2 Mag 2024

Filiera Futura: rinnovate le cariche dell’associazione per l’innovazione agroalimentare

Da ormai quattro anni Filiera Futura, di cui Italia che Cambia è partner, si occupa di innovazione utile allo sviluppo del territorio e delle filiere, con particolare attenzione alle aree rurali e marginali. Pochi giorni fa l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, in provincia di Cuneo, ha ospitato un incontro in occasione del quale sono state rinnovate le cariche dell'associazione. Ecco cosa è successo.

Salva nei preferiti

Cuneo - Nella mattinata di venerdì 12 aprile, presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, sono stati rinnovati gli
organi di Filiera Futura
, associazione che lavora a livello nazionale per innovare il settore agroalimentare. Francesco Cappello, attuale Presidente facente funzioni di Fondazione CRC e Presidente uscente di Filiera Futura, è stato confermato unanimemente come Presidente.

LE NUOVE CARICHE DI FILIERA FUTURA

Al suo fianco nel Consiglio Direttivo siederanno i Vicepresidenti Elena Giannini (membro dell’Organo di indirizzo di Fondazione CR Lucca), Giordano Emo Capodilista (membro del Consiglio Generale di Fondazione Cariparo) e i consiglieri Stefano Consiglio (Presidente Fondazione CON IL SUD), Dennis Luigi Censi (Presidente Fondazione Carifac e Presidente Consulta Fondazioni Marchigiane), Elisabetta Mazzola (membro del Consiglio di indirizzo di Fondazione CRT), Roberto Moncalvo (imprenditore agricolo, già Presidente nazionale Coldiretti).

filiera futura

Confermato anche Silvio Barbero, consigliere delegato UNISG, già co-fondatore di Slow Food – che abbiamo intervistato qui – per la carica di Presidente del Comitato Scientifico di Filiera Futura, dove sarà affiancato da Francesco Marangon (membro Consiglio di indirizzo di Fondazione Carigo), Maria Cristina Nicoli (prof.ssa ordinaria UNIUD, d’intesa con Fondazione Friuli), Michele Colombo (Presidente Fondazione CR Biella), Daniela Bosia (prof.ssa ordinaria Politecnico di Torino), Sergio Visciano (membro Consiglio di Amministrazione di Fondazione Cariverona), Joseph Meineri (Direttore Generale Confartigianato Cuneo) e altri membri in fase di nomina.

QUALCHE DICHIARAZIONE

«Sono onorato per la fiducia riposta in me dagli associati», ha affermato il Presidente Francesco Cappello. «Una conferma che rivela la volontà di dare continuità al lavoro svolto in questi quattro anni e alla strada tracciata nel 2020 dall’allora presidente Giandomenico Genta. Ci impegneremo assiduamente per far sì che Filiera Futura, con la sua capacità di aggregare e far dialogare le fondazioni di origine bancaria con le università e il mondo produttivo, ricopra un ruolo strategico al servizio delle comunità e dei territori, generando impatti positivi sulle filiere agroalimentari locali. Un sentito ringraziamento va a tutti gli associati, alla Vicepresidente Elena Giannini e al Vicepresidente uscente Giuseppe Toffoli per la costante dedizione dimostrata durante il mandato».

Per la Vicepresidente Elena Giannini, «la conferma che l’assemblea degli associati ha voluto deliberare a mio favore è per me motivo di grande soddisfazione. Credo infatti fortemente nel ruolo strategico e integrato di Filiera Futura come elemento propulsore e attivatore di nuovi modelli di sviluppo sostenibili e innovativi, pertanto il mio impegno sarà ancora più assiduo affinché ciò si traduca in azioni concrete e tangibili dedicate alle filiere agroalimentari cercando di andare al cuore dei bisogni delle piccole comunità locali, favorendo la nascita di economie locali sane e nuovi modelli di turismo sostenibile».

Filiera Futura si pone oggi come una vera e propria fucina di idee e progettualità, che parte dall’ascolto e dall’esplorazione

«Accolgo con piacere questo importante incarico», ha affermato il Vicepresidente Giordano Emo Capodilista. «È un onore poter rappresentare Fondazione Cariparo all’interno di Filiera Futura per contribuire a realizzare le iniziative future dell’Associazione, anche mettendo a disposizione l’esperienza imprenditoriale maturata nel settore vitivinicolo. Una soddisfazione che viene amplificata dal legame con l’Agenzia e l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, con le quali da lungo tempo ho il piacere di collaborare».

«Ringrazio i soci di Filiera Futura per aver confermato la loro fiducia nei miei confronti: il mio intento è quello di proseguire nel coinvolgimento delle Università che collaborano con la nostra associazione, per dare un contributo di innovazione e di sostenibilità ai progetti che insieme vorremo portare avanti». ha sostenuto Silvio Barbero, Presidente del Comitato Scientifico. «Questo mio impegno per Filiera Futura vuole anche essere da stimolo per poter rendere efficaci dal punto di vista scientifico le riflessioni e le visioni emerse dal mondo della produzione agroalimentare per nuove politiche del cibo attente alla biodiversità e alla valorizzazione dei territori».

filiera futura
Silvio Barbero

Tra i grandi temi individuati come prioritari e strategici per l’attività dei prossimi anni e per lo sviluppo del settore agroalimentare da parte del Comitato Scientifico di Filiera Futura vi sono la transizione ecologica e digitale, i giovani e alleanze di comunità, il valore ai territori rurali e marginali, la tutela della biodiversità, la divulgazione culturale.

FILIERA FUTURA

Nel 2020 Filiera Futura nasce da un’intuizione germinata sul territorio cuneese da Giandomenico Genta, allora Presidente di Fondazione CRC, a fianco dei soci fondatori. Lo scopo era quello di incentivare, stimolare e portare a compimento progetti condivisi nel settore agroalimentare italiano, per generare innovazione utile allo sviluppo del territorio e delle filiere, con particolare attenzione alle aree rurali e marginali. Ciò sarebbe stato possibile con il coinvolgimento attivo degli associati: in primis le fondazioni di origine bancaria, cuore pulsante dell’associazione, e poi gli atenei e le associazioni di categoria, portatori d’interesse e competenze, al fine di creare una rete solida di decisori e attori nazionali e territoriali.

filiera futura

A partire dai 16 soci firmatari del 2020, oggi Filiera Futura conta 25 soci. Nei suoi primi quattro anni di operatività, Filiera Futura ha avviato il suo percorso finanziando ricerche scientifiche utili a impostare le attività del primo mandato – La condizione delle filiere corte: studio pilota sul territorio italiano, Nourishing School. Ha proseguito con la modellizzazione di progetti innovativi – Progetto SMAQ, Terra & Tech. Open innovation per la viticoltura di domani –, con la promozione di iniziative di sensibilizzazione – +Api. Oasi fiorite per la Biodiversità – e con il sostegno a studi di carattere sistemico e nazionale, come quello attualmente in corso da parte di UNISG sulla questione delle terre abbandonate e sul ritorno dei giovani alla terra.

Filiera Futura si pone oggi come una vera e propria fucina di idee e progettualità, che parte dall’ascolto e dall’esplorazione condotti in tutta Italia con l’obiettivo di sviluppare modelli applicabili e replicabili sui territori, grazie al fondamentale contributo delle fondazioni di origine bancaria e alla collaborazione con attori di rilevanza in ambito agroalimentare.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Oro rosso di Sicilia, la cooperativa che ha reintrodotto lo zafferano ennese
Oro rosso di Sicilia, la cooperativa che ha reintrodotto lo zafferano ennese

Terra di Resilienza e la “crescita endogena del Mezzogiorno dei paesi”
Terra di Resilienza e la “crescita endogena del Mezzogiorno dei paesi”

Clara Vitaggio, enologa tra vin de garage e ricerche sui vitigni reliquia
Clara Vitaggio, enologa tra vin de garage e ricerche sui vitigni reliquia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Julian Assange è libero! Il fondatore di Wikileaks patteggia ed è e già rientrato in Australia – #955

|

A Palermo si festeggiano i primi 25 anni di Banca Etica

|

Oltre il mito della longevità, la Blue Zone è un modello da preservare

|

Laboratorio Prodor: 90 anni fra fermenti vegetali e formaggi vegani

|

Pachacanta, il festival di musica medicina per riconnettersi con natura e spiritualità

|

I parchi italiani e la difficile convivenza fra residenti, amministrazioni locali ed enti di gestione

|

È-Vento di Saccargia, il nostro racconto della mobilitazione sarda contro la speculazione energetica

|

Anema: mangiare insieme e autoprodurre sono atti politici

string(8) "piemonte"