10 Mag 2023

Torino Bike Days: dieci giornate dedicate alle due ruote e alla mobilità attiva

Scritto da: Benedetta Torsello

Ancora per qualche giorno il capoluogo piemontese sarà la capitale nazionale della bicicletta grazie al ricco programma dei Torino Bike Days, un’importante manifestazione dedicata al mezzo di trasporto più economico e sostenibile che ci sia. Ecco una panoramica sugli eventi che si sono svolti e si svolgeranno nell'ambito della manifestazione, da pedalate non competitive per le strade della città a incontri di approfondimento e co-progettazione per una mobilità più lenta, inclusiva e sostenibile.

Salva nei preferiti

Torino - La vita è un po’ come una bicicletta: «Per stare in equilibrio devi muoverti», recita una celebre frase di Einstein. E per quanto sentita e risentita, non esiste forse metafora più riuscita, che racchiuda in poche parole quell’incertezza che proprio tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita quando magari da piccoli – e alle prime armi – non riuscivamo a reggerci sul sellino senza buttare i piedi a terra per ritrovare l’equilibrio. Poi all’improvviso, dopo tentativi e cadute, si impara ad andare e si scopre che il segreto è quello di muoversi, incessantemente: è solo così che le due ruote ci portano lontano.

Leggera, economica, sostenibile, democratica ed eterna la bicicletta si riconferma infatti il mezzo di trasporto più innovativo e adatto alle città del futuro. Nel mese di maggio, le due ruote e la cosiddetta mobilità attiva ritornano protagoniste dei Torino Bike Days, partiti lo scorso 4 maggio con un ricco programma di iniziative ed eventi dedicati al mondo della bicicletta e si chiuderanno domenica 14 maggio.

torino bike days cover
DUE RUOTE PER TUTTI

Grandi, piccoli, amatori delle due ruote o meno esperti: i Torino Bike Days sono davvero per tutti, tra competizioni, esposizioni, attività di sensibilizzazione ambientale, lezioni di prova e pedalate tra le bellezze torinesi. Un’occasione unica per promuovere sport, sostenibilità ambientale, turismo, salute, inclusione e aggregazione sociale: il tutto all’insegna del movimento sulle due ruote.

A inaugurare le giornate torinesi consacrate alla bicicletta, lo scorso giovedì si è tenuta “La invincibili”, una pedalata cicloturistica gratuita organizzata in onore al Grande Torino, con partenza dallo stadio Filadelfia e arrivo sul piazzale della Basilica di Superga. E poi ancora esposizioni al Valentino, pedalate tra parchi urbani e residenze reali e sfide a colpi di pedali per i più esperti.

Per chi si fosse perso l’ottava edizione della Granfondo Internazionale Briko di Torino, corsa ciclistica di 122 chilometri, l’appuntamento è per sabato 13 maggio, con la 6 SuperGas. L’obiettivo della gara sarà quello di arrivare sei volte a Superga partendo da sei versanti diversi per un percorso totale di 135 chilometri. Per i meno competitivi, invece, Easy Rider sarà una pedalata spensierata alla scoperta del territorio promossa da Bike Pride, un’associazione che si occupa di promuovere in modo divertente e giocoso la cultura della bicicletta.

Leggera, economica, sostenibile, democratica ed eterna la bicicletta si riconferma infatti il mezzo di trasporto più innovativo e adatto alle città del futuro

RIPENSARE LE CITTÀ

L’obiettivo dei Torino Bike Days non è solo quello di celebrare con numerose iniziative il mondo della bicicletta, ma soprattutto pensare a delle strategie urbane che possano rendere ancora una volta le due ruote il vero mezzo del futuro. A tal proposito, l’assessora alla Mobilità e Transizione Ecologica della città di Torino, Chiara Foglietta ha dichiarato che vivere in modo sostenibile significa innanzitutto guardare al futuro.

«La bici rappresenta il mezzo più economico e green che abbiamo a disposizione per spostarci e, in questa direzione, vanno le numerose azioni che abbiamo messo in atto come amministrazione per promuoverne l’uso, migliorando e incrementando l’estensione della rete ciclabile cittadina e promuovendo una cultura della mobilità attiva», ha aggiunto Foglietta. 

Diversi gli eventi dedicati alla mobilità urbana nel corso dei Torino Bike Days, tra cui Bike to work: migliorare la mobilità urbana e la qualità della vita in bicicletta, che ha visto tra gli altri la partecipazione del professor Bruno dalla Chiara del Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente del Territorio e delle Infrastrutture (DIATI) del Politecnico di Torino, con un intervento dal titolo Come poter intendere la mobilità sostenibile: quale ruolo per la bicicletta nei piani universitari.

torino bike days bambini
BIMBIBICI 2023

A chiudere in bellezza i Torino Bike Days, torna Bimbibici, una manifestazione nazionale di FIAB (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) che vuole promuovere la mobilità attiva e diffondere l’uso della bicicletta tra giovani e giovanissimi. L’evento, una festosa pedalata aperta a tutti e in totale sicurezza, si svolgerà domenica 14 maggio 2023 in tantissime piazze di tutta Italia.

Nell’edizione 2022 sono stati organizzati più di 220 eventi in 18 regioni, con oltre 220 città coinvolte per un totale di oltre 43.000 partecipanti. Bimbimbici vuole innanzitutto sollecitare una riflessione sulla necessità di creare zone verdi e piste ciclabili per aumentare la vivibilità dei centri urbani dando spazio alle persone e a una mobilità lenta. L’evento ha ricevuto nelle scorse edizioni il patrocinio della Società Italiana di pediatria (SIP), anche perché andare a scuola a piedi o in bicicletta contribuisce non solo a rendere più vivibili le nostre città, ma anche a favorire stili di vita corretti, contrastando la sedentarietà, sin dall’infanzia.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La mobilità sostenibile a Napoli: dalla smart mobility al car sharing
La mobilità sostenibile a Napoli: dalla smart mobility al car sharing

A Caltanissetta la ciclofficina sociale che promuove mobilità lenta e cicloturismo responsabile
A Caltanissetta la ciclofficina sociale che promuove mobilità lenta e cicloturismo responsabile

Ponte sullo Stretto, dubbi e anomalie di un progetto senza fine
Ponte sullo Stretto, dubbi e anomalie di un progetto senza fine

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Aurore boreali, Sar, che succede ai nostri cieli? – #937

|

La VegToria, la nuova fattoria vegana sulle alture di Genova

|

Olga Karatch: “Contro la guerra patriarcale, dobbiamo dare voce alle donne per la pace”

|

WWOOFing all’Ecosfera: un viaggio alla scoperta della permacultura e di connessioni umane

|

Favola Industriale Blues: con l’arte si racconta cosa accade intorno al polo petrolchimico di Siracusa

|

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

|

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

|

A Capaci nasce MuST23, un museo interattivo come luogo di riscatto civile e sociale

string(8) "piemonte"