Verso un gennaio di parole, semi e buone pratiche

Si terrà a Genova nel gennaio prossimo una manifestazione dedicata alla cultura rurale e al mondo contadino. Quattro gli eventi in programma a cura dell'Associazione Parole di terra e del Consorzio della Quarantina.

Seeds

Si terranno a gennaio in provincia di Genova quattro eventi a cura dell’Associazione Parole di terra e del Consorzio della Quarantina. A patrocinare la manifestazione è il Parco Antola con il sostegno dei comuni di Casella, Ronco Scrivia, Savignone, Torriglia, di Pentàgora edizioni e di Express.

Seeds

Giornata finale del premio letterario nazionale “Parole di terra”

Si inizia sabato 14 gennaio quando a Savignone (Sala teatro Don Botto), dalle 15:30 si svolgerà la giornata conclusiva e la premiazione della III edizione del Premio Nazionale di Letteratura Rurale “Parole di Terra”, organizzato dall’Associazione culturale Parole di terra e promosso da Pentàgora edizioni, con il patrocinio del Parco Antola e il sostegno del Comune di Savignone e di Express.

 

Nel panorama dei premi letterari banditi in Italia, Parole di terra è l’unico specificamente riservato alla cultura rurale e al mondo contadino, attraverso due sezioni: narrativa e saggistica. Il concorso è aperto a opere edite e inedite in lingua italiana, e non comporta alcun costo d’iscrizione e partecipazione. Per le opere inedite il premio consiste nella pubblicazione a cura delle edizioni Pentàgora o InSedicesimo.

 

Per la terza edizione (2016) del premio, la giornata finale del 14 gennaio vedrà concorrere per la sola sezione narrativa le seguenti opere: L’erba dagli zoccoli, di Tullio Bugari; Il pane degli angeli, di Cristina Meneguzzo; Pieve Cipolla, di Giampiero Bisso. Saranno inoltre riconosciute 5 segnalazioni e 3 menzioni speciali. La manifestazione sarà condotta dal giornalista Gilberto Volpara, affiancato da Sergio Rossi e Aldo Scorzoni. Ospite d’onore della manifestazione sarà il regista Giorgio Diritti che presenterà il documentario “Piazzàti” e dialogherà con il pubblico.

 

Rassegna di film di Giorgio Diritti

Nella settimana precedente la giornata conclusiva del premio letterario, per meglio preparare l’incontro con il regista de “Il vento fa il suo giro”, l’Associazione Parole di terra organizza nei cinema del comprensorio della Valle Scrivia (Casella, Ronco Scrivia, Torriglia) una rassegna di film di Giorgio Diritti, a cura di Enzo Fongi, con il sostegno dei comuni di Casella, Ronco Scrivia, Torriglia. Saranno inoltre organizzate manifestazioni collaterali nei comuni circostanti che vorranno partecipare, secondo un calendario che sarà definito entro il 15 dicembre.

DSC_4047


Mandillo dei semi

Domenica 15 gennaio, a Ronco Scrivia si terrà la XVI edizione dell’ormai tradizionale “Mandillo dei Semi”, festa del libero scambio di semi autoprodotti e lieviti di casa, organizzato dal Consorzio della Quarantina con il sostegno della Rete Semi Rurali, il patrocinio del Comune di Ronco Scrivia e del Parco Antola, e la collaborazione della Parrocchia di San Martino e della Pro Loco Ronco Scrivia. Il Mandillo dei semi (I edizione, 2000), per numero espositori e pubblico, è la principale manifestazione di scambio dei semi che oggi si tiene in Italia.

 

Saranno presenti collezioni pomologiche e raccolte di ortaggi, cereali e frutta antica, e, tra le altre cose, la raccolta di semi di 1600 varietà di pomodoro conservata da Adipa-Lunigiana. Inoltre ci sarà il mercato dei produttori del Consorzio della Quarantina e uno specifico spazio sarà dedicato ai tre incontri: Orti in paese (a cura del Comune di Ronco Scrivia), Allevamento delle galline (Simona Ugolotti), La distruzione delle patate e la carestia in Irlanda 1845-1851 (Luca Maestri, edizioni Pentàgora).

 

Esposizione delle patate dal mondo

Sabato 21 e domenica 22, a TORRIGLIA (Sede del Parco Antola), si ripeterà (dopo la prima edizione del 2008 – Anno mondiale della patata) la grande esposizione delle patate al mondo, a cura di Fabrizio Bottari, promossa dal Parco Antola e dal Consorzio della Quarantina. L’esposizione raccoglie 400 varietà storiche di patata in una collezione vivente unica, probabilmente la più importante collezione privata del genere in Europa. Oltre alle varietà tradizionali italiane recuperate nel corso di un lavoro ormai ventennale, riveste un particolare valore, l’esposizione delle varietà recentemente ottenute sulle montagne della Val d’Aveto da seme-vero e, perciò, uniche nel loro genere.

 

 

Per maggiori informazioni sui quattro eventi in programma a gennaio clicca qui

 

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche