30 Apr 2015

Benestante

Scritto da: Alessandro Pertosa

Benestante, s.m e f., agg. [participio presente della locuzione bene stare] indica letteralmente la condizione di colui che sta bene, […]

jumping kid on the field

Il termine “benestante” indica letteralmente colui che sta bene



Benestante
, s.m e f., agg. [participio presente della locuzione bene stare] indica letteralmente la condizione di colui che sta bene, che vive bene, anche se la società del dominio e della violenza dispotica, in cui ci troviamo, usa il termine quasi sempre come sinonimo di possidente, facoltoso, ricco. Per il mainstream è benestante chi ha un cospicuo conto in banca e chi vive in una condizione materialmente agiata. Questa definizione è però particolarmente problematica se solo si torna alla radice dei vocaboli bene e stare, da cui appunto deriva il termine “bene-stante”.

Il verbo stare [lat. stare] è voce antichissima, derivante da una radice indoeuropea *stha (arrestarsi), che esprime la condizione di chi indugia, sta fermo, resta immobile, attende, permane; ma può anche significare sentire, trovarsi in una data condizione. Si evince allora che lo stare è un modo di trovarsi, di sentirsi, di abitare e di vivere. E il modo – nel caso del termine benestante – è buono. Perciò è bene-stante chi sta bene, chi vive bene, chi si trova in una buona disposizione d’animo.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Il termine «bene» è sia un sostantivo maschile, sia un avverbio [dal latino bene]. Come sostantivo esprime la condizione di ciò che è buono, onesto, giusto, e raramente – soprattutto al plurale (beni) – può significare ricchezze. In quest’ultimo caso, va però notato che la lingua latina per esprimere la condizione di agiatezza non associa mai il bene all’essere o alla condizione esistenziale, ma indica la ricchezza con i termini divitiae-arum, bona-orum, rei familiaris (beni di famiglia), possessiones (beni mobili e immobili).

 

Nella forma avverbiale, il termine «bene» significa in modo conveniente, opportuno, così come anche in modo soddisfacente: mihi bene est vuol dire mi va bene, sto bene. È questa letteralmente la condizione del benestante, la condizione di colui che vive in buona salute, sereno, senza difficoltà nell’affrontare il quotidiano; benestante è la vita di chi è beatus, di chi non vive l’ossessione del possesso e del potere; benestante è la vita di chi vive nel ben-essere.

 

Come il termine benestante, anche benessere ha subito una torsione semantica in senso monetaristico rispetto al suo senso originario. Il benessere, letteralmente, significa ben-esistere, ben-vivere, ben-fare: si pensi che bene esse o bene fieri (con il dativo) esprime il senso dell’andar bene; e parimenti bene est vuol dire va bene (questa era la formula con cui in genere si aprivano le lettere: si vales bene est, se stai bene, va bene). Il benessere è quindi un esistere, un vivere bene; è lo stare bene del benestante, è lo stare sereni di chi sta fermo, di chi resta immobile senza strepitare, perché non intende indaffararsi o sgomitare con violenza per scalare il vertice della piramide sociale.

 

Leggi anche:

Interesse 

“Dizionario eretico. Per una critica della parola vilipesa” 

 

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Come sarebbe una società senza denaro? Proviamo a immaginarla
Come sarebbe una società senza denaro? Proviamo a immaginarla

Una nuova economia? Ecco gli strumenti per costruirla

A Firenze l'VIII Conferenza Internazionale dell’Economia della Felicità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Giornalista, un mestiere pericoloso – #523

|

Una chitarra e zaino in spalla: il viaggio di Mosè, giovane musicista che promuove il cammino lento

|

MigrArt, sette anni di migrazioni raccontate da un collettivo artistico

|

Quanto conta la salute? La storia di BB ce lo insegna

|

La morte di Shireen e un conflitto che sembra un labirinto senza vie d’uscita

|

Spiegare la guerra ai bambini: c’è un modo giusto per farlo?

|

Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli

|

La storia di Mathias, il contadino che ha guidato la sua gente nella battaglia contro una multinazionale