2 Apr 2024

Gentilezza, il segreto (inaspettato) per aumentare la produttività ed evitare le guerre

Scritto da: Fabrizio Corgnati

Natalia Re è un’imprenditrice siciliana che ha deciso di superare i dolori che la vita le ha riservato scegliendo di dedicare il suo impegno al Movimento italiano per la gentilezza, di cui è stata nominata presidente. Perché la gentilezza non è un’idea buonista, ma una pratica quotidiana e attiva, un antidoto a tutti i conflitti, da quelli più grandi a quelli più piccoli della nostra quotidianità.

Salva nei preferiti

Agrigento - In questi tempi di feroce conflittualità – non solo a Kiev o a Gaza, ma sui social network, ai talk show, al semaforo, in fila alle poste – verrebbe quasi da pensare che la gentilezza sia un ferrovecchio ormai in disuso, passato di moda. Niente di più sbagliato. Intorno a noi c’è chi a questa aggressività, verbale e non solo, vuole sottrarsi a tutti i costi.

C’è chi sceglie la strada più difficile, che molti scambieranno forse per debolezza o codardia, ma che in realtà rappresenta la vera “forza tranquilla”. C’è chi, parafrasando una celebre frase tratta da Wonder, il romanzo per ragazzi contro il bullismo della scrittrice statunitense Raquel Jaramillo Palacio, quando gli viene data la possibilità di scegliere tra avere ragione ed essere gentile sceglie di essere gentile, perché così avrà sempre ragione.

C’è chi addirittura alla diffusione di questo messaggio sta dedicando la sua intera vita. È il caso di Natalia Re, 46 anni, agrigentina, imprenditrice nel settore dei servizi ambientali, scrittrice, mamma della 12enne Sophia e soprattutto, dallo scorso anno, presidente del Movimento italiano per la gentilezza, affiliato alla casa madre internazionale del World Kindness Movement.

NataliaRe
Natalia Re, presidente del Movimento Italiano per la Gentilezza

«È avvenuto tutto quasi per caso», racconta a Italia che cambia. «Già da qualche anno con la mia azienda avevo deciso di accantonare la pubblicità tradizionale in favore delle campagne di responsabilità sociale». Fu proprio una di queste che la portò a conoscere il Movimento, fondato nel 2000 a Parma dai coniugi Giorgio e Marta Aiassa. «Dapprima ne diventai ambasciatrice per la Sicilia, poi l’assemblea di direttivo mi propose di assumere la presidenza. Una grande gioia ma anche una responsabilità».

Come succede in tutte le storie di questo tenore, anche il lungo impegno per il volontariato di Natalia nasconde ragioni profonde, una vicenda personale fatta di sofferenza e di coraggio. «A tredici anni soffrii di anoressia precoce, per giunta in un’epoca in cui c’era una scarsissima consapevolezza sui disturbi alimentari. Un dramma fisico, mentale e relazionale, che riuscii a superare grazie a un percorso psicoterapeutico che ha sancito la mia rinascita, la mia alfabetizzazione emotiva, tanto che continuo a non abbandonarlo. Anzi, lo consiglio a tutti: una delle nostre battaglie nazionali riguarda proprio l’educazione affettiva nelle scuole, che deve diventare parte integrante della formazione, non solo un momento sperimentale da affidare alla libera iniziativa dei presidi».

Non penso che la gentilezza sia un dono gratuito: ci ritorna indietro in termini di coesione sociale, stabilità e riconoscimento di diritti e doveri

E visto che di alfabetizzazione emotiva stiamo parlando, allora cominciamo dalle basi, dall’ABC: che cos’è esattamente la gentilezza? «Sgombriamo il campo dalle confusioni», precisa Re. «Gentilezza non significa cortesia, educazione, buone maniere, non è ascetismo né misticismo. È un atto molto più profondo, di responsabilità individuale e collettiva. Parte dalla costruzione del nostro equilibrio, per poi diventare allenamento all’armonia e al rispetto. Io mi sento molto ottimista al riguardo: nonostante questo sia un momento storico di grandi derive, credo fermamente che la nostra società possa ritrovare nella gentilezza sia la bellezza che lo stimolo al cambiamento. Perché essere gentili può abbattere barriere, stereotipi, tabù, falsi miti più della forza fisica».

Guai a pensare che questa sia solo un’idea buonista, uno slogan zuccheroso o una bella intenzione: al contrario, è una pratica quotidiana e attiva, che ciascuno di noi può portare avanti. È un antidoto a tutti i conflitti – da quelli enormi della geopolitica a quelli microscopici della vita di ogni giorno, quando ci scontriamo con chi la pensa diversamente da noi per strada o dietro a uno schermo – senza volersi imporre sugli altri, ma aprendosi a loro. «Non si tratta di vocazione al martirio, cioè di rinuncia alle proprie idee o necessità, ma di accettazione della differenza, comprensione che essa può nutrire anche la nostra identità individuale».

DSC8121 scaled 1
Un incontro del Movimento Italiano per la Gentilezza

Così magari potremo scoprire che al di sopra della smania di far prevalere il nostro punto di vista nella competizione tra i tanti “io” c’è la dimensione del “noi”, una collaborazione che conviene a tutti. «Non penso che la gentilezza sia un dono gratuito», sottolinea la presidente. «In realtà ci ritorna indietro in termini di coesione sociale, di stabilità, di riconoscimento di diritti e doveri. Anche a me, personalmente, fa bene. Mi ha permesso di frenare l’ansia e la rabbia verso le ingiustizie».

