20 Apr 2023

In Our Garden, l’agriturismo in permacultura che crea comunità sulla costa della Sardegna – Io Faccio Così #382

Scritto da: Ezio Maisto

Dopo aver fondato un ecovillaggio in Giamaica nel quale visitatori e comunità locale si scambiano esperienze e know-how, Ramona Bavassano ha aperto in Sardegna un bioagriturismo multifunzionale di 55 ettari in cui ci si prende cura delle relazioni fra le persone e con la natura, praticando agro-ecologia, autoproduzione e altre attività diventando parte di una comunità temporanea. Si chiama In Our Garden ed è un luogo che punta ad aggregare una comunità di persone che vogliono vivere in maniera ecologica e consapevole.

Salva nei preferiti

Cagliari - Ramona Bavassano è un’appassionata cittadina del mondo che, da consulente freelance per lo sviluppo personale e organizzativo, per tre decenni ha viaggiato e supportato progetti di crescita sostenibile. Come spesso capita nei sogni il suo cambio vita è cominciato con una vacanza ai tropici. Dopo aver lavorato per il Corporate Social Forum in Brasile per gli zapatisti in Messico, per le donne imprenditrici in India, per progetti di permacultura in Thailandia e di educazione sostenibile in Laos, nel 2012 si concede una vacanza pura, ossia un viaggio ai Caraibi senza altri scopi. 

L’illuminazione arriva lì, su quelle isole incantate, quando decide di investire le sue risorse e le sue (tante) energie non per aprire un chiringuito qualsiasi, ma per fondare Jamadda Permacultural Park, un ecovillaggio sulla costa Sud della Giamaica nel quale visitatori e comunità locale si scambiano esperienze e know-how. Un luogo che in pochi anni sarebbe diventato una delle più rilevanti avanguardie del cambiamento di tutta l’isola, al punto da essere scelto dall’ONU per rappresentare la Giamaica alla Conferenza Mondiale del Turismo Sostenibile del 2018. 

in our garden 2

Da isola in isola, dunque. Perché quando la nostalgia di casa e degli affetti prevale, Ramona lascia e raddoppia. Prima mette in condizione Jamadda di camminare da sola sulle sue gambe, poi torna in Italia e si mette a cercare un luogo dalle caratteristiche giuste nel quale mettere a frutto l’esperienza maturata ai tropici arricchendola con le tradizioni della cultura locale. Come biasimarla, dunque, nella scelta della Sardegna?

Assieme a Claudio Spiga, inizia così il processo di acquisizione di uno splendido terreno di 55 ettari nell’agosto 2020. L’idea è quella di trasformare questa proprietà a pochi minuti dal mare in un laboratorio vivente per l’innovazione sociale in agricoltura, in uno spazio rigenerativo dove persone provenienti da tutto il mondo possono incontrarsi, trascorrere periodi di vacanza attiva, divertirsi e co-produrre cibo e oggetti artigianali diventando parte di una comunità temporanea. «Ho aperto un giardino per tutti coloro che desiderano far parte di una comunità amorevole e produttiva», dichiara oggi con giustificata fierezza. 

In Our Garden Sardinia si può oggi definire un centro di permacultura rigenerativa oppure, più prosaicamente, un bioagriturismo multifunzionale. È situato nel Sud-Est della Sardegna, sulla Costa degli Angeli in località Flumini, nel Comune di Quartu Sant’Elena, a pochi chilometri da Cagliari. La sua missione è quella di generare ecosistemi fiorenti di relazioni, facilitare la co-creazione di esperienze produttive a contatto diretto con la natura, agire in modo terapeutico producendo benessere per la terra e le persone, realizzare processi trasformativi di innovazione sociale.

Un giardino in cui, in sostanza, ci si prende cura delle persone e delle loro relazioni con gli altri e con la natura, praticando agricoltura civica ed altre attività attraverso la permacultura, metodologia di design per eccellenza per chi sogna di rigenerare il suolo e le comunità. Nonostante il processo di acquisizione della proprietà non sia ancora terminato, Ramona e Claudio, insieme a coloro che di volta in volta li supportano attraverso la comunità temporanea da essi creata, producono già frutta e verdura biologica, vino naturale, olio d’oliva, rimedi a base di piante medicinali.

in our garden 1

Organizzano poi seminari sulla crescita personale e comunitaria, laboratori di autosufficienza, espressione corporea, medicina naturale, cosmetica, eventi sportivi e di socializzazione, ritiri e pratiche di discipline olistiche, workshop di tecniche manuali creative, attività nel teatro di paglia. Dal 2021 il loro progetto è diventato la sede di Calarighe, la Libera Scuola di Medicina Popolare Sarda fondata da Gianpaolo Demartis. 

Al momento In Our Garden offre ospitalità in due casette autoristrutturate e in alcune tende da campeggio stile glamping con grandi spazi a disposizione per godersi la natura e le splendide spiagge e attrazioni culturali della Costa degli Angeli. Ma sognano di avere presto le risorse per allestire nuovi spazi adibiti al soggiorno e creare un efficiente sistema di potabilizzazione e gestione dell’acqua, risorsa oggi decisamente scarsa in molti luoghi. «Dopo aver investito tutte le nostre risorse nell’acquisizione della proprietà e nella ristrutturazione di alcuni fabbricati per essere subito operativi, desideriamo ora invitare persone affini a diventare parte di questa realtà sostenendoci con donazioni o altre possibili forme su cui possiamo accordarci», ci dicono accorati. 

In Our Garden è un giardino in cui ci si prende cura delle persone e delle loro relazioni con gli altri e con la natura

È per questo che hanno da poco lanciato una campagna di crowdfunding chiamata “Facciamo fiorire il nostro giardino” alla quale possono partecipare tutti coloro che condividono la visione di In Our Garden, investitori che vogliono ricevere benefici, come ad esempio dei soggiorni, ma anche persone con competenze tecniche che desiderano aiutarli nei lavori una volta raccolta la cifra sufficiente a farli partire. I contributi della campagna verranno utilizzati per ripristinare i pozzi, per potabilizzare l’acqua, per attivare la fitodepurazione volta al recupero a fini di irrigazione dell’acqua usata, per certificare la cucina secondo la normativa vigente. 

«Un proverbio africano dice che se vuoi andare veloce, devi andare da solo, ma se vuoi andare lontano, devi andare insieme», conclude Ramona. «Ecco, io credo fortemente nel potere della comunità. Il mio sogno è che le persone che passano di qui tornino il più spesso possibile e siano orgogliose di dire in giro che fanno parte di In Our Garden, di dire che hanno un giardino in Sardegna. Il nostro giardino. Di tutti noi».

Per contribuire alla campagna a finanziamento flessibile di In Our Garden clicca qui.  

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Agroecologia, sostenibilità, comunità: la Sardegna al centro del festival “Challenge Naturalmente locale”
Agroecologia, sostenibilità, comunità: la Sardegna al centro del festival “Challenge Naturalmente locale”

Primaurora, l’associazione per la tutela e la salvaguardia del Vesuvio
Primaurora, l’associazione per la tutela e la salvaguardia del Vesuvio

Voglia di riconnettersi con la natura? Seguite Il Richiamo del Bosco
Voglia di riconnettersi con la natura? Seguite Il Richiamo del Bosco

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Assalto eolico: l’isola dice no- INMR Sardegna #34

|

Oltre la paura: Trame di legalità tra festival, antiracket e normalità – Calabria sarai Tu #1

|

Campi estivi in natura 2024, ecco quali sono i migliori in base alle esigenze

|

Con Four Seasons Natura e Cultura si viaggia in modo sostenibile alla scoperta dell’Italia e del mondo

|

Un cammino lento attraverso la natura dell’appennino e le sue comunità

|

Agroecologia, sostenibilità, comunità: la Sardegna al centro del festival “Challenge Naturalmente locale”

|

Clara Vitaggio, enologa tra vin de garage e ricerche sui vitigni reliquia

|

Rina e basta, il libro per bambini sulla ricerca di identità ambientato nel mar Ligure

string(8) "sardegna"