13 Nov 2015

Vallesanta una valle da scoprire: torna il mercatale di Corezzo

Scritto da: Daniela Bartolini

Domenica 22 Novembre torna nello spazio mercatale-espositivo di Corezzo la mostra-mercato dei piccoli produttori alimentari e artigianali locali, biologici e naturali.

Nello spazio espositivo inaugurato a giugno come <b>mercatale, tornano i piccoli produttori alimentari e artigianali locali, biologici e naturali per una mostra-mercato arricchita da laboratori, passeggiate e piccoli eventi.

L’edizione autunnale avvia anche un percorso tematico, ogni mercatale sarà così anche l’occasione per approfondire un aspetto della tradizione locale.
Si inizia con “Il ciclo del pane e del grano” attorno al quale si svolgerà nel pomeriggio una chiacchierata con i vecchi e nuovi abitanti della Vallesanta in cui confrontarsi sulla valorizzazione degli antichi mestieri e saperi attraverso le scelte di vita e di lavoro dei giovani. Al pane sarà anche dedicato lo spazio espositivo dell’Ecomuseo del Casentino, allestito con materiali ed oggetti della civiltà contadina legati a ciclo del pane e del grano.

La mostra-mercato, aperta dalle ore 10 alle ore 18, sarà anche accompagnata dalle “Parole di pane” della compagnia teatrale degli studenti del teatro Virginian di Arezzo.
La mattina invece comincia a piedi: alle 10 ritrovo presso il mercatale per un’escursione gratuita a cura della Cooperativa InQuiete. La camminata collegherà i due spazi ecomuseali presenti in Vallesanta: quello ubicato nella scuola di Corezzo, dove è presente la “Stanza dei ricordi e delle sapienze manuali” e il Granaio di Narciso a Frassineta, una piccola ma significativa raccolta di proprietà privata con testimonianze della cultura materiale della Valle. Un piccolo viaggio di tre ore alla scoperta dei legami tra il passato e il presente della Vallesanta, tra gli strumenti della tradizioni utilizzati dagli anziani, memoria storica e i banchi di scuola che ospitano il futuro della valle.

Alle ore 13 pranzo su prenotazione con prodotti biologici e stagionali.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La Barista Disoccupata: cambiare vita e lavoro nel segno dell’economia circolare
La Barista Disoccupata: cambiare vita e lavoro nel segno dell’economia circolare

Kymia, la start up che dallo scarto del pistacchio produce prodotti cosmetici di nicchia
Kymia, la start up che dallo scarto del pistacchio produce prodotti cosmetici di nicchia

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo
Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi