21 Mar 2023

Le difficoltà della sanità in aree di confine: il caso della Croce Bianca in Val Pennavaire

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Tra le difficoltà nel vivere in un'area interna di confine tra due regioni c'è quella legata alla sanità: anche laddove è presente un servizio di volontari organizzati di Croce Bianca per un pronto intervento in caso di emergenze, le prassi burocratiche e la situazione di privatizzazione ospedaliera della Liguria rallentano e creano problematiche aggiuntive. Abbiamo approfondito i dettagli con l'attuale responsabile della Croce Bianca di uno dei comuni della Val Pennavaire.

Salva nei preferiti

Cuneo, Savona - L’esplorazione delle aree di confine, in particolare della Val Pennavaire, continua e oggi cercheremo di raccontare quali sono le difficoltà legate ad uno degli ambiti più significativi per la vita delle persone: la sanità. L’esigenza di approfondire il tema e di raccontarlo a mia volta è nata qualche settimana fa, quando in auto ho attraversato la via principale del paese di Alto per scendere la valle.

A qualche centinaio di metri dalla rotonda vedo una signora a terra: mi avvicino per capire se necessita di aiuto e subito allerto il responsabile del servizio di Croce Bianca del paese. In cinque minuti due volontari arrivano con l’ambulanza, la quale però ha bisogno dell’ok da parte della centrale operativa per poter partire verso l’ospedale più vicino.

croce bianca alto val pennavaire sanita
Parte del gruppo di volontari della Croce Bianca di Alto (CN), in Val Pennavaire

I telefoni sono tanti, ma nessuno riesce a prendere la linea con il numero per le emergenze, tanto che l’intervento celere da parte del servizio dei volontari viene fermato in attesa di risposte: inizia così il rimbalzo di telefonate tra centralini piemontesi e liguri, nella speranza che l’attesa conferma arrivi. Il finale in questo caso è positivo: la persona ferita è riuscita a raggiungere l’ospedale e a ricevere le cure necessarie, ma è sempre così? E se i tanti minuti di attesa sommati al tempo necessario per raggiungere il pronto soccorso avessero fatto la differenza?

Chiedo dunque aiuto per comprendere le problematiche e le possibili soluzioni all’attuale direttore responsabile dei servizi di Croce Bianca di Alto (CN), Cosimo De Pascalis, conosciuto in valle con il soprannome di Mimino, che da quattro anni è volontario. Oltre al corso base, si è specializzato con il corso BLSD (Basic Life Support & Defibrillation), fondamentale per il suo lavoro di volontario per la valle, ma anche per Albenga, dove due giorni a settimana è reperibile. Lo invito per un caffè a casa mia e mi addentro subito nel porgli domande per disgregare una matassa di ritardi e problemi burocratici da regioni diverse, che a loro volta hanno difficoltà sul piano dei servizi della salute pubblica.

IMG20230317101735
Primo piano di Cosimo De Pascalis, attuale responsabile dei servizi di sanità della Croce Bianca di Alto (CN)
Da quanto esiste il servizio di Croce Bianca ad Alto? È l’unico della valle?

Il servizio è stato creato diversi anni fa e a volerlo è stato Adriano Mela che, supportato da altri, è riuscito a gettarne le basi. In questi ultimi tredici anni il servizio è stato sotto la responsabilità di Mauro De Andreis, che per molti anni ha lavorato come infermiere al pronto soccorso di Albenga e che ha coordinato il gruppo di volontari qui ad Alto.

Da gennaio poi, per problemi personali, ha dovuto lasciare e c’era il rischio che venisse tolta l’ambulanza del paese, quindi ho deciso di subentrare io. Anche altri paesi della valle, ovvero Nasino e Castelbianco, hanno un’ambulanza e collaboriamo in base a un calendario mensile condiviso per garantire la copertura di reperibilità in caso di chiamate provenienti sia dal territorio della Val Pennavaire e, in caso ce ne fosse bisogno, anche dai Comuni liguri più vicini, tra cui Albenga stessa.

Credo che il futuro della sanità delle aree interne possa svilupparsi verosimilmente in piccoli centri sanitari di prossimità, organizzati per il primo intervento e i servizi essenziali

Cosa è avvenuto qualche giorno fa? Ci puoi spiegare i problemi che avete riscontrato e che riscontrate negli interventi?

Per prassi dobbiamo chiamare il 112 e attendere la conferma a partire con l’ambulanza, ma quel giorno o cadeva la linea o non rispondeva nessuno. Ho contattato allora direttamente il centro operativo di Savona, che è il nostro riferimento principale, il quale però mi continuava a rimandare al 112. Quando dopo diversi tentativi ho fatto presente la nostra impossibilità a contattarli, Savona mi ha messo in contatto con il centro operativo di Cuneo, il quale a sua volta mi ha dato conferma ma con riferimento Savona e siamo finalmente riusciti a partire.

Essendo parte della Val Pennavaire abbiamo come riferimento operativo la Liguria, anche perché l’ospedale più vicino è ligure, ma risultando Piemonte le chiamate vengono indirizzate al centralino piemontese e, nello specifico, risponde Torino, che contatta Savigliano, il quale a sua volta contatta Savona per poi girare la richiesta a noi. Passa molto tempo, troppo. Mentre noi siamo già sul posto e potremmo ridurre al minimo i tempi di intervento e spostamento.

IMG 20230317 WA0000
Da sinistra Mauro De Andreis e Cosimo De Pascalis, ex e attuale responsabili dei servizi di Croce Bianca di Alto (CN)
A tutto ciò si va a sommare una situazione delle infrastrutture sanitarie, in cui il pronto soccorso di Albenga è stato chiuso da tempo e il più vicino è Pietra Ligure che dista circa 40 chilometri, oltre a una situazione delle autostrade pessima, in cui i continui cantieri le rendono impercorribili. Come e quanto incide tutto ciò sul vostro operato di valle?

In situazioni in cui le tempistiche fanno la differenza è veramente difficile: qualche mese fa siamo stati chiamati per un codice giallo e abbiamo trovato l’autostrada bloccata e per di più senza corsie di emergenza. Se fosse stato un codice rosso l’avremmo quasi sicuramente perso. Oppure mi viene in mente la chiamata per un travaglio: siamo partiti con un medico e un infermiere alle 5 del mattino dalla valle e abbiamo rischiato che nascesse in ambulanza, perché il primo punto nascita ligure è a Savona, a 75 chilometri da Alto – prima era Pietra Ligure, ma è stato anch’esso chiuso.

Ad Albenga abbiamo un possibile gioiello della sanità, che funzionava molto bene per le dimensioni e l’organizzazione, ma purtroppo si è deciso di cambiarne l’uso, andando a chiudere il pronto soccorso, poi il punto nascite. Il lato piemontese per noi è impensabile; gli altri ospedali più vicini sono a Mondovì (CN), che dista due ore di auto, o Imperia, a un’ora e un quarto. Insomma c’è da sperare di stare bene sempre. Purtroppo la sanità è diventata una questione puramente politica, legata ad interessi e sovvenzioni, mentre le esigenze reali delle persone passano in secondo piano. A nulla sembrano essere servite la manifestazioni, organizzate da cittadini e realtà del territorio, come Sos salute, il cui slogan è “Senza pronto soccorso si muore”.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La Corsa Contro la Fame, il progetto che sensibilizza bambini e famiglie sulla malnutrizione
La Corsa Contro la Fame, il progetto che sensibilizza bambini e famiglie sulla malnutrizione

Il microscopio del chirurgo calabrese Domenico Gerbasi che combatte i tumori al seno
Il microscopio del chirurgo calabrese Domenico Gerbasi che combatte i tumori al seno

Dalla dislessia alla ADHD, nuove cure per una vita più equilibrata
Dalla dislessia alla ADHD, nuove cure per una vita più equilibrata

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Gaza, la strage continua ma cresce il movimento pro-Palestina – #933

|

Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso

|

Animago: due libri per esplorare il mondo a mente scalza

|

Greenatural, il marchio che unisce domanda e offerta di prodotti etici ed ecologici

|

Casa nome collettivo: parlare di Palestina, riflettere sulla guerra per chiedere la pace

|

Giorgio Cremaschi: “Su Gaza l’occidente usa un doppio standard”

|

Bombe di semi e draghi: è in partenza un cammino per seminare vita in nome di Fukuoka

|

I gelsi e la talpa, l’azienda agricola che vende “siciliano” e promuove il consumo critico

string(8) "piemonte"