3 Mar 2015

Privati dell'acqua? Un'alternativa dal basso

Scritto da: Redazione

Partecipata al 51% dal Comune di Roma, la società di servizi idrici Acea agisce come un’impresa privata, con tariffe esose e attuando […]

Partecipata al 51% dal Comune di Roma, la società di servizi idrici Acea agisce come un’impresa privata, con tariffe esose e attuando sempre più frequenti distacchi per morosità. Da una recente inchiesta è inoltre emerso che Acea ha assegnato appalti a società e personaggi coinvolti nell’affare Roma Mafia Capitale. Un’alternativa, tuttavia, esiste.

 

Importance-of-Wudu

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Terranave, la trasmissione radiofonica a cura di Amisnet, questa settimana dà voce al Comitato romano romano acqua pubblica (CRAP) , nato nel 2005 nell’ambito della Campagna per la legge di iniziativa popolare per l’acqua bene comune. Il CRAP  ha assistito e partecipato al referendum del 2011, voto che sancì il carattere comune dell’acqua, oggi messo costantemente in discussione da decine di decisioni politiche e amministrative, come a Roma.

 

“L’Acea, multiutility di servizi idrici più grande d’Italia, agisce con il denaro pubblico come un’azienda privata” spiega Simona, del CRAP “e nel bilancio previsionale del 2015 è anche previsto che il Comune di Roma cederà il 3,5% di Acea Ato 2, la società di Acea che gestisce l’acqua. Questo significa che il Comune uscirà dalla politica aziendale della gestione dell’acqua”.

 

 

Un primo passo verso il progetto di fusione fortemente voluto dal Governo Renzi che prevede che i comuni di Lazio, Toscana e Umbria cederanno le loro quote ad Acea e diventeranno azionisti attraverso piccole quote. “Una direzione che sotto il nome di fusione nasconde una enorme privatizzazione” conclude Simona, che ci tiene a sottolineare che un’alternativa ci sarebbe, e il CRAP da tempo ha provato a presentarla alle amministrazioni.

 

“Noi crediamo che la politica industriale di questo servizio pubblico debba avere criteri di utilità pubblica, ponderando la distribuzione della risorsa e la specificità del territorio. Da anni studiamo come sia possibile gestire l’acqua tenendo in considerazione i bisogni dei cittadini, contingentando gli sprechi attraverso investimenti seri e riducendo i costi”.

 

Mentre a Roma Acea chiude gli sportelli al pubblico, il CRAP li sta aprendo, prevedendo cinque punti informativi in cui i cittadini potranno conoscere i loro diritti in fatto di accesso all’acqua. Intanto in queste settimane stanno operando i GAP, Gruppi di allaccio popolare, che a seguito di un distacco per morosità attuano il riallaccio abusivo, assumendosi la responsabilità in prima persona, perché in caso di rottura dei sigilli si può essere denunciati per furto d’acqua.

 

Da sottolineare che le morosità sono anche conseguenza di un aumento delle tariffe, dovuto a quegli investimenti falsi subappaltati a società poco pulite, investimenti feticci che hanno fatto sì che oggi la società  detiene l’indice chilometrico di sprechi più alto d’Italia.

 

Per saperne di più:

 

Il sito del network Amisnet: amisnet.org
L’archivio delle puntate di Terranave: www.italiachecambia.org/categoria/terranave/

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
A Milano arriva il Mercato Metropolitano

Salviamo api e agricoltori! L’iniziativa dei cittadini europei
Salviamo api e agricoltori! L’iniziativa dei cittadini europei

Io faccio così #186 – La Vallescura: “Così produciamo una birra contadina sana e sostenibile”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

CreativeMornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini