7 Feb 2023

La giornalista Deborah Annolino: “Con AD Maiora raccontiamo storie di resilienza da emulare”

Scritto da: Redazione

Un format nato durante la pandemia ma proseguito fino a oggi per parlare di chi davanti alle difficoltà ha saputo reagire. Italia Che Cambia sarà media partner di AD Maiora, una serie di dieci puntate che raccontano altrettante storie di resilienza, di impegno etico, di capacità di reagire alle difficoltà, di spirito d'innovazione.

Salva nei preferiti

Bologna, Emilia-Romagna - Dieci nuove storie capaci di suscitare un’emozione e insieme il desiderio di impegnarsi per il bene comune. Saranno loro le protagonista della terza stagione di AD Maiora – storie di resilienza, format nato al tempo della pandemia che si prepara a un cambio stilistico, puntando su un tipo di storytelling emozionale. Numerose le novità di questa edizione a partire dal superamento dei confini della regione in cui nasce, l’Emilia-Romagna. Per saperne di più su questa iniziativa, di cui Italia Che Cambia è media partner, abbiamo rivolto qualche domanda a Deborah Annolino, ideatrice e conduttrice del Format AD Maiora – Storie di Resilienza

Come nasce AD Maiora?

In una domenica pomeriggio del 2020, quando in un clima generale di incertezza e paura per la diffusione del Covid mi lascio ispirare dal giornalismo e in particolare dall’informazione costruttiva. Nasce l’idea di una rubrica che ben presto diventerà un format video “girato” tra gli ambienti di casa, per raccontare storie di uomini e donne attivi e in prima linea, pur nella pandemia, su fronti importanti come il sociale e la solidarietà.

Deborah Annolino
Deborah Annolino

AD Maiora nasce con l’obiettivo di raccontare l’esperienza di medici, giornalisti, artigiani, volontari, semplici cittadini accomunati da un impegno etico, morale e sociale. In modo altrettanto rapido è arrivato il nome del format – AD Maiora, dal latino “verso traguardi più grandi” – e il suo logo, rappresentato dal fiore di loto, che ho scoperto essere una delle specie più resilienti in natura. Nascono così in sequenza video che vogliono parlare al cuore delle persone, per diffondere il seme della speranza con leggerezza.

Cosa è la resilienza per te?

Su internet mi sono imbattuta in tante definizioni di resilienza, anche distanti tra loro. Così come sono tanti, forse troppi, gli articoli dedicati a questa parola che va di moda. Senza dimenticare che nel 2021 resilienza diventata la parola chiave nell’acronimo PNRR, Piano nazionale di ripresa e resilienza. Noto, forse come molti, che c’è un abuso di questa parola, la cui forza però è indiscutibile: una declinazione quasi universale e trasversale tra ambiti e materie dalla fisica all’ingegneria, dalla psicologia all’ecologia e così via.

Sentiamo forte, oggi come due anni fa, il bisogno di diffondere buoni esempi e buoni principi da emulare

Per me resilienza è ricorrere alle nostre risorse interiori, alle riserve di energie che custodiamo, spesso nascoste dentro di noi e che in qualche momento della vita, per il nostro bene, dobbiamo recuperare. Essere resilienti significa sforzarsi di mantenere un equilibrio tra ciò che siamo e ciò che vorremmo essere, anche nella relazione con gli altri. Resilienti si diventa con il tempo, la buona volontà e l’allenamento anche se le esperienze e le persone che incontriamo nel nostro cammino possono semplificare il percorso oppure renderlo più insidioso. In un mondo digitale in cui l’apparenza conta, AD Maiora vuole ritrovare l’essenza e raccontare l’umanità a partire dai valori dell’onestà e del rispetto, alla base del buon vivere.

Quali sono le novità della terza stagione?

Siamo a lavoro per realizzare le nuove dieci puntate del format in cui si alternano un mix di valori: coraggio, forza di volontà, fiducia, empatia e speranza. Solo per darvi un’idea delle storie online e in onda da metà febbraio, racconteremo di giovani pronti a sfidare le proprie fragilità per mettersi in discussione nella società e migliorarsi; in altre puntate spiegheremo come la cultura cinematografica possa essere una fiamma e insieme un’ancora di salvezza.

E ancora “voleremo” in Sicilia, nella città di Agrigento, per mostrare veri e propri tesori di natura e archeologia capaci di incantare. Torneremo in Emilia, per dare spazio alla parità di genere nel Condominio con la testimonianza di alcune amministratrici impegnate in prima linea a creare felicità ed empatia tra i condomini. Utopia o realtà? Lo scopriremo insieme. Proveremo a emozionare attraverso le immagini e la musica. Una novità che mi rende molto felice è l’accresciuta partecipazione dei media partner che hanno abbracciato il progetto, che ringrazio: Il nuovobaracchino.it, Italia Che Cambia, Mezzopieno, Migaweb TV, News48, Ore12web, Strada degli Scrittori.

Chi sono i compagni di avventura di AD Maiora?

Il primo è Stefano Foglia, ideatore di cinque puntate e co-conduttore con me del format. Al fianco saranno i videomaker Cristina Burrometo e Angelo Giummarra della Ash Gray Film Production. Della promozione e dell’ufficio stampa di AD Maiora si occupa invece Piera Pastore. Tutto lo staff di AD Communications crede fortemente nel progetto ed è pronto a rilanciare insieme ai media partner la terza stagione del format. Sentiamo forte, oggi come due anni fa, il bisogno di diffondere buoni esempi e buoni principi da emulare. AD Maiora non vuole essere solo un format ma una “finestra sul mondo” da cui guardare e ascoltare storie di umanità. E fare scorta di nuove emozioni.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Officine Gutenberg: editoria e disabilità non sono mai state così vicine
Officine Gutenberg: editoria e disabilità non sono mai state così vicine

Ecco perché facciamo giornalismo costruttivo. Ne parliamo con Assunta Corbo
Ecco perché facciamo giornalismo costruttivo. Ne parliamo con Assunta Corbo

Comunicazione istituzionale e politica: strategie, errori e buone prassi secondo l’esperta Irene Bosu
Comunicazione istituzionale e politica: strategie, errori e buone prassi secondo l’esperta Irene Bosu

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Papua Nuova Guinea, la frana, la tragedia e i 2000 morti di cui non si parla – #939

|

Viola Walk Home, l’app che “accompagna” le persone per farle sentire più sicure

|

Riverberi, a Milano il festival della sostenibilità per diffondere il cambiamento

|

Oasi in ospedale WWF, a Palermo il primo spazio verde del progetto

|

Tra le case abbandonate, il cortometraggio ambientato nei vecchi borghi fantasma dell’Appennino

|

Salviamo il fiume Sarno: continua la lotta per la bonifica del fiume più inquinato d’Europa

|

Arriva Equa, l’app che ti dice quanto è sostenibile un prodotto

|

Scalo Sogni: il viaggio in solitaria di Ettore Campana arriva sulle vette del Caucaso

string(9) "nazionale"