3 Ott 2017

La Festa del Presente: dove tutti regalano di tutto

Scritto da: Daniela Bartolini

L'8 ottobre dalle ore 9 alle 20, arriva nel Quartiere San Paolo di Cuneo, la “Festa del presente”, un evento diffuso che coinvolge tutto il quartiere, piazze, parchi, vie ed esercizi commerciali. Per promuovere un'economia del dono, senza denaro e senza scambio, in cui ognuno può ricevere o donare ciò che desidera. Una giornata ricca di attività, laboratori, incontri, spettacoli.

Salva nei preferiti

Cuneo - Arriva nel Quartiere San Paolo di Cuneo, grazie all’iniziativa di alcune persone che credono in un’economia più umana e meno finanziaria, la prima edizione della Festa del Presente. Oltre 20 associazioni e gruppi e cooperative sociali, numerose attività commerciali collaborano all’evento con il coordinamento del Comitato di Quartiere San Paolo Cuneo 2, Movimento Decrescita Felice (MDF) e Vivere Sostenibile Basso Piemonte.

festa-del-presente-cuneo-1507021377

Una festa che mette al centro il dono, accantonando per un giorno il denaro e la necessità di scambiare sempre una cosa con un’altra cosa. In cui si regala ciò che si può a chi lo vuole e ne ha bisogno, senza aspettarsi nulla in cambio. Un momento di partecipazione che realizza concretamente, con leggerezza, l’idea di una società basata su un’economia del ‘dare’ dove, per qualche ora, denaro e debito non esistono, dove l’arricchimento personale e collettivo avviene attraverso l’incontro.

 

Il principio è semplice: ognuno contribuisce secondo la propria possibilità ed il proprio desiderio, portando oggetti, competenze o abilità che offre gratuitamente ad altri che ne fruiscono liberamente (manufatti, saperi, arte, professionalità). Un modo per dimostrare che la generosità rende tutti più ricchi.

 

L’organizzazione è testimonial del Giorno del Dono, iniziativa organizzata dall’Istituto Italiano della Donazione, e partecipa al concept #Donaday2017 e #DonareMiDona!

festa-del-presente-cuneo-1507021490

La festa del presente è un momento in cui puoi portare quello che serve ad altri o offrire ciò che sai fare. Puoi portare in dono oggetti o qualsiasi altra cosa utile, purchè ancora in buono stato e funzionante. Libri, abiti, giocattoli, mobili, elettrodomestici, biciclette, gomme, opere d’arte o ciò che sai fare come giocoleria, teatro di strada, giochi di prestigio, piccoli esperimenti che suscitino meraviglia, massaggi, musica, danza, poesie, storie di vita.

 

“Immaginiamo questa giornata come uno splendido quadro: la tela è il momento del dono, vero e proprio generoso disegno, mentre la cornice sono gli eventi, i convegni, gli spettacoli ed i laboratori che arricchiranno la festa.”

 

L’invito è a non arrivare, e a non andarsene, a mani vuote!

 

Articolo tratto da Piemonte che Cambia 

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La sostenibilità in mostra: a Palma Campania Naturae trasforma la spazzatura in arte
La sostenibilità in mostra: a Palma Campania Naturae trasforma la spazzatura in arte

L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397
L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397

Oltree, il sogno di Barbara di un’impresa etica ispirata all’economia circolare
Oltree, il sogno di Barbara di un’impresa etica ispirata all’economia circolare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La Grecia vieterà la pesca a strascico, primo paese in Europa – #920

|

L’assalto eolico è ingiustizia climatica: le conseguenze sul patrimonio culturale sardo

|

Franco D’Eusanio e i vini di Chiusa Grande: “È un equilibrio naturale, noi non interveniamo”

|

L’arte collettiva del sognare: il social dreaming arriva in Liguria

|

Quanto inquinano gli aerei? Ecco cosa dicono i dati e le leggi

|

No border books, un kit di benvenuto per i piccoli migranti che approdano a Lampedusa

|

Intelligenza artificiale in azienda: ci sostituirà o ci renderà il lavoro più facile?

|

HandiCREA e il sogno di Graziella Anesi di un turismo accessibile e inclusivo

string(8) "piemonte"