12 Ott 2016

La Decrescita Felice di un Agente del Cambiamento

Scritto da: Paolo Cignini

Tornare nella propria terra, praticare la decrescita felice e diventare un Agente del Cambiamento. Cosa significa tutto questo? Ecco la testimonianza di Emilio Ruffolo.

Durante una delle tappe del Bike Tour della Decrescita, siamo stati ospiti di Emilio Ruffolo e della sua famiglia a Rende, in provincia di Cosenza. Emilio è uno dei membri del Circolo per la Decrescita Felice di Cosenza ed ha aderito alla campagna degli Agenti del Cambiamento promossa dalla nostra testata.

 

In questa chiacchierata, Emilio ci ha raccontato la sua esperienza “controcorrente”: ha studiato a Padova, laureandosi Psicologia Clinico Dinamica della Università di Padova, per poi tornare a Rende dove divide il suo tempo tra il lavoro con la Terra, il tirocinio e l’attivismo.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

 

“Di solito la scelta naturale è emigrare da queste terre, molti miei amici e conoscenti lo hanno fatto. Io ho fatto la scelta contraria, in accordo con la mia ragazza, perché qui vediamo molte più opportunità e molte più sfide interessanti che sono coerenti con ciò che crediamo”.

 

Nella video-intervista ci racconta la sua storia e cosa significa per lui essere un agente del Cambiamento.

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5