22 Feb 2016

Piccoli archeologi e tessitori al museo

Scritto da: Daniela Bartolini

Continuano le domeniche dedicate ai bambini al Museo Archeologico di Bibbiena, mentre il Museo della Lana propone tre giovedì di laboratorio e divertimento.

Un viaggio dalla Preistoria al Medioevo che porterà alle radici del Casentino fra animali preistorici, santuari etruschi e fattorie romane. E’ così che il Museo Archeologico “Piero Albertoni” di Bibbiena si presenta ed è con lo stesso spirito che continua le “domeniche al museo” dedicate ai bambini dai 5 agli 11 anni. Un’alternativa piacevole ed educativa per passare le domeniche in famiglia tra giochi, laboratori e visite guidate.

I prossimi incontri faranno vivere “Un giorno nelle caverne” ( il 28 febbraio), “Un giorno con gli etruschi” (il 28 marzo) e “Un giorno con i romani” (il 24 aprile) per concludere il 29 maggio con il medioevo casentinese.
Un modo per far conoscere la storia in modo ludico, avvicinare bambini e famiglie al museo e renderlo sempre più un luogo vivo.
I laboratori si svolgeranno dalle 16.00 alle 18.00 al raggiungimento di un minimo di sette partecipanti. Per informazioni e prenotazioni obbligatorie si può visitare il sito del Museo Archeologico.

Il Museo dell’Arte della Lana, ubicato nel complesso dell’ex lanificio di Stia, propone invece tre pomeriggi per divertirsi imparando a tessere, cucire, creare. Nel laboratorio del museo, tra telai e attrezzi artigianali sarà possibile imparare l’arte della tessitura, del cucito creativo, dei punti su canovaccio e molto altro.
I giovedì creativi sono aperti a tutti i bambini a partire dai 5 anni. Per Informazioni e iscrizioni: 338.4184121 info@museodellartedellalana.it

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo
Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

Ortika, la moda etica e circolare che si ispira alla natura, dove gli scarti non esistono
Ortika, la moda etica e circolare che si ispira alla natura, dove gli scarti non esistono

Tappeti Volanti: la nuova vita della juta, trasformata in oggetti d’arredo
Tappeti Volanti: la nuova vita della juta, trasformata in oggetti d’arredo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

#maipiùstragi, oggi c’è la grande manifestazione contro la ‘ndrangheta – #555

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua

|

Giocherenda: per un gruppo di migranti il gioco è diventato uno strumento di riscatto e inclusione

|

Da giornalista di moda a giardiniera: la nuova vita di Laura Bianchi

|

24 tappe in tutta Italia per promuovere il turismo responsabile: ecco il programma di IT.A.CÀ

|

L’agricoltura Permarigenerativa: quando la permacultura incontra le agricolture rigenerative – Meme #40

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo