5 Gen 2018

Sacchetti bio a pagamento: nessun cambiamento senza riuso

Scritto da: Elena Risi

È entrata in vigore dal 1 gennaio una legge che prevede che i sacchetti di plastica utilizzati nei supermercati per imbustare frutta, verdura e altri freschi alimentari siano biodegradabili e a carico del consumatore. Il Ministero della Salute vieta però la possibilità del riutilizzo disincentivando così la pratica del riuso e confermando la logica dell'usa e getta.

La questione dei sacchetti di plastica a pagamento ha diviso l’opinione pubblica e suscitato polemiche. Ma qualcosa nel dibattito sembra essere ancora fuori fuoco.

 

Ripartiamo dal principio. Dal primo gennaio è entrata in vigore una legge che prevede che i sacchetti di plastica utilizzati nei supermercati per imbustare frutta, verdura e altri freschi alimentari siano biodegradabili e a carico del consumatore. Quelli utilizzati precedentemente, interamente in plastica, sono stati dunque sostituiti da nuovi sacchetti composti al 40% da materiali biodegradabili, percentuale che aumenterà  nel 2020 passando a 50% e al 60% nel 2021. Il costo varia a seconda dei supermercati, ma dovrebbe aggirarsi tra l’1 e i 3 centesimi cadauno.

e7874303aafefd034f9a1a75e7db974c

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

La nuova legge converte il decreto legge 2017 n.91, “Disposizioni urgenti per la crescita economica del mezzogiorno”, riprendendo una direttiva europea del 2015 che introduceva nuove regole sull’uso dei sacchetti leggeri. Tanta preoccupazione era senz’altro motivata considerando che questo tipo di sacchetti sono riutilizzati molto poco, si trasformano facilmente in rifiuto e diventano una delle principali cause di inquinamento del mare e degli ecosistemi acquatici.

 

Bene così allora? Con un piccolo investimento saremo in grado di ridurre sensibilmente una fonte di inquinamento per il pianeta? Non proprio, perché sulla norma è intervenuto anche il Ministero della Salute che per presunte “motivazioni igieniche” impone che i sacchetti siano monouso, e che si possono sì portare da casa ma sempre a patto che siano nuovi. Ed ecco la vera falla, perché il disincentivo al riutilizzo elimina la possibilità di sviluppare un comportamento maggiormente virtuoso e ecosostenibile.

 

Normalmente le tasse sui prodotti vengono applicate per scoraggiare la produzione e il consumo di beni che generano inquinamento durante l’intero ciclo di vita. Il principale obiettivo dovrebbe essere dunque quello di segnalare che un determinato prodotto è dannoso e indirizzare verso altre forme di acquisto o di consumo determinando quindi un incentivo a cambiare comportamento, proprio come è stato con le buste di plastica “generiche” – diciamo così – che sempre più spesso sono sostituite da shopper di stoffa riutilizzabili “all’infinito”.
Con la nuova legge in vigore questo intento è inspiegabilmente assente dunque il problema resta, l’inquinamento pure.

 

 

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La Barista Disoccupata: cambiare vita e lavoro nel segno dell’economia circolare
La Barista Disoccupata: cambiare vita e lavoro nel segno dell’economia circolare

Kymia, la start up che dallo scarto del pistacchio produce prodotti cosmetici di nicchia
Kymia, la start up che dallo scarto del pistacchio produce prodotti cosmetici di nicchia

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo
Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi