20 Dic 2013

Giocando si impara? Terranave ci parla delle scuole in gioco

Giocando si impara? Questa è la domanda che sta alla base della puntata settimanale di Terranave. La metodologia del gioco […]

giochiGiocando si impara? Questa è la domanda che sta alla base della puntata settimanale di Terranave. La metodologia del gioco è una branca della didattica dedicata all’insegnamento di metodologie non frontali e attive da applicare all’interno delle  scuole e in tutti quei contesti dove si fa educazione. Obiettivo primario: creare una “nicchia ecologica” entro cui i ragazzi possano  imparare a comunicare con attività non verbali e ludiche.
“Non basta insegnare a giocare per giocare. Giocare è un modo di stare nell’esperienza, nella realtà della mia vita. Riguarda certi  giochi che faccio, ma riguarda innanzi tutto il mio modo di fare anche quando non gioco un gioco particolare”.
La scuola dei giochi,  Pier Aldo Rovatti e Davide Zoletto

Gianfranco Staccioli insegna Metodologie del gioco e dell’animazione all’Università degli Studi di Firenze, presso la facoltà di Scienze  della formazione, Enrico Euli è docente della stessa materia all’Università di Cagliari. Nei corsi dei due professori non si sta quasi mai  seduti, si lavora in gruppi, si ride, si piange. Convinti che la scuola italiana di oggi non è strutturata rispetto alle esigenze degli utenti, i due  ricercatori ripensano la didattica, tentando di ricostruire il tessuto inerente alle motivazioni degli studenti. 
Se si gioca a un gioco, si mette in moto non soltanto il corpo ma anche il modo di essere e concepire il mondo, così il gioco diventa una tecnica per apprendere, ma anche uno strumento per conoscersi e narrarsi. Enrico Euli dipinge un quadro a tinte fosche della scuola pubblica: “la scuola sta subendo un processo di aziendalizzazione, a partire dalla materna e dalle primarie. I processi di razionalizzazione e costruzione di una conoscenza di tipo aziendale si stanno anticipando”. “Come mai la teoria viene sempre prima della pratica” si chiede Euli “quando invece tutta la nostra esperienza didattica ci dice che può venire solamente durante o dopo? Tutte le teorie sono derivanti da una pratica, non viceversa”.
N.B. Questa è l’ultima puntata del 2013. Dopo una breve pausa natalizia Terranave tornerà ad essere pubblicato a partire da giovedì 9 gennaio 2014. Buon passaggio di anno!
Per saperne di più:
Il sito del network Amisnet: amisnet.org
L’archivio delle puntate di Terranave: amisnet.org/programmi/terranave
SOSTIENI L’ITALIA CHE CAMBIA CON UNA DONAZIONE

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Articoli simili
Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità
Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

Mille studenti uniti per rendere le loro scuole plastic free
Mille studenti uniti per rendere le loro scuole plastic free

Priorità alla scuola: la mobilitazione dal basso per il futuro dei nostri figli
Priorità alla scuola: la mobilitazione dal basso per il futuro dei nostri figli

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani