11 Apr 2018

Exit Plastic: parte da Palermo la campagna contro l'inquinamento marino

Scritto da: Redazione

Dalle coste della Sicilia a quelle della Francia. Sta per partire da Palermo Exit Plastic, campagna di sensibilizzazione all'inquinamento dei mari e ad un utilizzo responsabile dei rifiuti di plastica.

Sensibilizzare gli studenti, i cittadini, i turisti e i velisti al problema dell’inquinamento delle coste e ad un utilizzo responsabile dei rifiuti di plastica. Questo l’obiettivo della campagna Exit Plastic, lanciata da Participe Futur, associazione francese impegnata nella tutela dell’ambiente marino.

 

La campagna partirà il 15 aprile e durerà un anno, andando prima in Italia e poi in Francia. Come città di debutto della campagna è stata scelta Palermo, per il suo forte impegno ed attenzione in materia di educazione all’ambiente. Nel capoluogo della Sicilia Participe Futur interverrà nelle classi delle scuole selezionate secondo criteri di eterogeneità sociale e in accordo con gli insegnanti e le autorità locali.

exit-plastica-inquinamento-marino

Sono in programma workshop di sensibilizzazione al tema della fauna marina locale (animali marini, gabbiani, tartarughe marine, meduse, posidonie) e sull’inquinamento e i rifiuti in mare. Inoltre, l’evento più atteso dai ragazzi: una giornata intera a bordo di Alcyon, storico veliero di Participe Futur, per scoprire i lavoro di raccolta di dati scientifici che porta avanti l’associazione.

 

Sono previsti inoltre altri workshop e la partecipazione al conteggio dei macro-rifiuti e alla loro raccolta. Una volta ritornati sulla terra ferma, i rifiuti saranno pesati e selezionati prima d’esser riciclati nei “mostri di plastica” che saranno esposti nelle scuole e nei luoghi pubblici designati dalle città partner.

 

Nel mese di luglio la campagna si sposterà dall’Italia per approdare sulle coste francesi (bacino Corso-Ligure-Provenzale). La seconda tappa si svolgerà infatti nella parte francese del Santuario Pelagos (Presqu’île de Giens, Iles d’Hyères, Corsica) da luglio a settembre. Si focalizzerà sui diportisti, i bagnanti e gli escursionisti. L’associazione incontrerà i diportisti sulle imbarcazioni da diporto per sensibilizzarli alla gestione dei rifiuti e alla limitazione di oggetti non riutilizzabili. Ogni 15 giorni, sarà proposta una conferenza sulle spiagge nei pressi di Port Pin Rolland (porto d’origine d’Alcyon), nel Var, per sensibilizzare turisti, bagnanti ed escursionisti alle buone prassi.

Il veliero Alcyon (Foto di Participe Futur)

Il veliero Alcyon (Foto di Participe Futur)


Dal primo ottobre 2018 al 15 aprile 2019 sono previsti incontri con le comunità locali. Exit Plastic si concentrerà sulla sensibilizzazione del grande pubblico locale, attraverso delle azioni di pulizia delle spiagge e delle aree industriali dismesse vicino al mare (in particolare il Golfo di Fos).

 

Due documentari racconteranno le avventure di Exit Plastic. Saranno proiettati al pubblico al termine dei dodici mesi di azione e saranno riproposti in streaming su Vimeo e consegnati gratuitamente alle scuole e ai municipi che prenderanno parte al progetto.

 

Exit Plastic è destinata ad esser rinnovata di anno in anno, ogni anno verrà svolta in un nuovo luogo anche grazie al contributo degli internauti. L’associazione della Provenza Participe Futur è appena sbarcata infatti sul motore di ricerca Lilo.org, il motore di ricerca che finanzia i progetti virtuosi. Un sostegno al momento giusto, considerata l’imminente partenza di Exit Plastic.

 

A breve anche Italia che Cambia farà il suo ingresso su Lilo!

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La Luna e i Calanchi, festa della poesia o sagra della plastica?
La Luna e i Calanchi, festa della poesia o sagra della plastica?

L’impresa di Pietro ed Emiliano, che hanno attraversato gli USA in bici per dire no alla plastica
L’impresa di Pietro ed Emiliano, che hanno attraversato gli USA in bici per dire no alla plastica

#BastaVaschette, la campagna per dire no agli imballaggi monouso in plastica per frutta e verdura
#BastaVaschette, la campagna per dire no agli imballaggi monouso in plastica per frutta e verdura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’ex Ilva verrà commissariata, di nuovo – #882

|

A Lanusei classi quinte in gita durante le elezioni regionali: il diritto di voto è solo “a metà”

|

Auschwitz e Gaza: che cos’è l’essere umano?

|

Violenza di genere: “Tutti noi dovremmo mettere in discussione i nostri valori, opinioni e credenze”

|

Una nuova vita al Mulino Marghen, fra relazioni umane e natura

|

Destinazione Ogliastra, una rete per un approccio sostenibile e identitario al turismo nel territorio

|

Rising Time: Elena e Andrea tornano in Calabria per lanciare i giovani artisti locali

|

Il Museo dell’Emigrazione Italiana: un’esperienza diversa per sconfiggere i pregiudizi

string(9) "nazionale"