3 Ott 2014

Pla Chic, trasformare i sacchetti di plastica in accessori di moda

Scritto da: Redazione

“La natura sbaglia raramente e l’abitudine spesso”. Da qui parte la mia ricerca artistica, dalla consapevolezza cioè dell’obbligo e del […]

“La natura sbaglia raramente e l’abitudine spesso”. Da qui parte la mia ricerca artistica, dalla consapevolezza cioè dell’obbligo e del debito del singolo nei confronti della natura, generatrice di ogni benessere. Dietro i miei lavori quindi un’etica della responsabilità espressa con il riciclo della materia, mezzo per una sostenibilità ambientale, ma anche economica.

 

 

10685441_616496278462579_4793495957683380441_n

 

L’esigenza quasi fisica di lavoro manuale muove pure dalla compiacenza del “ saper far da sé ”, dall’occasione di esser artefice e creatrice di forme continuamente nuove. Da sempre affascinata dalla potenzialità di mutazione insita nella materia, dalla sua capacità di cambio di destinazione usuale, la mia ricerca volge all’indagine delle sue infinite applicazioni per approdare infine a quella plastica.

 

10543610_579292898849584_6086772213559174852_n

I pezzi sono unici e originali. Anche la pelle è di recupero, perciò disponibile fino ad esaurimento scorte


 

Sfruttando indistruttibilità e resistenza, pregi e difetti, ho ricercato un mezzo che mi permettesse di trasformare in oggetti utili ed esteticamente validi un materiale difficilmente deperibile in natura, quale è la plastica. I prodotti così realizzati consentono un riciclo di materiale altrimenti altamente inquinante ma, al contempo, carico di potenziale sia nella resa estetica che nella robustezza del prodotto finito. Altra caratteristica fondamentale è la leggerezza del manufatto che si coniuga ad una notevole resistenza.

 

Sara Mastromatteo

 

La pagina Facebook di Pla Chic 

 

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
“Premio Elsa Piana”, un riconoscimento per la cultura scientifica e tecnologica nel settore tessile

Al giusto prezzo: arriva in Casentino la Campagna di Oxfam Italia

Vivere e rivivere l’Arno
Vivere e rivivere l’Arno

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”