10 Gen 2023

Natura Illustrata: il favoloso mondo di Anastasiia, l’artista che ritrae la natura

Scritto da: Benedetta Torsello

Nata e cresciuta a Perm, in Russia, Anastasiia Morozova è una giovane illustratrice e curatrice. La sua principale ispirazione sono il bosco e le diverse forme di vita che lo abitano. Da qui l’idea di creare Natura Illustrata, un progetto artistico ed educativo di illustrazione botanica e naturalistica in cui rivivono i paesaggi della sua infanzia, quelli delle dolomiti lucane e i colori della sua seconda casa, la Puglia.

Lecce, Puglia - Tutto ha sempre inizio da un lieve tratto di matita sul foglio. È così che Anastasiia Morozova, giovane illustratrice e curatrice, prova a rivelarmi i segreti racchiusi nei suoi disegni. Ciò che viene dopo quel primo tratto è una piacevole scoperta, a volte inaspettata. «Amo molto alla fine di un lavoro, riguardare i miei schizzi, perché sono quello da cui parto ogni volta che voglio illustrare qualcosa. È come ripercorrere il viaggio che mi ha portato al risultato finale», commenta Anastasiia.  

Ideatrice nel 2018 di Natura Illustrata, progetto artistico ed educativo di illustrazione botanica e naturalistica, Anastasiia inizia a disegnare e dipingere sin da giovanissima. Dopo aver studiato all’Accademia di Belle Arti della sua città, Perm, nel 2014 a soli ventun anni va a vivere in Francia, dove si specializza in mercato dell’arte contemporanea all’Institut d’Études Supérieures des Arts di Parigi.

Natura Illustrata 1
Anastasiia Morozova (foto di Clara Zanoni)
QUELLO CHE VOLEVO FARE DA GRANDE

«I miei non mi hanno mai distolta dalle mie aspirazioni, nonostante fossero un po’ preoccupati all’idea che volessi fare l’artista», prosegue Anastasiia. «In Russia avevo studiato soprattutto scultura: lavoravo il metallo, pur avendo sempre amato dipingere. Sono stati i miei genitori a spingermi in un secondo momento ad andare in Francia e orientarmi verso un aspetto più manageriale di questo mestiere».

A Parigi lavora in diverse gallerie d’arte e per inseguire il suo sogno approda persino a New York. Da anni prova a far convivere due mondi diversi, che le sono entrambi molto familiare: quello della gallerista, con un occhio al mercato e alle personalità emergenti sulla scena artistica internazionale, e quello più intimo, di ricerca approfondita di una propria forma espressiva, dettata dalle suggestioni e ispirazioni raccolte in giro per il mondo e nei propri luoghi del cuore.

NATURA ILLUSTRATA: DAI SUOI PAESAGGI PREURALICI AI COLORI DELLA PUGLIA

E proprio per seguire il cuore, nel 2017 dalla Francia si trasferisce con il futuro marito in Puglia, a Galatina, in provincia di Lecce. Gli anni a Parigi le avevano infatti permesso di riflettere su ciò a cui teneva di più: «Per quanto fosse meraviglioso vivere lì – mi confessa Anastasiia – qualcosa mi mancava profondamente». In Russia è cresciuta in una ex città industriale, ma a mancarle più di tutto è quella casa circondata dai boschi in cui da piccola trascorreva la maggior parte del tempo.

Quando intinge i pennelli nella sua tavolozza, Anastasiia si ispira a paesaggi reali, in particolare a quelli della sua infanzia

Abeti, bacche, funghi, sono solo alcuni degli elementi più ricorrenti nelle sue illustrazioni, quelli che ha imparato a riconoscere sin da bambina, durante le passeggiate con le sue nonne. Natura Illustrata è quindi un racconto personale e allo stesso tempo un progetto di valorizzazione della natura attraverso la creatività. «Prima di aprire il mio quaderno degli schizzi, mi piace osservare. È proprio l’osservazione a guidarmi nella ricerca dell’approccio giusto all’illustrazione», mi racconta.

Da quando è venuta a vivere nel Salento, le sue illustrazioni spaziano verso paesaggi e colori nuovi, ma il bosco rimane sempre la sua principale fonte di ispirazione e il posto dove, appena può, torna a rifugiarsi: «Insieme a mio marito abbiamo ristrutturato una piccola casa a Castelmezzano, un borgo di poche centinaia di anime della Basilicata. È lì che cerco ispirazione – prosegue Anastasiia – cammino, osservo, scatto delle fotografie, raccolgo le foglie cadute e ascolto».

DISEGNARE LA NATURA: DAL PAESAGGIO AI LIBRI DI STORIA NATURALE

Quando intinge i pennelli nella sua tavolozza, Anastasiia si ispira a paesaggi reali, in particolare a quelli della sua infanzia.  A tratti si rifà a quelli delle pendici delle dolomiti lucane e ai colori della sua seconda casa, la Puglia. Eppure i suoi acquerelli, che a tratti sembrano restituire i colori vividi di una fotografia, raccolgono un immaginario che spazia dai Cabinet de Curiosité settecenteschi, ai libri illustrati di storia della natura. Ma vi sono anche rimandi all’arte Liberty e a quella di Ivan Bilibin, famoso per le sue illustrazioni di racconti e favole della tradizione russa e slava.

Natura Illustrata 2
Foto di Clara Zanoni

La tecnica che Anastasiia predilige è quella dell’acquarello multistrato su carta di cotone, ma con Natura Illustrata realizza svariati progetti grafici e di design digitale. «A prescindere dalla grandezza, ogni disegno o illustrazione che creo è un viaggio, che apre a nuove possibilità», commenta Anastasiia. «Ciò a cui tengo di più, è portare l’attenzione sui valori che vorrei trasmettere grazie al mio lavoro, come il rispetto e l’amore per la natura».

Nel frattempo Anastasiia non smette di pensare a ciò che le riserverà il futuro: «Vorrei proseguire con i miei corsi di pittura ad acquerello e arte digitale di soggetti naturali – conclude poco prima di salutarci – per questo mi piacerebbe moltissimo creare una mia piattaforma di e-learning attraverso cui offrire dei corsi, ma soprattutto animare una community di artisti, che possano condividere esperienze e percorsi personali».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Hangar Piemonte e il percorso per accompagnare le organizzazioni verso il cambiamento
Hangar Piemonte e il percorso per accompagnare le organizzazioni verso il cambiamento

Nicolas De Jesus, l’artista che con le sue opere racconta le lotte e le sofferenze dei popoli nativi
Nicolas De Jesus, l’artista che con le sue opere racconta le lotte e le sofferenze dei popoli nativi

Theresa Van Cherry, l’artista lituana che illustra la vita attraverso gli occhi della Natura
Theresa Van Cherry, l’artista lituana che illustra la vita attraverso gli occhi della Natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Usa e Germania inviano i carri armati: cosa succede? – #660

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”

|

Dall’Australia a Mussomeli. Danny McCubbin con The Good Kitchen prepara pasti gratis per chi ne ha bisogno

|

L’endocrinologo Giovanni Frajese: i vaccini a mRNA influiscono sul sistema ormonale?

|

Wakhan, il corridoio che collega Cina e Afghanistan dove le minoranze vengono sacrificate

|

Veronica Saetti racconta Buy Nothing, il modello economico fondato sul dono e sulle relazioni

|

Kukì e il canto del fiume