Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
22 Feb 2016

Piccoli archeologi e tessitori al museo

Scritto da: Daniela Bartolini

Continuano le domeniche dedicate ai bambini al Museo Archeologico di Bibbiena, mentre il Museo della Lana propone tre giovedì di laboratorio e divertimento.

Un viaggio dalla Preistoria al Medioevo che porterà alle radici del Casentino fra animali preistorici, santuari etruschi e fattorie romane. E’ così che il Museo Archeologico “Piero Albertoni” di Bibbiena si presenta ed è con lo stesso spirito che continua le “domeniche al museo” dedicate ai bambini dai 5 agli 11 anni. Un’alternativa piacevole ed educativa per passare le domeniche in famiglia tra giochi, laboratori e visite guidate.

I prossimi incontri faranno vivere “Un giorno nelle caverne” ( il 28 febbraio), “Un giorno con gli etruschi” (il 28 marzo) e “Un giorno con i romani” (il 24 aprile) per concludere il 29 maggio con il medioevo casentinese.
Un modo per far conoscere la storia in modo ludico, avvicinare bambini e famiglie al museo e renderlo sempre più un luogo vivo.
I laboratori si svolgeranno dalle 16.00 alle 18.00 al raggiungimento di un minimo di sette partecipanti. Per informazioni e prenotazioni obbligatorie si può visitare il sito del Museo Archeologico.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

ATTIVATI

Il Museo dell’Arte della Lana, ubicato nel complesso dell’ex lanificio di Stia, propone invece tre pomeriggi per divertirsi imparando a tessere, cucire, creare. Nel laboratorio del museo, tra telai e attrezzi artigianali sarà possibile imparare l’arte della tessitura, del cucito creativo, dei punti su canovaccio e molto altro.
I giovedì creativi sono aperti a tutti i bambini a partire dai 5 anni. Per Informazioni e iscrizioni: 338.4184121 info@museodellartedellalana.it

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Surgisphere e gli studi sull’Idrossiclorochina – Io Non Mi Rassegno #152

|

Allevatori che ballano coi lupi (e coi cani da guardiania)

|

Il progetto R2020: intervista a Sara Cunial

|

“Cambio vita e coltivo canapa industriale”: Francesco Procacci e il suo ritorno alla terra

|

Altipiano: le maestre del bosco che in cinque mesi hanno ribaltato la loro scuola – Scuola che Cambia #2

|

Che cos’è e come funziona la nutripuntura

|

Adotta il tuo Orto, scegli quali verdure seminare e aspettale a casa!

|

Imprese: come stringere partnership vincenti ed evitare clamorosi errori