13 Nov 2015

Vallesanta una valle da scoprire: torna il mercatale di Corezzo

Scritto da: Daniela Bartolini

Domenica 22 Novembre torna nello spazio mercatale-espositivo di Corezzo la mostra-mercato dei piccoli produttori alimentari e artigianali locali, biologici e naturali.

Nello spazio espositivo inaugurato a giugno come <b>mercatale, tornano i piccoli produttori alimentari e artigianali locali, biologici e naturali per una mostra-mercato arricchita da laboratori, passeggiate e piccoli eventi.

L’edizione autunnale avvia anche un percorso tematico, ogni mercatale sarà così anche l’occasione per approfondire un aspetto della tradizione locale.
Si inizia con “Il ciclo del pane e del grano” attorno al quale si svolgerà nel pomeriggio una chiacchierata con i vecchi e nuovi abitanti della Vallesanta in cui confrontarsi sulla valorizzazione degli antichi mestieri e saperi attraverso le scelte di vita e di lavoro dei giovani. Al pane sarà anche dedicato lo spazio espositivo dell’Ecomuseo del Casentino, allestito con materiali ed oggetti della civiltà contadina legati a ciclo del pane e del grano.

La mostra-mercato, aperta dalle ore 10 alle ore 18, sarà anche accompagnata dalle “Parole di pane” della compagnia teatrale degli studenti del teatro Virginian di Arezzo.
La mattina invece comincia a piedi: alle 10 ritrovo presso il mercatale per un’escursione gratuita a cura della Cooperativa InQuiete. La camminata collegherà i due spazi ecomuseali presenti in Vallesanta: quello ubicato nella scuola di Corezzo, dove è presente la “Stanza dei ricordi e delle sapienze manuali” e il Granaio di Narciso a Frassineta, una piccola ma significativa raccolta di proprietà privata con testimonianze della cultura materiale della Valle. Un piccolo viaggio di tre ore alla scoperta dei legami tra il passato e il presente della Vallesanta, tra gli strumenti della tradizioni utilizzati dagli anziani, memoria storica e i banchi di scuola che ospitano il futuro della valle.

Alle ore 13 pranzo su prenotazione con prodotti biologici e stagionali.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Da rifiuto a risorsa della valle: così rinasce una filiera corta della lana

Io faccio così #228 – Molino Ferrara: filiera chiusa, produzione artigianale e grani antichi

The Wool Experience, per una lana naturale e sostenibile

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora