12 Ott 2016

La Decrescita Felice di un Agente del Cambiamento

Scritto da: Paolo Cignini

Tornare nella propria terra, praticare la decrescita felice e diventare un Agente del Cambiamento. Cosa significa tutto questo? Ecco la testimonianza di Emilio Ruffolo.

Durante una delle tappe del Bike Tour della Decrescita, siamo stati ospiti di Emilio Ruffolo e della sua famiglia a Rende, in provincia di Cosenza. Emilio è uno dei membri del Circolo per la Decrescita Felice di Cosenza ed ha aderito alla campagna degli Agenti del Cambiamento promossa dalla nostra testata.

 

In questa chiacchierata, Emilio ci ha raccontato la sua esperienza “controcorrente”: ha studiato a Padova, laureandosi Psicologia Clinico Dinamica della Università di Padova, per poi tornare a Rende dove divide il suo tempo tra il lavoro con la Terra, il tirocinio e l’attivismo.

 

 

“Di solito la scelta naturale è emigrare da queste terre, molti miei amici e conoscenti lo hanno fatto. Io ho fatto la scelta contraria, in accordo con la mia ragazza, perché qui vediamo molte più opportunità e molte più sfide interessanti che sono coerenti con ciò che crediamo”.

 

Nella video-intervista ci racconta la sua storia e cosa significa per lui essere un agente del Cambiamento.

 

 

Articoli simili
Io Faccio Così #43 – Paolo Cacciari e la decrescita: occorre un cambiamento radicale
Io Faccio Così #43 – Paolo Cacciari e la decrescita: occorre un cambiamento radicale

A Torino la 2a Conferenza Nazionale Decrescita, Sostenibilità e Salute

Torna la Festa nazionale della Decrescita Felice

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”