13 Mag 2024

La Mela Insana cura la rinascita degli orti urbani a Napoli

Grazie all'interesse e all'impegno di un piccolo gruppo di amici, due terreni situati in corrispondenza delle cisterne d'acqua di ABC e da anni abbandonati all'incuria si sono trasformati in piccoli angoli di Paradiso. Oggi in via San Domenico e allo Scudillo, l'associazione La Mela Insana si prende cura di due orti urbani, luoghi di aggregazione e solidarietà, epicentri di comunità solidali legate alla terra. L'entusiasmo con cui la cittadinanza ha accolto il progetto dimostra quanto a Napoli sia sentita la necessità di riscoprire un legame autentico con la natura, mentre l'esperienza condivisa negli orti alimenta nuove e preziose amicizie.

Salva nei preferiti

Campania - Dal 2019, l’associazione La Mela Insana si dedica con passione alla riqualifica e al mantenimento di orti urbani nel cuore di Napoli, gestendo dei terreni situati in via San Domenico e allo Scudillo. Nome curioso per un’associazione che si occupa, tra le altre cose, anche di promuovere un tipo di agricoltura biologica e naturale. Ma dovete sapere che “mela insana” è l’antico modo con cui popolarmente veniva chiamata la melanzana, ortaggio che se consumato crudo è tossico e che un tempo veniva considerata in grado di portare alla follia, ma che se cucinato diventa delizioso e assume proprietà benefiche per la salute dell’essere umano.

«Abbiamo scelto questo nome per la nostra associazione perché quando abbiamo preso in gestione questi terreni erano in totale stato di abbandono, ma con pazienza e cura siamo riusciti a recuperarli e a restituirli alla comunità», mi ha spiegato l’avvocato Francesco Maria Amodeo, presidente dell’associazione.

LaMelaInsana
L’INIZIO DI TUTTO: LA MELA INSANA VINCE IL BANDO PUBBLICO DI ABC

Era dal 2015 che Francesco Maria Amodeo, insieme a un piccolo gruppo di amici, cercava un luogo non troppo distante da casa, dove ritagliare un piccolo spazio verde. All’epoca giravano notizie sull’imminente inaugurazione di orti urbani nel quartiere del Vomero, ma il progetto non riuscì a partire, fin quando non fu ripreso, quattro anni dopo, da ABC – l’azienda Acqua Bene Comune di Napoli –, proprietaria dei terreni, che infatti sorgono a ridosso dei serbatoi d’acqua della città.

Fu indetto un bando pubblico per l’affido in gestione di quei terreni e La Mela insana riuscì ad aggiudicarsi il lotto di via San Domenico, iniziando immediatamente i lavori di riqualifica. Poco dopo, nel 2022, l’associazione ottenne in gestione anche il terreno dello Scudillo, alle spalle dei Colli Aminei. «Recuperare quegli spazi non è stato semplice, perché entrambi i terreni erano in stato di abbandono da anni. Abbiamo preparato il suolo, costruito un impianto idrico e lavorato per assicurare l’accesso in sicurezza», ha raccontato ancora Francesco Amodeo.

In poco tempo entrambi gli spazi hanno subito una trasformazione incredibile e oggi gli orti crescono rigogliosi, sono stati messi a disposizione dei cittadini di Napoli, affidati in piccoli lotti a famiglie o a gruppi di persona che se ne prendono cura. «Ogni orto ha la sua fontanella e sono presenti aree comuni dove c’è la possibilità di incontrarsi, scambiarsi informazioni sulle coltivazioni, sui metodi adottati o anche semplicemente fare quattro chiacchiere e trascorrere una giornata nel verde insieme ad amici e familiari».

Si parte dall’esperienza comune dell’orto e chiacchiera dopo chiacchiera si diventa amici

IL BISOGNO DI SPAZI VERDI IN CITTÀ

«Non ci aspettavamo una risposta così grande dalla cittadinanza. L’associazione nasce con cinque soci fondatori, mentre oggi siamo in 400. Inizialmente i nostri obiettivi erano del tutto personali: eravamo un piccolo gruppo del Vomero con il desiderio di avere un piccolo spazio verde vicino casa a disposizione delle nostre famiglie».

Ma in pochissimo tempo la Mela Insana è stata sommersa dalle richieste di terreni che a oggi sono tutti occupati e lunghe liste d’attesa. «L’associazione è cresciuta praticamente da sola, sotto la nostra direzione». L’entusiasmo con cui i cittadini napoletani hanno accolto l’apertura degli orti urbani della mela insana è sicuramente indice di quanto forte si senta l’esigenza, per chi vive in città, di avvicinarsi al verde e alla terra.

LaMelaInsana1
RICONNETTERSI ALLA NATURA E CREARE NUOVI LEGAMI

«Mio nonno aveva un terreno che coltivava e così per me lavorare la terra è anche un modo per riconnettermi all’infanzia. Le persone che oggi si prendono cura degli orti sentono il bisogno di staccare dalla quotidianità, mettersi in gioco in un’attività diversa, sicuramente stancante, ma appagante». Avere dei vicini di orto inoltre è un’ottima occasione per creare nuovi legami e la condivisione dello spazio promuove la costruzione di comunità. «La Mela insana è un’associazione di promozione sociale, il fine ultimo è quello di creare un’occasione di scambio tra persone che sono accomunate da una stessa passione. Si parte dall’esperienza comune dell’orto e chiacchiera dopo chiacchiera si diventa amici».

Creare nuovi legami con la terra e con le persone del territorio è quindi il primo obiettivo dell’associazione La Mela Insana. «Sicuramente non miriamo a diventare autosufficienti, perché un piccolo lotto di terra coltivato non può rispondere a tutte le esigenze di una famiglia, ma sicuramente è una grande soddisfazione sedersi a tavola e avere la possibilità di consumare i prodotti del proprio orto e di rendersi conto di quanto i sapori siano diversi rispetto a quelli dell’industria alimentare».

LaMelaInsana2
LA PROMOZIONE DEL DIRITTO ALLA SALUTE

Ma non finisce qui. La Mela Insana si propone anche di promuovere culturalmente lo sviluppo del diritto alla salute e per questo si impegna a restituire un ambiente salubre alla città. Gli orti della Mela Insana sono coltivati senza l’utilizzo di prodotti chimici e con un uso accorto delle risorse idriche, provando a recuperare acqua piovana, nel rispetto di una risorsa tanto importante e tanto a rischio.

Sapori diversi e nuovi sono quelli che nascono dalle colture di La Mela Insana, dove si recuperano anche antiche culture locali che non vengono portate avanti dalle industrie per ragioni economiche. «Abbiamo recuperato una varietà di susine tipica dei Camaldoli e abbiamo scoperto che possiamo ottenere una produzione per lunghi mesi alternando cultivar differenti; inoltre portiamo avanti coltivazioni di diversi tipi di pomodoro che ormai sono scomparse dal commercio, sostituite con varietà ibride più resistenti».

L’impegno dell’associazione La Mela Insana, portato avanti con passione e dedizione, dimostra come la connessione con la natura e la condivisione di esperienze possono creare legami significativi, insegnando a prenderci cura gli uni degli altri, oltre che della nostra Terra. La Mela Insana è l’esempio di come piccole azioni di ciascuno di noi possano avere un impatto enorme sulla comunità e sull’ambiente.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Zappa Social, la storia di una comunità che ha trasformato una discarica abusiva in un’oasi verde
Zappa Social, la storia di una comunità che ha trasformato una discarica abusiva in un’oasi verde

L’esperienza culturale dell’Orto Sociale Urbano promette benessere per il corpo e la mente
L’esperienza culturale dell’Orto Sociale Urbano promette benessere per il corpo e la mente

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua
Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Aurore boreali, Sar, che succede ai nostri cieli? – #937

|

La VegToria, la nuova fattoria vegana sulle alture di Genova

|

Olga Karatch: “Contro la guerra patriarcale, dobbiamo dare voce alle donne per la pace”

|

WWOOFing all’Ecosfera: un viaggio alla scoperta della permacultura e di connessioni umane

|

Favola Industriale Blues: con l’arte si racconta cosa accade intorno al polo petrolchimico di Siracusa

|

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

|

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

|

A Capaci nasce MuST23, un museo interattivo come luogo di riscatto civile e sociale

string(6) "napoli"