticità dei modelli culturali un concetto di resistenza contro l’appiattimento culturale che purtroppo è evidente».

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Festival delle Cose Belle 2
IL PROGRAMMA

Il programma è in costante evoluzione e già prevede la partecipazione di artisti affermati nella scena alternative nazionale come il Duo Bucolico, Ainé, Banadisa e Silvia Cignoli, oltre a nuove promesse del panorama pop ed electro italiano come Le Nora, Tonino3000, Cobol Pongide, Mondocane e Marta Fabrizi. Dall’altro lato, la proposta per le attività combina workshop su lavorazioni artigianali ad attività di distensione corporea, fino a sessioni artistiche, come sedute di eco-printing e body-painting.

Il tutto prenderà forma in un ambiente naturale ispirato ai principi della bioedilizia e dell’autosufficienza energetica. La location incarna già nella sua origine i valori alla base del Festival delle Cose Belle: un luogo circolare in cui la sapienza dell’edilizia primitiva si mescola alle possibilità dell’ingegneria moderna. Ad accompagnare le attività della quattro giorni, ci sarà una selezione di cibo e bevande accurata, fatta sulla base di ispirazioni locali e biologiche. All’interno della location sarà possibile campeggiare. Porte aperte per bambini, famiglie e persone anziane: il Festival delle Cose Belle di AWARE punta a creare un intreccio generazionale tra persone di diversa estrazione ed età.

Questi ultimi due anni ci hanno insegnato l’importanza di tornare indietro, a uno stile autentico e lento di comunità

«Siamo davvero felici di quanto stiamo proponendo», dice Elena Merlo, tra le organizzatrici dell’evento e responsabile della comunicazione nel collettivo AWARE. «Il Festival delle Cose Belle è una nuova tappa in un percorso che come collettivo culturale stiamo sviluppando da circa tre anni e vogliamo che sia dirompente per le persone che vi prendono parte. Non abbiamo solo intenzione di fare festa, vogliamo stimolare una riflessione e un senso di comunità realmente collettivo».

Tutte le informazioni sull’evento e i biglietti sono disponibili qui.

Articoli simili
Realizzare con le proprie mani un luogo da chiamare casa: un esperimento di autocostruzione
Realizzare con le proprie mani un luogo da chiamare casa: un esperimento di autocostruzione

Le donne di Inspire si raccontano: “Eliminiamo il superfluo e arricchiamoci di ciò che è davvero importante”
Le donne di Inspire si raccontano: “Eliminiamo il superfluo e arricchiamoci di ciò che è davvero importante”

Comunità resilienti e rigenerative, il progetto di insediamenti sostenibili lanciato da un gruppo di giovani
Comunità resilienti e rigenerative, il progetto di insediamenti sostenibili lanciato da un gruppo di giovani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi