Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
30 Apr 2015

Benestante

Scritto da: Alessandro Pertosa

Benestante, s.m e f., agg. [participio presente della locuzione bene stare] indica letteralmente la condizione di colui che sta bene, che vive bene, anche se la società del dominio e della violenza dispotica, in cui ci troviamo, usa il termine quasi sempre come sinonimo di possidente, facoltoso, ricco. Per il mainstream è benestante chi ha […]

jumping kid on the field

Il termine “benestante” indica letteralmente colui che sta bene


Benestante
, s.m e f., agg. [participio presente della locuzione bene stare] indica letteralmente la condizione di colui che sta bene, che vive bene, anche se la società del dominio e della violenza dispotica, in cui ci troviamo, usa il termine quasi sempre come sinonimo di possidente, facoltoso, ricco. Per il mainstream è benestante chi ha un cospicuo conto in banca e chi vive in una condizione materialmente agiata. Questa definizione è però particolarmente problematica se solo si torna alla radice dei vocaboli bene e stare, da cui appunto deriva il termine “bene-stante”.

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

ATTIVATI

Il verbo stare [lat. stare] è voce antichissima, derivante da una radice indoeuropea *stha (arrestarsi), che esprime la condizione di chi indugia, sta fermo, resta immobile, attende, permane; ma può anche significare sentire, trovarsi in una data condizione. Si evince allora che lo stare è un modo di trovarsi, di sentirsi, di abitare e di vivere. E il modo – nel caso del termine benestante – è buono. Perciò è bene-stante chi sta bene, chi vive bene, chi si trova in una buona disposizione d’animo.

 

Il termine «bene» è sia un sostantivo maschile, sia un avverbio [dal latino bene]. Come sostantivo esprime la condizione di ciò che è buono, onesto, giusto, e raramente – soprattutto al plurale (beni) – può significare ricchezze. In quest’ultimo caso, va però notato che la lingua latina per esprimere la condizione di agiatezza non associa mai il bene all’essere o alla condizione esistenziale, ma indica la ricchezza con i termini divitiae-arum, bona-orum, rei familiaris (beni di famiglia), possessiones (beni mobili e immobili).

 

Nella forma avverbiale, il termine «bene» significa in modo conveniente, opportuno, così come anche in modo soddisfacente: mihi bene est vuol dire mi va bene, sto bene. È questa letteralmente la condizione del benestante, la condizione di colui che vive in buona salute, sereno, senza difficoltà nell’affrontare il quotidiano; benestante è la vita di chi è beatus, di chi non vive l’ossessione del possesso e del potere; benestante è la vita di chi vive nel ben-essere.

 

Come il termine benestante, anche benessere ha subito una torsione semantica in senso monetaristico rispetto al suo senso originario. Il benessere, letteralmente, significa ben-esistere, ben-vivere, ben-fare: si pensi che bene esse o bene fieri (con il dativo) esprime il senso dell’andar bene; e parimenti bene est vuol dire va bene (questa era la formula con cui in genere si aprivano le lettere: si vales bene est, se stai bene, va bene). Il benessere è quindi un esistere, un vivere bene; è lo stare bene del benestante, è lo stare sereni di chi sta fermo, di chi resta immobile senza strepitare, perché non intende indaffararsi o sgomitare con violenza per scalare il vertice della piramide sociale.

 

Leggi anche:

Interesse 

“Dizionario eretico. Per una critica della parola vilipesa” 

 

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Chi sta guadagnando dalla crisi? – Io Non Mi Rassegno #106

|

Facilitiamoci a distanza! Come prendersi cura di gruppi e comunità

|

“Pronto? Come stai?”. Ai tempi del coronavirus la solidarietà passa per il telefono

|

Fuori è chiuso, un racconto collettivo dei giorni dell’emergenza

|

Caffè sospeso online, uno spazio di condivisione per uscire dall’isolamento

|

Eppur si muove! Anche se restiamo a casa, non siamo fermi

|

Ridi, ama, vivi: Lara Lucaccioni e la coerenza cardiaca – Meme #32

|

Coronavirus, l’ambiente sorride: nel nord Italia cala lo smog

Copy link
Powered by Social Snap