21 Ott 2016

Fail Foliage e Castagne nel Parco Nazionale

Scritto da: Daniela Bartolini

Le suggestioni del fall foliage e dei prodotti della terra d'autunno nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Due feste dedicate a Badia Prataglia per respirare l'autunno e i suoi colori. Sabato 22 e domenica 23 ottobre.

Salva nei preferiti

È autunno nel cuore del Parco delle Foreste Casentinesi, uno dei momenti in cui la natura selvaggia di questi luoghi ci offre il magico spettacolo del fail foliage. Uno spettacolo che attira amanti della natura, appassionati di fotografia, turisti e abitanti della valle. Per questa occasione, nell’ambito della rassegna Autunno Slow, che propone una ricca serie di eventi per respirare e ammirare l’autunno e i colori della foresta, tornano due appuntamenti imperdibili: la Festa della Castagna a Badia Prataglia e la Festa del Fail Foliage.

Sabato 22 e domenica 23 la castagna sarà protagonista di degustazioni sia attraverso gli stand della locale Pro Loco che nei menù dei locali e ristoranti del paese e delle attività commerciali dove sarà possibile acquistare tutti i prodotti di stagione: funghi, castagne, tartufi, zucche e molto altro. Veglie, escursioni guidate con raccolta delle castagne, spettacoli nei castagneti, canti e musica saranno gli eventi collaterali ad arricchire la Festa della Castagna. Il centro di Badia Prataglia sarà arricchito da “ecosculture” inerenti la castagna ed il bosco per regalare la sensazione di calore e familiarità che veniva percepita durante le veglie invernali nelle vecchie cucine dei nonni.

Per godere degli effetti cromatici che la foresta offre solo per poche settimane, con infinite sfumature di gialli, rossi, verdi e arancioni, sarà possibile raggiungere l’area protetta della foresta della Lama, solitamente vietata al transito, anche attraverso un bus.
Per chi volesse immergersi nei colori a piedi tante le occasioni organizzate: in compagnia del fotografo Walter Segnan per “fotografare la natura attraverso le emozioni”, con guide lungo il sentiero colorato tra il Monte Penna e la Lama.

Una proposta “slow” che invita a rallentare dopo la carica dell’energia estiva, seguendo l’invito delle foglie che cadono e ammirando lo spettacolo del “fall foliage” che giunge qui al suo culmine nelle ultime due settimane di ottobre e le prime due di novembre. La varietà di alberi presenti nel parco, dominate in alto dal faggio, accanto ad abeti bianchi, aceri montani, olmi, tigli e frassini fa della foresta casentinese ”la più colorata d’Italia”.

Programma completo.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso
Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso

La sostenibilità in mostra: a Palma Campania Naturae trasforma la spazzatura in arte
La sostenibilità in mostra: a Palma Campania Naturae trasforma la spazzatura in arte

L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397
L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sardegna e lavoro: siamo in burnout! – INMR Sardegna #31

|

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

|

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

|

A Capaci nasce MuST23, un museo interattivo come luogo di riscatto civile e sociale

|

Eirenefest: dall’arte all’ambiente, tre giorni di festa per la pace e la nonviolenza

|

Al via il trekking alla scoperta dei parchi naturali italiani

|

Voglia di riconnettersi con la natura? Seguite Il Richiamo del Bosco

|

Il forno di Vincenzo: un progetto di comunità è la risposta alla X Fragile

string(9) "casentino"