16 Dic 2014

Terra Bene Comune: la fattoria pubblica di Mondeggi

Scritto da: Redazione

A Mondeggi, a pochi chilometri da Firenze, esiste una tenuta di oltre duecento ettari. In stato di semi abbandono per […]

A Mondeggi, a pochi chilometri da Firenze, esiste una tenuta di oltre duecento ettari. In stato di semi abbandono per anni, questa terra sta rivivendo grazie al lavoro e agli sforzi di decine di donne e uomini.

 

mondeggi

 

Tutto è iniziato nel novembre 2013 quando, in occasione del raduno nazionale di Genuino Clandestino, il comitato Terra Bene Comune Firenze ha avviato la campagna “Mondeggi Bene Comune Fattoria Senza Padroni”, con la quale propone il recupero di tutta la fattoria attraverso l’uso dell’agricoltura contadina, rispettosa dell’ambiente, ritenuta l’unico modello perseguibile per dare opportunità di reddito e alloggio dignitosi al maggior numero possibile di persone, soprattutto giovani che, grazie al lavoro collettivo, potranno fermare il degrado e avviare produzioni agricole che si andranno a inserire nel contesto di un rafforzamento delle economie locali.

 

Sono state così organizzate due giornate clandestine di raccolta delle olive nella fattoria di Mondeggi, olive che comunque nessuno avrebbe raccolto. Dalle olive raccolte è stato estratto l’olio che poi è stato distribuito gratuitamente alla popolazione come esempio della ricchezza che può produrre un bene comune ben gestito. È stato inoltre seminato il grano, sono stati impostati due orti e si sta lavorando per un progetto di orti sociali; infine una delle case della proprietà è stata riordinata e oggi una ventina di persone la vivono, promuovendo attività, corsi e iniziative.

 

“Oggi in Italia esistono circa 320 mila ettari di terreni agricoli di proprietà pubblica” spiega Emiliano, di Terra Bene Comune Firenze “gran parte di questi beni pubblici sono stati messi in vendita o in locazione, noi proponiamo un’altra via: la riappropriazione popolare”.

 

Per saperne di più:

Il sito del network Amisnet: amisnet.org
L’archivio delle puntate di Terranave: www.italiachecambia.org/categoria/terranave/

 

 

Articoli simili
Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”
Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

Quali agricolture per il futuro? Il caso di Agriponos, una delle prime startup italiane di acquaponica
Quali agricolture per il futuro? Il caso di Agriponos, una delle prime startup italiane di acquaponica

Giovani, sensibili e motivati: ecco a voi la nuova generazione di aspiranti contadini ecologici
Giovani, sensibili e motivati: ecco a voi la nuova generazione di aspiranti contadini ecologici

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento