12 Apr 2024

Processo Italcementi: la collina dei veleni – INMR Sardegna #26

Salva nei preferiti

Seguici su:

Oggi col nostro Alessandro Spedicati parliamo di Tyrrhenian Link, della richiesta di Terna di concessione demaniale marittima per 50 anni di uno specchio di mare sardo e dell’esercito è schierato in sorveglianza dell’agro interessato dal mega progetto. Parleremo poi anche di caro affitti, della nuova giunta Todde e dedicheremo poi uno spazio anche all’indagine del Ministero sugli episodi di molestie a bordo di traghetti Moby-Tirrenia e Grimaldi, denunciati da un’inchiesta de La Nuova Sardegna. Avremo infine un contributo di Piero Loi, autore di un’inchiesta realizzata per Indip che abbiamo pubblicato in settimana, su Italcementi e il processo per disastro ambientale sulla collina che in agro di Samatzai e Nuraminis, trasuda veleni.

“È nata la giunta che nei prossimi cinque anni darà ai sardi le risposte che aspettano da tempo”: così Alessandra Todde, presidente della Regione Sardegna, ha annunciato la nuova Giunta regionale. Cinque donne e sette uomini faranno parte dell’esecutivo regionale, vi dico ora nomi e rispettive cariche:

Giuseppe Meloni, attuale presidente regionale del Partito democratico, è vicepresidente della Regione e assessore regionale al Bilancio e Programmazione; Emanuele Cani, ex segretario sardo del Pd ed ex parlamentare, avrà l’Industria; Rosanna Laconi, medica, ex sindaca di Dolianova, all’Ambiente. Per il Movimento 5 Stelle, Desirè Manca, la più votata il 25 febbraio con oltre 8mila preferenze e consigliera uscente, ha la delega per il Lavoro. Armando Bartolazzi, oncologo romano ed ex sottosegretario del primo governo Conte, si occuperà del delicato assessorato alla Sanità. Per Alleanza verdi sinistra Antonio Piu, consigliere uscente confermato nel Sassarese l’assessorato ai Lavori Pubblici.  Ad Orizzonte comune va l’assessorato al Turismo con Franco Cuccureddu, ex sindaco Castelsardo, con un passato nel centrodestra.  Per i Progressisti la scelta è ricaduta su Gianfranco Satta, imprenditore agricolo, come assessore all’Agricoltura. Sinistra futura con Ilaria Portas, dirigente regionale, ha l’assessorato alla Cultura e alla Pubblica istruzione. Agli Affari generali la lista Uniti per Todde esprime Maria Elena Motzo, nuorese, assessora al Bilancio, Pubblica istruzione e Attività produttive del Comune di Bolotana. Indicati dalla presidente, per i Trasporti Barbara Manca, ingegnera e attuale assessora alla Mobilità a Quartu Sant’Elena, e per l’Urbanistica ed Enti locali Francesco Spanedda, architetto e docente all’Università di Sassari. Auguriamo a tutte e tutti buon lavoro, come Sardegna che cambia staremo a guardare, informare, parlare e raccontare.

Sulla questione affitti alle stelle l’Isola diventa un caso: gli immobili liberi, da occupare a canone mensile in sardegna sono sempre meno, e quelli disponibili registrano prezzi stellari. Pensate che solo nell’ultimo anno i canino sono saliti circa del 12%, con aumenti maggiori nei comuni costieri. Ma non solo: negli ultimi 2 anni il prezzo medio in sardegna ha raggiunto il suo massimo storico, scatenando potenzialmente un’emergenza socio-economica. Ci sono zone come il nuorese dove alcuni comuni costieri hanno dovuto aggiornare le tariffe medie quasi quadruplicandole, mentre in zone come Villasimius l’aumento è del 32%. A determinare e alimentare questa situazione, due fattori: la crisi economica e il boom del turismo. Se la prima ha infatti ridotto le capacità economiche dei sardi (determinando ad esempio il fatto che non pochi proprietari preferiscono lasciare gli immobili vuoti che impelagarsi in eventuali contenziosi con inquilini che non possono permettersi il rincaro dei costi), il settore vacanze ha poi dato la mazzata finale: chi ha un secondo appartamento a disposizione, preferisce affittarlo a turisti per periodi limitati, opzione ben più redditizia. Quello che sta accadendo però, come hanno ben riassunto (con una nota di sarcasmo) gli attivisti di Sardegna Chiama Sardegna, è che i sardi sono per strada, mentre i turisti sotto un tetto. Il diritto all’abitare per chi decide di vivere, studiare e lavorare stabilmente in Sardegna viene prima del profitto dei grandi proprietari.

Stop molestie sui traghetti: al via l’indagine del Ministero. Nelle scorse settimane la Nuova Sardegna ha riportato i racconti di alcune donne che hanno riferito di avere trascorso notti da incubo sulle navi a bordo delle quali viaggiavano da sole, perseguitate e stalkerate sui social da personale della nave. Una ragazza ha raccontato di essersi dovuta barricare all’interno della cabina, accatastando sedie e valigie sulla porta, mentre il suo molestatore bussava insistentemente e contemporaneamente le mandava messaggi su Facebook. Il ministero ha quindi deciso di avviare degli accertamenti sugli episodi di molestie denunciati a bordo di traghetti delle compagnie Moby-Tirrenia e Grimaldi: ad annunciare l’impegno per accertare resaponsabilità su fatti definiti gravissimi, è stato il sottosegretario ai Trasporti Tullio Ferrante nel rispondere all’interrogazione alla Camera presentata da Francesca Ghirra, deputata sarda di Alleanza verdi Sinistra. Ha dichiarato Ferrante che “eventuali episodi riconducibili a passeggeri ma, ciò che si ritiene più grave, anche e soprattutto ad opera di personale maschile in servizio presso l’equipaggio dei traghetti sono da prevenire e non devono accadere ed il Ministero ribadisce che la sicurezza e il rispetto dei passeggeri sono da considerarsi priorità assolute e qualsiasi forma di comportamento inappropriato eventualmente posto in essere dai dipendenti delle compagnie di navigazione richiede adeguati provvedimenti sanzionatori”. Vi aggiorneremo sulla vicenda ma prima, ci teniamo anche a ringraziare colleghi e colleghe de La Nuova Sardegna per l’importante lavoro di inchiesta a tutela del diritto alla mobilità e all’autodeterminazione: il giornalismo che sta al fianco delle comunità e delle persone, serve.

  • Sardegna che cambia è il 7° portale regionale aperto da Italia che cambia. Nella rassegna stampa settimanale, oltre alle principali notizie raccontiamo gli articoli usciti sul portale sardo.

A inaugurare la settimana è stata la nostra Alessandra Ghiani con un’intervista a Irene Bosu, esperta di comunicazione istituzionale, politica e culturale, giornalista e social media strategist, responsabile delle pagine social del Comune di Nuoro, della Protezione Civile locale e portavoce del sindaco della città. Insomma, una professionista che di comunicazione istituzionale ne sa. Con lei abbiamo parlato appunto degli aspetti cruciali della comunicazione politica e istituzionale, l’importanza della trasparenza e la mancanza di figure chiave nelle istituzioni. Vi consigliamo di leggerla, la trovate nella home di sardegnachecambia.org

Secondo articolo della settimana un’inchiesta di Indip su Italcementi e il processo per disastro ambientale sulla collina che in agro di Samatzai e Nuraminis, trasuda veleni. Nel 2017, la scoperta delle discariche abusive in cui fino al 2016 venivano scaricati fanghi tossici e altri rifiuti provenienti dalla Fluorsid fu uno shock per molti. Non si può però dire altrettanto come scrive Piero Loi, per le aree interne ed esterne al cementificio Italcementi di Samatzai, poste sotto sequestro dalla Procura di Cagliari due anni dopo, nel 2019. L’inchiesta non ha avuto la stessa eco, nonostante il processo per disastro ambientale – ad oggi in corso – che ne è seguito. In merito sentiamo il contributo audio di Piero Loi.

Mercoledì invece vi abbiamo raccontato di un punto di non-vendita di abiti. Esatto, avete sentito bene: non è un punto di vendita perché gli abiti si possono prendere gratis. Si tratta di un luogo che si chiama Guardaroba Popolare, che vuole mettere in discussione e in crisi l’industria della moda e la piaga del fast fashion: il progetto infatti sfida il concetto tradizionale di valore e consumo nel settore della moda, mostrando le storture di un mondo in cui il fast fashion inquina e sfrutta risorse umane e ambientali per la produzione di abiti di cui, in realtà, non ci sarebbe bisogno. In giro ci sono talmente tanti abiti che possono essere dati gratis: non sarà il caso di interrompere questo sfruttamento di risorse, territori e persone? Secondo noi sì.

Ieri la nostra Sara Brughitta ci ha invece raccontato il progetto del Selvaggio Verde, nato dalla volontà di cambiare vita di Gianluigi Bonicelli. Originario di Villanova Strisaili, dieci anni fa Gianluigi ha infatti scelto di abbandonare il lavoro nell’edilizia per dedicarsi a un’iniziativa che vuole valorizzare l’identità e lo stile di vita collegato al fenomeno della longevità. Il suo progetto, Selvaggio Verde, offre esperienze uniche immerse nel Gennargentu, promuovendo un approccio alla conoscenza dei territori sostenibile e consapevole, in cui il rispetto pondera ogni passo e la quotidianità è in sinergia con l’ambiente circostante.

E anche questa settimana in chiusura vi segnaliamo alcuni dei prossimi eventi sparsi nell’Isola.

  • Primo consiglio che vi diamo è di visitare all’Exma di Cagliari la mostra “Archimede: le invenzioni che hanno cambiato il mondo”, che resterà aperta al pubblico fino al 26 maggio. La mostra permetterà ai visitatori di vedere da vicino le macchine progettate dal genio di Archimede provenienti dal Museo Leonardo da Vinci di Firenze: sono infatti esposte quasi trenta macchine specializzate nella riproduzione di strumenti scientifici storici per scoprire le teorie, i principi e le invenzioni di Archimede. Perfetta per grandi e piccini, non perdetevela!
  • Sempre a Cagliari, inaugurata anche la mostra con le opere di Liliana Cano, visitabile fino al 19 maggio a Palazzo di Città a Cagliari: si tratta di una retrospettiva, curata dall’Archivio Cano, dedicata a una delle figure più interessanti del panorama artistico sardo. Colta, dinamica, appassionata di musica e letteratura, l’artista sarda ama i colori caldi, la linea di contorno marcata e le superfici di grande formato. Sarà un piacere per la vista.
  • Non dimentichiamoci che questa è la settimana della 665ma edizione della Festa di S.Antioco Martire, la festa religiosa più antica della Sardegna che si tiene fino a lunedì 15 aprile. Oltre alla sfilata delle traccas alla domenica e alla processione solenne del lunedì seguita dai fuochi d’artificio, in programma ci sono tanti eventi, dal mercato etnogastronomico che proporrà tante specialità della Sardegna alla tanta musica live. Trovate le informazioni online, dategli un’occhiata.
  • Questa domenica c’è anche l’esordio di un evento legato alla fioritura dei ciliegi. La prima edizione de “La fioritura del ciliegio“ si terrà infatti in località Pranas dove si trovano i ciliegeti comunali di Bonarcado, uno dei tanti paesi delle ciliegie della sardegna. Escursioni, concorsi fotografici e giochi antichi per bambini: sarà una giornata di festa in un panorama unico, che vuole esaltare lo spettacolo e i colori dei ciliegi in fiore.
  • In conclusione, vi segnaliamo anche che questa domenica si terrà anche l’evento organizzato dall’assemblea nazionale sarda in vista del 28 aprile, “S’imbàlliu de is Savoia in is nomenes de is arrugas”. Si tratta infatti di una passeggiata a piedi tra le vie di Cagliari insieme alla guida turistica Federica Marrocu, incentrata sui significati simbolici dei nomi delle vie e sulle dinamiche di potere che si nascondono. Cagliari è stata infatti al centro di rivolte e moti popolare contro i piemontesi, prima e dopo Sa Die de sa Sardigna. Eppure ai Savoia sono dedicate numerose vie e piazze, come mai? È possibile che c’entri una scarsa conoscenza della propria storia? Diciamo che è probabile, ma in mezzo ci sono un sacco di fattori sociali, culturali e economici che durante la passeggiata, verranno snocciolati.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace


Aurore boreali, Sar, che succede ai nostri cieli? – #937

|

La VegToria, la nuova fattoria vegana sulle alture di Genova

|

Olga Karatch: “Contro la guerra patriarcale, dobbiamo dare voce alle donne per la pace”

|

WWOOFing all’Ecosfera: un viaggio alla scoperta della permacultura e di connessioni umane

|

Favola Industriale Blues: con l’arte si racconta cosa accade intorno al polo petrolchimico di Siracusa

|

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

|

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

|

A Capaci nasce MuST23, un museo interattivo come luogo di riscatto civile e sociale

string(8) "sardegna"