12 Ott 2016

La Decrescita Felice di un Agente del Cambiamento

Scritto da: Paolo Cignini

Tornare nella propria terra, praticare la decrescita felice e diventare un Agente del Cambiamento. Cosa significa tutto questo? Ecco la testimonianza di Emilio Ruffolo.

Durante una delle tappe del Bike Tour della Decrescita, siamo stati ospiti di Emilio Ruffolo e della sua famiglia a Rende, in provincia di Cosenza. Emilio è uno dei membri del Circolo per la Decrescita Felice di Cosenza ed ha aderito alla campagna degli Agenti del Cambiamento promossa dalla nostra testata.

 

In questa chiacchierata, Emilio ci ha raccontato la sua esperienza “controcorrente”: ha studiato a Padova, laureandosi Psicologia Clinico Dinamica della Università di Padova, per poi tornare a Rende dove divide il suo tempo tra il lavoro con la Terra, il tirocinio e l’attivismo.

 

 

“Di solito la scelta naturale è emigrare da queste terre, molti miei amici e conoscenti lo hanno fatto. Io ho fatto la scelta contraria, in accordo con la mia ragazza, perché qui vediamo molte più opportunità e molte più sfide interessanti che sono coerenti con ciò che crediamo”.

 

Nella video-intervista ci racconta la sua storia e cosa significa per lui essere un agente del Cambiamento.

 

 

Articoli simili
La bellezza ispira. Grazie 1000 per la Festa!

Si avvicina la Festa dei 1000 Agenti del Cambiamento!

Arriva la Festa dei 1000 Agenti del Cambiamento!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza