23 Set 2016

L’area ex Sacci sotto sequestro

Scritto da: Daniela Bartolini

L'area della ex cementeria S.A.C.C.I. al Corsalone è stata sottoposta a sequestro dopo un controllo che ha rilevato la presenza di rifiuti pericolosi al suo interno.

Salva nei preferiti

Nell’area della ex S.A.C.C.I. al Corsalone ieri mattina sono arrivati gli Agenti della Forestale dopo l’ordinanza del Gip del tribunale di Arezzo che ne ha disposto il sequestro in base alla richiesta del sostituto procuratore Angela Masiello.

Vigili del fuoco e Forestale hanno controllato tutta l’area, sia l’interno che il terreno circostante di competenza, rilevando pericolosi rifiuti al suo interno: amianto, rifiuti edili, batterie al piombo, apparecchiature elettriche, rifiuti speciali provenienti dalla copertura dell’alto forno e materiali e residui ancora da analizzare.
Il prossimo passo dovrebbe essere lo smaltimento dei rifiuti e la bonifica dell’area invasa non solo dai materiali di provenienza dell’ex cementeria stessa ma anche da rifiuti depositati abusivamente al suo interno da privati cittadini.

Lo stabilimento dell’ex-cementificio S.A.C.C.I., in origine Società Anonima Centrale Cementerie Italiane, costituita nel dicembre del 1933 con l’accorpamento di diverse piccole società produttrici di leganti idraulici, alcune delle quali erano in attività già dall’ultimo decennio del 1800, sorge in un’area a cavallo tra il comune di Bibbiena e il comune di Chiusi della Verna. La fabbrica, rimasta in funzione fino agli ultimi anni del ’900, ha avuto un ruolo fondamentale nell’economia del Corsalone e nel suo sviluppo abitativo. Oggi invece rappresenta solo un brutto biglietto da visita per chi entra in Casentino provenendo dalla statale che congiunge Arezzo.
Nel 2004 lo stabilimento è stato acquistato dall’imprenditore Marino Franceschi, proprietario di “Marino fa Mercato” con l’idea di convertire l’area in centro commerciale. Proposito che poi non avuto seguito in conseguenza alla crisi degli ultimi anni.

Una storia di declino che racconta la trasformazione del territorio e su cui da tempo si dibatte per trovare una soluzione.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La sostenibilità in mostra: a Palma Campania Naturae trasforma la spazzatura in arte
La sostenibilità in mostra: a Palma Campania Naturae trasforma la spazzatura in arte

L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397
L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397

Oltree, il sogno di Barbara di un’impresa etica ispirata all’economia circolare
Oltree, il sogno di Barbara di un’impresa etica ispirata all’economia circolare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(9) "casentino"