23 Dic 2015

Io faccio così #101 – Orti urbani a Milano: Coltivando il cambiamento

Coltivando è un orto sociale creato all'interno degli spazi del campus Bovisa del Politecnico di Milano. È un esperimento di agricoltura urbana ma anche di socialità e condivisione, che ha lo scopo di attivare i cittadini del quartiere e farli conoscere fra di loro, in modo da generare un nuovo modello di socialità in mezzo alla natura.

Milano - Una delle più belle esperienze di orti urbani a Milano si trova a Bovisa e unisce ricerca e socialità, bambini e anziani, studenti e cittadini. È Coltivando, l’orto conviviale al Politecnico di Milano, una bellissima sperimentazione in cui ragazzi e docenti dell’università si sono uniti per sviluppare un luogo di sostenibilità e di aggregazione per tutto il quartiere.

Davide Fassi, docente alla Scuola del Design del Politecnico, è uno dei “padri” di Coltivando. «L’esperimento è partito nel 2012 – ci ha raccontato quando lo abbiamo incontrato al campus di Durando-Bovisa – tramite un processo dal basso, aiutato competenze dell’università. Gli studenti hanno individuato dieci azioni per stimolare le relazioni di vicinato e poi hanno coinvolto i cittadini della zona per testarle. Fra tutte, la preferita è risultata quella dell’orto urbano».

Sperimentazione

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Da lì è partito un percorso di co-progettazione che ha coinvolto decine di persone e messo alla prova la fantasia dei giovani designer dell’università: «Le parole chiave su cui abbiamo lavorato sono state due: sperimentazione e convivialità. Da lì, abbiamo iniziato a organizzare questo spazio di circa 900 metri quadri con un sistema di irrigazione, box per la coltivazione e una compostiera». Quest’ultimo elemento è stato uno dei primi agganci per attivare i cittadini: «La raccolta dell’umido in quest’area non veniva fatta, così abbiamo organizzato un punto di conferimento del materiale per il compost, che viene portato dai residenti e poi impiegato nell’orto».

carciofi

«Il bello di questo progetto è che è nato dal gruppo, in maniera spontanea», ricorda Tommaso Grassi, ortista e collaboratore di Coltivando. La condivisione delle esperienze è un aspetto fondamentale, visto che la Scuola di Design del Politecnico non si occupa di alcuna materia legata al mondo agricolo. «Come azione di gruppo era la prima di volta che ci cimentavamo in queste attività, ma qualcuno aveva competenze specifiche, come Agostina, che è agronoma, o Pasquale, esperto di metodi di coltivazione».

Frutto di una partecipata discussione è stata anche la scelta di utilizzare metodi di coltivazione del tutto naturali, senza ricorrere a prodotti chimici o sintetici. «All’inizio abbiamo fatto alcuni errori dovuti all’inesperienza – ricorda Davide –, ma siamo sempre stati convinti della scelta di ricorrere a tecniche colturali spontanee».

Convivialità

In tutto il suo percorso di nascita e sviluppo, Coltivando non ha mai perso di vista il suo obiettivo principale, ovvero creare uno spazio di aggregazione, socialità e scambio a disposizione degli studenti e degli abitanti del quartiere. «La frequentazione è molto eterogenea e questo è uno dei punti di forza. Durante la settimana ci sono più studenti, mentre il sabato prevalgono i residenti». La produzione agricola è partecipata e condivisa e anche questo rafforza i legami.

bambini

C’è anche una intensa programmazione di eventi che ruotano intorno al campus Bovisa e che hanno lo scopo di creare e rafforzare i legami con le altre realtà che operano nel quartiere. «Abbiamo ideato un ciclo di incontro chiamati “Il sabato della Bovisa” in cui abbiamo coinvolto, per esempio, de.de.p, che si occupa di design partecipato, la biblioteca del quartiere per un book-crossing corner o la parrocchia, con cui abbiamo organizzato uno swap party di vestiti». Anche attività non strettamente legate alla gestione degli orti quindi, come “Ricuciamo Bovisa”, un laboratorio sartoriale, la “Sveglia all’ovale” con il Qi gong oppure il momento dedicato ai più piccoli “Baby Coltivando”.

Milano cambia…

Quello degli orti urbani a Milano, e in particolare di Coltivando, non è che uno degli indicatori di un percorso di trasformazione che sta cambiando il volto del capoluogo lombardo. «Milano cambia, mai come in questi ultimi anni», sottolinea Davide in proposito. «Ci sono mutamenti evidenti e spontanei nelle persone, che ora manifestano il bisogno di stare insieme. Non c’è più una folla solitaria, ma una città che partecipa».

coltivando-gruppo

Secondo Tommaso, «quello che stiamo vivendo ci sta insegnando una grande lezione, cioè che la partecipazione dal basso può creare un’alternativa alle problematiche di oggi». In design esiste un elemento chiamato “componente soft”, legato alle cose non fisiche. «Proprio questo elemento – conclude Davide – è alla radice del cambiamento: nelle persone, nelle relazioni, nel modo in cui si incontra l’altro».

Visita il sito di Coltivando!

Articoli simili
Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua
Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua

OrtoInMovimento: il più grande orto collettivo d’Europa si mette al servizio del territorio
OrtoInMovimento: il più grande orto collettivo d’Europa si mette al servizio del territorio

A Torino studenti e docenti rigenerano spazi abbandonati della città con gli orti in cassoni
A Torino studenti e docenti rigenerano spazi abbandonati della città con gli orti in cassoni

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi