21 Ago 2023

Bike tour della decrescita felice 2023, una pedalata in Sicilia per approfondire eco e trans-femminismo

Da Catania a Siracusa passando per Bronte, Sortino, Ragusa, Modica e Lido di Noto. Sono queste le tappe del Bike tour della Decrescita Felice – di cui Italia che Cambia è media partner – che quest’anno pedalerà in Sicilia dall’1 al 10 settembre. Un’occasione per conoscere i territori e incontrare tutte quelle persone che da anni contribuiscono a promuovere buone pratiche nel rispetto della terra, dell’ambiente e delle comunità.

Salva nei preferiti

Hai mai pensato a un viaggio o una vacanza in bicicletta? È arrivata l’occasione giusta per partire grazie al bike tour della decrescita felice in giro per la Sicilia dall’1 al 10 settembre 2023. Il bike tour di MDF, il Movimento per la Decrescita Felice, sarà l’occasione giusta per sperimentare una modalità di viaggio caratterizzata dalla lentezza e dalla convivialità, consentendo di assaporare ogni centimetro di paesaggio attraversato.

Si avrà l’occasione di incontrare diverse realtà locali impegnate nella conservazione della terra, come le agricoltrici e gli agricoltori del Consorzio Siciliano e Galline Felici, impegnati da anni nella divulgazione dell’agricoltura biologica e nella ricerca costante delle migliori pratiche che contribuiscano all’affermarsi dell’economia sociale.

Partner dell’edizione di quest’anno saranno, come per quelle passate, Altri Mondi Bike Tour e Italia Che Cambia, media partner dell’evento. L’appuntamento con le pedalatrici e i pedalatori del bike tour della decrescita felice di quest’anno sarà a Catania il 2 settembre, dove saranno accolti dalle attiviste e gli attivisti di Trame di Quartiere, gruppo di lavoro interdisciplinare che nel quartiere di San Berillo promuove e facilita pratiche di azione e di ricerca sul territorio nell’ottica di porre le basi per una trasformazione urbana che miri a una città inclusiva, coesiva, che concepisca e sappia valorizzare le diversità come risorse. 

bike tour

A Catania i partecipanti al bike tour della decrescita felice saranno ospitati dai Briganti e Brigantesse di Librino, molto più di una squadra di rugby. Una realtà che in un quartiere periferico “difficile”, Librino appunto, contrasta l’incuria e l’assenza dello Stato recuperando socialità e spazi pubblici, costruendo comunità e rafforzandone il legame con il territorio attraverso le attività al Campo San Teodoro Liberato.

Da Catania il viaggio proseguirà per un tratto in treno, con le bici al seguito, per raggiungere Bronte, alle pendici del Monte Etna. Ad accogliere il gruppo, presso il pistacchieto della sua azienda agricola, sarà Samantha Pieraccini – socia del Consorzio di Tutela del Pistacchio verde di Bronte DOP e di Pistacia Etna Bio – con un pranzo di conoscenza con le agricoltrici e gli agricoltori afferenti al Consorzio Siciliano del LeGallineFelici.

Il bike tour MDF 2023 anche quest’anno sarà un’occasione preziosa per aprirsi con rispetto all’ascolto e alla condivisione

Salutata Samantha e Bronte, il viaggio proseguirà in discesa verso la Baia di Catania per raggiungere AZollaLab. Un progetto permaculturale di rigenerazione del suolo e di gestione delle acque sia piovane che da falda, che Cinzia porta avanti dal 2017, su un terreno in passato martoriato dall’incuria e dagli incendi e oggi restituito in buona parte alla sua naturale bellezza.

Dopo una tappa a Borgo Rizza, con una serata aperta al pubblico con “Altri mondi Quiz”, il viaggio continuerà verso Ragusa, dove la carovana troverà ospitalità all’interno del nuovo rifugio di Ecotono – Collettivo Endemico, appena fuori la città. Sarà l’occasione per conoscere i progetti, le escursioni e i laboratori che da tempo portano avanti e che contribuiscono a tutelare la grande biodiversità dell’area.

Sempre a Ragusa ci sarà occasioni per conoscere il Collettivo Ocra che dal 2017 promuove iniziative volte a “colorare e far rivivere il contesto urbano grazie all’arte”, recuperando materiali di scarto e coinvolgendo la comunità in processi di arte pubblica attraverso attività didattico-artistiche rivolte a bambini, ragazzi e adulti.

240168 Mount Etna

Da Ragusa si andrà alla scoperta della città di Modica, dove si svolgerà un evento pubblico all’Ente Liceo Convitto della città. Sarà un’occasione di confronto per approfondire il tema di questa edizione 2023 del bike tour della decrescita felice: come la lettura femminista di posizionalità, privilegi e oppressioni ma anche di cura e relazione, possa aiutarci a comprendere le sfide sociali ed ambientali dei territori attraversati e far evolvere delle soluzioni collettive.

La giornata si concluderà al Rifugio Pernamazzone, una struttura rurale che ospita un’azienda agricola e un agricampeggio immerso nella gola di Cava Ispica all’interno di un’area protetta e Sito Unesco. La rete di fattorie didattiche di cui è parte costituente sul territorio offre percorsi di educazione ambientale dedicati alle scuole, focalizzati sulla sensibilizzazione ai temi della biodiversità e dell’impronta ecologica, nonché attività di apicoltura didattica. Dopo un’ultima sosta a Noto a Terra di Pace, la pedalata si concluderà a Siracusa il 9 settembre con la visita il laboratorio conclusivo a Le Piante Selvatiche.

Il bike tour MDF 2023 anche quest’anno sarà un’occasione preziosa per aprirsi con rispetto all’ascolto e alla condivisione, in un viaggio lento, intenso e arricchente. Non mancheranno le occasioni di scambio con realtà associative formali e informali attive sul territorio e con l’intera cittadinanza – in particolare a Catania il 2 settembre e Modica il 7 settembre – attraverso due eventi pubblici costruiti insieme alle realtà del territorio.

bike

Si approfondirà il tema della decrescita e le sue intersezioni con le teorie eco e trans-femministe che in questo ambito danno un contributo fondamentale nell’analizzare i problemi, in una logica di cambiamento volta alla promozione di una giustizia che sappia essere al contempo ambientale e socio-economica, ma soprattutto giusta e rispettosa delle differenze che caratterizzano il genere umano.

È possibile portare la bici smontata su tutti i treni di Trenitalia, ecco un breve video che spiega come farlo. Inoltre su alcuni Intercity diurni si può prenotare un posto a sedere ed è possibile viaggiare con la bici montata prenotando il posto bici accanto a sé. A Catania sarà possibile noleggiare le biciclette presso ciclofficina Zero.Nove. In tal caso bisogna specificare questa opzione nel modulo d’iscrizione.

L’ospitalità sarà come al solito spartana ma calorosa, per cui portate con voi tenda, sacco a pelo e materassino e preparatevi a spendere poco – daremo più dettagli sulle spese appena disponibili, ma principalmente riguarderanno cibo e viaggio – vogliamo che il denaro non costituisca una barriera alla partecipazione. Non resta che auguravi buon bike tour della decrescita felice e buona pedalata!

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Decrescita: che cos’è e come si può vivere meglio con meno
Decrescita: che cos’è e come si può vivere meglio con meno

Oltre i confini. Etain Addey ci guida alla scoperta del pensiero e delle pratiche bioregionali – A tu per tu + #7
Oltre i confini. Etain Addey ci guida alla scoperta del pensiero e delle pratiche bioregionali – A tu per tu + #7

Il Bike Tour della Decrescita arriva in Sicilia: il tema del 2023 saranno le questioni di genere
Il Bike Tour della Decrescita arriva in Sicilia: il tema del 2023 saranno le questioni di genere

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Gaza, la strage continua ma cresce il movimento pro-Palestina – #933

|

Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso

|

Animago: due libri per esplorare il mondo a mente scalza

|

Greenatural, il marchio che unisce domanda e offerta di prodotti etici ed ecologici

|

Casa nome collettivo: parlare di Palestina, riflettere sulla guerra per chiedere la pace

|

Giorgio Cremaschi: “Su Gaza l’occidente usa un doppio standard”

|

Bombe di semi e draghi: è in partenza un cammino per seminare vita in nome di Fukuoka

|

I gelsi e la talpa, l’azienda agricola che vende “siciliano” e promuove il consumo critico

string(7) "sicilia"