Le ricadute, anche concrete, sono sostanziali, addirittura misurabili. Natalia Re, che di lavoro fa la manager d’impresa, lo sa bene. Siamo abituati ad amministratori delegati che vedono tanto i dipendenti quanto i clienti come entità da sfruttare, per trarne semplicemente un ritorno in denaro. Invece fare uno sforzo per ascoltarli, accoglierli, soddisfarli, valorizzarli si può rivelare incredibilmente vantaggioso per il bilancio e la crescita dell’azienda.

«La gentilezza è chiaramente un valore, che diventa anche economico. A volte basta un complimento al posto di una vessazione per innescare un meccanismo fecondo, per far sentire le persone apprezzate. In un contesto in cui ci si trova a proprio agio, a livello relazionale ma anche infrastrutturale, si è più produttivi e performanti. L’esatto contrario di quanto accade in molte delle nostre strutture pubbliche, penso a scuole e ospedali, troppo spesso vetuste e respingenti».

adam nemeroff PDPRax9dm8 unsplash
Gentilezza non significa cortesia, educazione, buone maniere, non è ascetismo né misticismo. È un atto molto più profondo, di responsabilità individuale e collettiva

A tal proposito il Mig ha lanciato l’Osservatorio italiano della gentilezza e dei comportamenti, che vuole calcolarne le ricadute nientemeno che sul prodotto interno lordo. L’obiettivo, ambizioso, è dimostrare che la gentilezza può diventare «un indicatore del benessere sociale del Paese, da prendere in considerazione tra le variabili che orientano le scelte dei governi». Un esempio numerico, tratto dal primo studio reso pubblico da pochi giorni?

I maltrattamenti sui minori costano ogni anno 340 milioni di euro direttamente tra ospedalizzazione, cure mentali, welfare, affidi familiari e interventi di polizia e giustizia e addirittura oltre 12 miliardi indirettamente per educazione speciale, cura della salute da adulti, criminalità giovanile e non, e perdite di produttività sociale. Parallelamente, l’osservatorio pubblica ogni mese anche «un monitoraggio condotto su Google attraverso l’intelligenza artificiale su alcune parole chiave, per comprendere cosa accade in rete. Abbiamo scoperto che l’impatto della gentilezza è particolarmente forte su Instagram, più che sulle altre piattaforme».

In effetti il mondo virtuale, ancor più di quello reale, sembra avere molto da imparare al riguardo. Sulle reti sociali volano espressioni taglienti ad altezza d’uomo, non solo quando si dibatte di temi delicati come quelli politici, ideologici, religiosi, ma spesso anche sull’effimera polemicuccia del giorno, dal vincitore dell’ultimo Sanremo alla moviola calcistica. Natalia, purtroppo, lo ha sperimentato sulla sua pelle.

kelly sikkema XX2WTbLr3r8 unsplash
La gentilezza è chiaramente un valore, che diventa anche economico. A volte basta un complimento al posto di una vessazione per innescare un meccanismo fecondo

Nel novembre scorso suo padre Alberto si è sparato un colpo di pistola all’età di 78 anni, lasciando dietro di sé una lettera in cui urlava tutto il suo dolore per l’ondata di critiche che lo aveva travolto dopo un evento da lui organizzato. Su questo episodio, rivela la figlia, «è stata aperta un’indagine con l’ipotesi di istigazione al suicidio».

Un altro vissuto tragico, da cui Re ha tratto l’ennesima lezione preziosa sul potenziale distruttivo – o, al contrario, costruttivo – delle parole che pronunciamo, rafforzando ulteriormente la sua vocazione di condividerla con gli altri. Basta un piccolo consiglio, che ciascuno di noi può provare a mettere in pratica, ogni volta in cui la rabbia sta per spingerci a rispondere male a qualcuno. «Quando siamo assordati dal rumore dei dibattiti conformistici e inconcludenti, dalle disordinate contestazioni, fermiamoci un attimo.

Di fronte a un momento di ostilità o di delusione, prendiamoci un momento di riflessione, prima di parlare o di agire. Scegliamo quei termini che possono ferire noi e il nostro interlocutore il meno possibile. Può sembrare banale, ma non lo è. Usiamo la gentilezza per stupire anche chi si approccia a noi con arroganza. Pensiamo al fatto che chi ci sta davanti, come chiunque, ha bisogno di essere riconosciuto, curato, coccolato. Recuperiamo il sorriso, che ci pone immediatamente in una condizione di empatia nei confronti dell’altro. Se poi riusciamo anche a porgergli la mano, avremo fatto un altro passo nella costruzione di una società più gentile».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso
Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

Alare di Luana Cotena: la moda come manifesto di innovazione sociale e creatività
Alare di Luana Cotena: la moda come manifesto di innovazione sociale e creatività

In Val Pennavaire la comunità locale cresce a partire da un’aiuola… magica!
In Val Pennavaire la comunità locale cresce a partire da un’aiuola… magica!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Scurati e gli altri. C’è un problema di censura in Rai? – #919

|

No border books, un kit di benvenuto per i piccoli migranti che approdano a Lampedusa

|

Intelligenza artificiale in azienda: ci sostituirà o ci renderà il lavoro più facile?

|

HandiCREA e il sogno di Graziella Anesi di un turismo accessibile e inclusivo

|

Lo strano caso di RWM Italia, tra business delle armi e la “cancellazione” di due fiumi

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

string(7) "sicilia"