26 Ago 2022

Le Anguane, le “sentinelle delle acque” che con la loro arte avvicinano grandi e piccoli alla Natura

Scritto da: Redazione

Marianna Malpaga, della redazione di Fa' la cosa giusta Trento, ci racconta dell'attività teatrale, culturale ed educativa portata avanti dalle Anguane, compagnia creata dall'associazione Armonia. Il loro obiettivo? Ricostruire il rapporto fra essere umano e Natura, con un focus particolare sull'acqua.

Trento, Trentino Alto Adige - Si chiamano Anguane, sentinelle delle acque, e hanno danzato anche a Trento per Arte in Bottega. Le Anguane, come ci racconta Francesca Lilith, presidente dell’associazione Armonia, fanno parte di un progetto più ampio iniziato nel 2019 chiamato La Natura è il mio Tempio: «All’interno di questo progetto – spiega – ci stiamo occupando di vari argomenti. Quest’anno abbiamo sentito l’esigenza di trattare il tema dell’acqua». L’iniziativa è stata lanciata in occasione della Giornata mondiale del 22 marzo e sarà portata anche al Festival Moltiplicazioni di Rovereto tra l’1 e il 2 ottobre.

«Le Anguane non sono soltanto uno spettacolo danzante curato dal nostro gruppo di 13 ballerine», prosegue Francesca. «Organizziamo anche altre conferenze e iniziative sul tema dell’acqua, che per me è molto legato alle emozioni e al femminile: lavoriamo molto anche su questi due temi, oltre che su quello della memoria».

Anguane 3

Il tema dell’acqua è emerso con forza negli ultimi mesi, ma è dal 1996 che Armonia ne parla in diversi modi. «L’associazione è stata creata quando ero incinta di mio figlio – spiega Francesca – e in un momento in cui anche altri soci fondatori avevano appena avuto figli. Ci siamo sempre occupati di massaggi neonatali e in gravidanza, per evitare le complicanze durante il parto, ma anche gli scompensi che si potrebbero creare in età adulta. Facciamo prevenzione sin dall’utero che, come tutti sappiamo, è legato all’acqua».

Il progetto delle Anguane è stato patrocinato dalla Commissione Provinciale Pari Opportunità e dalla Provincia di Trento e ha una collaborazione con l’associazione culturale Alchemica e con Elissa, oltre che con S.O.S. Parole – Servizi di Logopedia. Il nome richiama le figure tipiche della mitologia alpina, le “sentinelle delle acque”.

«Erano portatrici di riti affascinanti e legati alla “magia naturale”», prosegue Francesca. «Per esempio, accordavano il cuore per pregare e invocare il meglio per il futuro di tutti. Dei riti che un tempo erano naturali, ma che adesso sembrano dimenticati. Lavoriamo moltissimo anche sul recupero del calendario lunare, con tredici mesi tutti uguali, con 28 giorni, e con un giorno che resta “fuori dal tempo”».

Una passione quella di Francesca Lilith, che è naturopata, insegnante di danza e pittrice. «Insegno terapia del colore legata all’acqua da vent’anni, è qualcosa a cui tengo particolarmente e in cui credo». Lo spettacolo de “Le Anguane: sentinelle delle acque” è uno spettacolo in natura, itinerante e site specific, cioè cambia a seconda del luogo in cui viene portato: «Lo abbiamo presentato con successo, a Nogaredo per Calendimaggio, a Borgo Sacco e a Trento alla Fontana del Nettuno in Piazza Duomo». Entro la fine dell’anno lo spettacolo dovrebbe essere portato, con delle proiezioni video, anche al Teatro Zandonai di Rovereto, città dove ha sede l’associazione Armonia.

Se si lavora con le emozioni ci si sente anche più legati alla natura. Noi siamo un tutt’uno con lei

Per Moltiplicazioni Festival, tra l’1 e il 2 ottobre, Le Anguane porteranno un laboratorio per bambini realizzato in collaborazione con SOS Parole e una psicologa e una conferenza per genitori sull’importanza delle emozioni e della loro gestione. «Se si lavora con le emozioni – conclude Francesca Lilith – ci si sente anche più legati alla natura. Noi siamo un tutt’uno con lei, basti pensare alla percentuale d’acqua che c’è nel corpo umano e a quella che c’è sulla Terra, che è la stessa. Stiamo lavorando sulle giovani generazioni, sui bambini, perché siano sempre più a contatto con essa».

Clicca qui per leggere l’articolo originale.

Articoli simili
Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli
Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili
Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili

La musica riparte dal sud con i suoi talenti
La musica riparte dal sud con i suoi talenti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il nucleare continua a non avere senso – #589

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale

|

Disability Pride, una parata perché la disabilità non resti una questione per pochi

|

Ben(i)tornati, ecco come l’Italia riprende vita grazie alla rigenerazione e al riuso

|

Francesca della Giovampaola, da giornalista di città a divulgatrice della permacultura