17 Mar 2017

Benessere e natura al Rifugio degli Asinelli

Scritto da: Roberto Vietti

La Fondazione “Il Rifugio degli Asinelli ONLUS” di Sala Biellese (Bi) è la base italiana della charity inglese The Donkey Sanctuary di Sidmouth, attiva dal 1969 nella difesa di asini, muli e bardotti in difficoltà in varie parti del mondo. Scoprite cosa ci ha raccontato Rachele a riguardo.

Salva nei preferiti

Biella - SALA BIELLESE (BI) – Rachele che ci presenta il rifugio degli asinelli di Sala Biellese, la sede italiana della no-profit “The Donkey Sanctuary”, che da oltre 40 anni è attiva in tutto il mondo in difesa degli asini in difficoltà.

Ospitano più di 100 asini, muli e bardotti; arrivano da Italia, Grecia, Svizzera, Romania e Francia, spesso in seguito a situazioni di maltrattamento o abbandono. Passeggiando nei venti ettari di terreno ci presenta anche l’unico cavallo presente: l’hanno tenuto perché è il migliore amico di una asinella. Gli asini, infatti, si dividono in gruppi ed ognuno di essi ha un migliore amico. Notiamo una zona boschiva all’interno della quale vi sono gli asini più anziani.

Hanno deciso di lasciarli in questa più selvatica per mantenere la vitalità e la reattività degli animali, stimolando la loro attenzione ed evitando troppi momenti noiosi. Ci racconta del caso, finito anche sui giornali, dei quattro Asini di Zaia.

Era un progetto iniziato nella provincia di Trento da parte del Presidente della Regione per ripulire le strade con gli asinelli. Dopo il clamore dato dalla notizia, in poco tempo gli asini sono stati abbandonati e infine ricollocati proprio nel rifugio dove siamo oggi. Il Sole si fa più insistente e Rachele mette gli occhiali da Sole, dicendoci di come combattono l’utilizzo, soprattutto in zone turistiche degli “Asini Taxi” che accompagnano i turisti per alcuni metri, rovinandone inevitabilmente la loro spina dorsale.

benessere natura.rifugio degli asinelli 1489721467

Il suo sogno è che non vi sia è più necessità di un posto come il rifugio degli asinelli: significherebbe aver educato a sufficienza la persone a trattarli con rispetto e dignità. Con queste parole ci salutiamo e arriviamo a Biella per riprendere in mano le nostre bici, gentilmente riparate da Giuseppe, Antonio ed Emilie.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Kalabria Eco Festival 2023, alla ricerca dell’equilibrio tra esseri umani e natura
Kalabria Eco Festival 2023, alla ricerca dell’equilibrio tra esseri umani e natura

Riparte il cammino di Davide Fiz: Smart Walking arriva in Puglia
Riparte il cammino di Davide Fiz: Smart Walking arriva in Puglia

Il mondo è tutto attaccato: dal cibo all’energia, scopriamo come vivere a basso impatto
Il mondo è tutto attaccato: dal cibo all’energia, scopriamo come vivere a basso impatto

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(8) "piemonte"