27 Apr 2021

Ortobimbo, un luogo dove si coltivano ortaggi, amore e curiosità

Scritto da: Valentina D'Amora

Sulle alture di Sestri Ponente, a Genova, esiste un terreno in cui si coltivano valori, oltre che verdure biologiche. Così Dario, Alice e loro figlio Giovanni hanno trasformato l'orto di famiglia in un luogo di condivisione e convivialità: non solo un semplice orto, dunque, ma uno spazio votato all’educazione outdoor e allo stare insieme.

Genova - Dario e Alice lavorano con i bambini: lui come educatore di asilo nido e lei come insegnante di inglese alla scuola primaria. Insieme hanno deciso di dare vita a un orto dove non si coltivano solo ortaggi, ma anche esperienze ed emozioni. Sulle alture di Sestri Ponente, a Genova, dove il caos cittadino fa pian piano spazio ai colori della natura, in uno spazio di 300 mq nasce il loro orto, che hanno chiamato Ortobimbo.

«Qualche mese fa, quando è mancato il nonno di mia moglie Alice, bisnonno di nostro figlio Giovanni – spiega Dario –, dovevamo decidere se tenere il suo terreno o rinunciare all’affitto annuale e farlo assegnare a qualcun altro. Visto che è sempre stato un luogo del cuore, abbiamo deciso di proseguire la sua opera, anche per ricordare chi, per tanti anni, se n’è occupato con amore e pazienza. L’idea, però, era quella di trasformare questo spazio in un progetto, in un qualcosa che non fosse semplicemente un orto».

Così, ispirandosi ai loro mestieri legati alla pedagogia e alla crescita, Dario e Alice hanno deciso di renderlo un nuovo pilastro dell’educazione all’aperto in città.

orto bimbo ridim
Dario e suo figlio Giovanni

«In primis abbiamo creato una pagina Facebook e un account Instagram, con contenuti pensati soprattutto per le famiglie. Sono nati anche svariati personaggi, ognuno con le proprie peculiarità, che trattano argomenti diversi (agricoltura, libri per bambini, ricette, ecc.) e che ricordano i componenti delle famiglie che orbitano nel nostro orto». Sui loro social, post con consigli sull’agricoltura si alternano a riflessioni dedicate ai più piccoli.

In un prossimo futuro, però, l’obiettivo è quello di “aprire la pagina” al mondo e coinvolgere in presenza bambini e famiglie con letture nell’orto, laboratori e momenti insieme. «Ora siamo in fase di allestimento degli spazi e stiamo sfruttando questi mesi di restrizioni per mettere tutto in sicurezza. Per adesso, stiamo iniziando a fare rete con alcune associazioni del territorio e i nostri piani stanno prendendo forma. E poi, ci piacerebbe molto anche coinvolgere le scuole il prossimo anno».

ortobimbo ridim

Cos’è quindi Ortobimbo? «Crediamo che questo sia un orto di felicità e amore, di cui noi stiamo raccogliendo “i frutti”. Il nostro intento è seminare la curiosità, quella che fa sognare i bambini, e la semplicità, che fa sembrare meraviglioso anche solo piantare un semino o farsi camminare una coccinella su un dito».

Chi coltiva sa che la cosa più bella è fare “quello che c’è da fare”, perché è proprio questa la bellezza dell’orto: «Una volta togli le erbacce, un giorno semini, dopo raccogli, poi bagni e così via, in un susseguirsi di azioni che rispettano la stagionalità». Un’esperienza semplice, ma potentissima, a cui tutti i bambini dovrebbero accostarsi.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
San Giovanni lotta contro l’abbandono scolastico con Piccolo Principe Advanced
San Giovanni lotta contro l’abbandono scolastico con Piccolo Principe Advanced

Federica Pepe, mammainsvezia: crescere un bambino nel sistema educativo svedese
Federica Pepe, mammainsvezia: crescere un bambino nel sistema educativo svedese

“Per crescere davvero, dobbiamo liberare le nostre radici dai vasi e affondarle nella terra”
“Per crescere davvero, dobbiamo liberare le nostre radici dai vasi e affondarle nella terra”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’ex Ilva verrà commissariata, di nuovo – #882

|

A Lanusei classi quinte in gita durante le elezioni regionali: il diritto di voto è solo “a metà”

|

Auschwitz e Gaza: che cos’è l’essere umano?

|

Violenza di genere: “Tutti noi dovremmo mettere in discussione i nostri valori, opinioni e credenze”

|

Una nuova vita al Mulino Marghen, fra relazioni umane e natura

|

Destinazione Ogliastra, una rete per un approccio sostenibile e identitario al turismo nel territorio

|

Rising Time: Elena e Andrea tornano in Calabria per lanciare i giovani artisti locali

|

Il Museo dell’Emigrazione Italiana: un’esperienza diversa per sconfiggere i pregiudizi

string(7) "liguria"