17 Mar 2017

#14 – Benessere e natura al Rifugio degli Asinelli

Scritto da: Roberto Vietti

La Fondazione “Il Rifugio degli Asinelli ONLUS” di Sala Biellese (Bi) è la base italiana della charity inglese The Donkey Sanctuary di Sidmouth, attiva dal 1969 nella difesa di asini, muli e bardotti in difficoltà in varie parti del mondo. Scoprite cosa ci ha raccontato Rachele a riguardo.

SALA BIELLESE (BI) – Rachele che ci presenta il rifugio degli asinelli di Sala Biellese, la sede italiana della no-profit “The Donkey Sanctuary”, che da oltre 40 anni è attiva in tutto il mondo in difesa degli asini in difficoltà.

Ospitano più di 100 asini, muli e bardotti; arrivano da Italia, Grecia, Svizzera, Romania e Francia, spesso in seguito a situazioni di maltrattamento o abbandono.

Passeggiando nei venti ettari di terreno ci presenta anche l’unico cavallo presente: l’hanno tenuto perché è il migliore amico di una asinella. Gli asini, infatti, si dividono in gruppi ed ognuno di essi ha un migliore amico. Notiamo una zona boschiva all’interno della quale vi sono gli asini più anziani.

Hanno deciso di lasciarli in questa più selvatica per mantenere la vitalità e la reattività degli animali, stimolando la loro attenzione ed evitando troppi momenti noiosi. Ci racconta del caso, finito anche sui giornali, dei quattro Asini di Zaia.

benessere natura.rifugio degli asinelli 1489721467

Era un progetto iniziato nella provincia di Trento da parte del Presidente della Regione per ripulire le strade con gli asinelli. Dopo il clamore dato dalla notizia, in poco tempo gli asini sono stati abbandonati e infine ricollocati proprio nel rifugio dove siamo oggi. Il Sole si fa più insistente e Rachele mette gli occhiali da Sole, dicendoci di come combattono l’utilizzo, soprattutto in zone turistiche degli “Asini Taxi” che accompagnano i turisti per alcuni metri, rovinandone inevitabilmente la loro spina dorsale.

benessere natura.rifugio degli asinelli 1489718362

Il suo sogno è che non vi sia è più necessità di un posto come il rifugio degli asinelli: significherebbe aver educato a sufficienza la persone a trattarli con rispetto e dignità. Con queste parole ci salutiamo e arriviamo a Biella per riprendere in mano le nostre bici, gentilmente riparate da Giuseppe, Antonio ed Emilie.

TRATTO DAL DIARIO NEL BIELLESE CHE CAMBIA, TAPPA N°3

Articoli simili
Settevoci, la comunità rurale nata in un casale diroccato nella campagna siciliana
Settevoci, la comunità rurale nata in un casale diroccato nella campagna siciliana

Terra Terra: due giovani a piedi lungo gli Appennini per riscoprire la vita nelle terre alte
Terra Terra: due giovani a piedi lungo gli Appennini per riscoprire la vita nelle terre alte

Smart Walking: vivere in cammino e lavorare quando e dove si fermano i piedi
Smart Walking: vivere in cammino e lavorare quando e dove si fermano i piedi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi