3 Set 2016

I pianoforti trovano casa

Scritto da: Daniela Bartolini

Dopo il successo della manifestazione di luglio, il primo pianoforte condiviso di "Naturalmente pianoforte" trova casa a Romena. Presto tutti gli altri saranno consegnati e posizionati in spazi pubblici che li ospiteranno per i prossimi due anni.

Una parte importante della comunicazione di “Naturalmente Pianoforte” è stata affidata direttamente allo strumento. Nei giorni della manifestazione che si è svolta dal 21 al 24 luglio, le piazze e le strade di Pratovecchio Stia sono state letteralmente “invase” da decine di pianoforti, a indicare una nuova forma di condivisione dello strumento e della sua musica, un tentativo di radicamento territoriale e di caratterizzazione sociale, con l’intento di andare ben oltre i 4 giorni della kermesse musicale.

I pianoforti, acquistati dall’associazione Pratoveteri e dipinti e trasformati in “piccole opere uniche” dagli alunni delle scuole e dai ragazzi dei centri disabili del territorio, durante la manifestazione sono stati a disposizione di chiunque volesse “metterci le mani sopra”, per suonarli o semplicemente per curiosità.

Adesso i pianoforti troveranno sede, a testimonianza dei principi di base che la animano, presso alcune sedi istituzionali come le scuole, il municipio, la biblioteca, la casa di riposo.
Il primo pianoforte è stato consegnato oggi a Romena e spicca già sul palco del nuovo auditorium. Qui rimarrà per i prossimi due anni fino alla prossima edizione del festival biennale “Naturalemnte pianoforte”

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza