Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
11 Apr 2018

Exit Plastic: parte da Palermo la campagna contro l'inquinamento marino

Scritto da: Redazione

Dalle coste della Sicilia a quelle della Francia. Sta per partire da Palermo Exit Plastic, campagna di sensibilizzazione all’inquinamento dei mari e ad un utilizzo responsabile dei rifiuti di plastica.

Sensibilizzare gli studenti, i cittadini, i turisti e i velisti al problema dell’inquinamento delle coste e ad un utilizzo responsabile dei rifiuti di plastica. Questo l’obiettivo della campagna Exit Plastic, lanciata da Participe Futur, associazione francese impegnata nella tutela dell’ambiente marino.

 

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

ATTIVATI

La campagna partirà il 15 aprile e durerà un anno, andando prima in Italia e poi in Francia. Come città di debutto della campagna è stata scelta Palermo, per il suo forte impegno ed attenzione in materia di educazione all’ambiente. Nel capoluogo della Sicilia Participe Futur interverrà nelle classi delle scuole selezionate secondo criteri di eterogeneità sociale e in accordo con gli insegnanti e le autorità locali.

exit-plastica-inquinamento-marino

Sono in programma workshop di sensibilizzazione al tema della fauna marina locale (animali marini, gabbiani, tartarughe marine, meduse, posidonie) e sull’inquinamento e i rifiuti in mare. Inoltre, l’evento più atteso dai ragazzi: una giornata intera a bordo di Alcyon, storico veliero di Participe Futur, per scoprire i lavoro di raccolta di dati scientifici che porta avanti l’associazione.

 

Sono previsti inoltre altri workshop e la partecipazione al conteggio dei macro-rifiuti e alla loro raccolta. Una volta ritornati sulla terra ferma, i rifiuti saranno pesati e selezionati prima d’esser riciclati nei “mostri di plastica” che saranno esposti nelle scuole e nei luoghi pubblici designati dalle città partner.

 

Nel mese di luglio la campagna si sposterà dall’Italia per approdare sulle coste francesi (bacino Corso-Ligure-Provenzale). La seconda tappa si svolgerà infatti nella parte francese del Santuario Pelagos (Presqu’île de Giens, Iles d’Hyères, Corsica) da luglio a settembre. Si focalizzerà sui diportisti, i bagnanti e gli escursionisti. L’associazione incontrerà i diportisti sulle imbarcazioni da diporto per sensibilizzarli alla gestione dei rifiuti e alla limitazione di oggetti non riutilizzabili. Ogni 15 giorni, sarà proposta una conferenza sulle spiagge nei pressi di Port Pin Rolland (porto d’origine d’Alcyon), nel Var, per sensibilizzare turisti, bagnanti ed escursionisti alle buone prassi.

Il veliero Alcyon (Foto di Participe Futur)

Il veliero Alcyon (Foto di Participe Futur)

Dal primo ottobre 2018 al 15 aprile 2019 sono previsti incontri con le comunità locali. Exit Plastic si concentrerà sulla sensibilizzazione del grande pubblico locale, attraverso delle azioni di pulizia delle spiagge e delle aree industriali dismesse vicino al mare (in particolare il Golfo di Fos).

 

Due documentari racconteranno le avventure di Exit Plastic. Saranno proiettati al pubblico al termine dei dodici mesi di azione e saranno riproposti in streaming su Vimeo e consegnati gratuitamente alle scuole e ai municipi che prenderanno parte al progetto.

 

Exit Plastic è destinata ad esser rinnovata di anno in anno, ogni anno verrà svolta in un nuovo luogo anche grazie al contributo degli internauti. L’associazione della Provenza Participe Futur è appena sbarcata infatti sul motore di ricerca Lilo.org, il motore di ricerca che finanzia i progetti virtuosi. Un sostegno al momento giusto, considerata l’imminente partenza di Exit Plastic.

 

A breve anche Italia che Cambia farà il suo ingresso su Lilo!

 

 

#IoNonMiRassegno speciale Natale

|

COP25: i genitori di tutto il mondo lanciano un appello urgente

|

GEN Ucraina, una rete di ecovillaggi per uscire dall’isolamento

|

Tibet Festival: al via un lungo viaggio sul tetto del mondo

|

“Mamme imprenditrici, voglio raccontare le vostre storie!”

|

Circolo Wood: il ristorante solidale che crea comunità – Io faccio così #271

|

COP25: tra la “capitolazione” e la “speranza” vinca l’azione

|

IT.A.CÀ, il primo Festival itinerante di Turismo Responsabile racconta l’Italia del futuro