27 Mar 2023

L’impresa di Pietro ed Emiliano, che hanno attraversato gli USA in bici per dire no alla plastica

Scritto da: Redazione

6000 chilometri percorsi, 55 giorni di viaggio, 1700 euro raccolti e devoluti a Plastic Free Onlus. Sono questi alcuni dei numeri che raccontano l'avventura di Pietro Franzese ed Emiliano Fava, due cicloviaggiatori che con il loro progetto "2 italians across the US" hanno attraversato gli Stati Uniti da ovest a est per di no alla plastica.

Salva nei preferiti

Li avevamo lasciati lo scorso dicembre in piena bagarre per i preparativi per il loro viaggio coast to coast attraverso gli Stati Uniti per dire no alla plastica. Oggi Pietro Franzese ed Emiliano Fava ce l’hanno fatta: hanno attraversato in meno di due mesi gli USA in bicicletta, da San Francisco a Miami. Partiti dal Golden Gate Bridge di San Francisco il 19 gennaio 2023, sono arrivati a Key West, il punto più a sud degli Stati Uniti continentali, il 15 marzo pedalando 6.000 chilometri e scalando 25.000 metri di dislivello, in autonomia.

Dalle temperature gelide della California – il termometro è sceso fino -8°, sperimentati in tenda in una valle parallela alla costa – per arrivare al caldo umido dell’entroterra della Florida, passando per le tempeste di sabbia nel deserto di Sonora nel New Mexico e le paludi della Louisiana, i due viaggiatori hanno potuto vivere sulla propria pelle la vastità e varietà degli Stati Uniti: «È stato un susseguirsi di incontri che ci ha fatto sentire accolti dagli abitanti di tutti gli stati attraversati: dalla California al Texas fino alla Florida non è mai mancato da parte di nessuno un saluto, un sorriso, un “good luck” oppure un “be safe” dopo averci incontrato sulla strada», raccontato Pietro Franzese ed Emiliano Fava.

2 Italians across the Us
ON THE ROAD

«Abbiamo viaggiato spesso su bike lane o ciclabili, sempre con grande rispetto nei nostri confronti da parte degli altri utenti della strada. L’utilizzo della plastica mono uso è ampiamente diffuso, ma ci saremmo aspettati molta più sporcizia sulle strade e sulle spiagge e invece, complice anche la politica di far adottare alcuni tratti di strada dagli abitanti, la situazione è apparentemente meno evidente. Ovunque, soprattutto in California, c’è la possibilità di fare refill delle proprie borracce. La nota più dolente del viaggio è l’enorme quantità di plastica “usa e getta” dalle buste della spesa al packaging, alle tazze e cannucce nei fast food, cannucce».

California, Arizona, New Mexico, Texas, Louisiana, Mississippi, Alabama e Florida sono gli stati che hanno attraversato: oltre 100 chilometri pedalati ogni giorno, fino ai 285 della tappa finale da Miami a Key West, con un vento favorevole che li ha sostenuti per raggiungere il punto più a sud dell’isola. Hanno affrontato salite impegnative – come per raggiungere El Paso a quota 1000 metri –, ma anche difficoltà sul percorso, come nei primi giorni in California, dove la presenza di alluvioni e frane ha costretto i due cicloviaggiatori a cambiare il percorso, e difficoltà tecniche, che hanno fermato verso la metà viaggio Emiliano per alcuni giorni.

Franzese e Fava sono stati soddisfatti, come hanno raccontato nei loro video, dell’equipaggiamento utilizzato, dalla bici, alle borse e all’abbigliamento, quest’ultimo di brand italiani: «Una delle domande che ci hanno fatto più spesso è: “Ma non vi fa male il fondoschiena?”. La risposta è nella scelta accurata di tutta la nostra attrezzatura e nell’abbigliamento top di gamma, con prodotti fatti in Italia», commenta Franzese.

In questi due mesi di viaggio, Pietro Franzese ed Emiliano Fava hanno raccolto materiale video per creare un docufilm che uscirà nei prossimi mesi, ma hanno anche raccontato giorno per giorno la loro impresa sui loro social e sui loro canali YouTube. Qui il video di Pietro Franzese ed Emiliano Fava realizzato all’arrivo a Key West. Qui e qui alcuni degli ultimi video realizzati da Pietro Franzese, qui il video di Emiliano Fava da Los Angeles, a 800 chilometri di viaggio. Qui la traccia del percorso su Komoot.

LA RACCOLTA FONDI PER PLASTIC FREE ONLUS

Il viaggio di Pietro Franzese ed Emiliano Fava è stato accompagnato da una raccolta fondi sulla piattaforma GoFundMe a sostegno di Plastic Free, associazione italiana che dal 2019 si occupa tramite la propria rete di volontari della creazione di appuntamenti di clean up, salvataggio delle tartarughe marine, sensibilizzazione nelle scuole e trasformazione dei Comuni in Plastic Free. I soldi raccolti saranno interamente donati a Plastic Free e in particolare a uno dei progetti scelti da 2 Italians Across the US come destinatario dei fondi raccolti: la salvaguardia della riserva naturale del Mida Creek in Kenya grazie alla collaborazione con l’associazione Sasa Rafiki. Ad oggi sono è stata superata quota 1700 euro, ma la raccolta continuerà ancora fino a fine mese.

Abbiamo viaggiato spesso su bike lane o ciclabili, sempre con grande rispetto nei nostri confronti da parte degli altri utenti della strada

«Si tratta di una somma importante», commenta Riccardo Mancin, coordinatore nazionale di Plastic Free che ha seguito in prima persona il progetto di Pietro ed Emiliano. «Con quell’importo potremo rimuovere 1700 chili di plastica e rifiuti dall’ambiente, rafforzando il sistema di raccolta della plastica nella zona di Mida Creek in Kenya, finanziando anche la realizzazione di cestini in fibra naturale oltre alla costruzione di un pozzo per l’acqua dolce e alla messa a dimora di mangrovie, una pianta essenziale per la tutela della biodiversità.

«Mi complimento con i nostri due ambasciatori – ha concluso Mancin – per aver portato a termine questa bella avventura portando il nome di Plastic Free oltreoceano, li aspettiamo a braccia aperte in Italia per continuare la missione di sensibilizzazione ambientale che hanno sposato entrando nella famiglia di Plastic Free».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La Luna e i Calanchi, festa della poesia o sagra della plastica?
La Luna e i Calanchi, festa della poesia o sagra della plastica?

#BastaVaschette, la campagna per dire no agli imballaggi monouso in plastica per frutta e verdura
#BastaVaschette, la campagna per dire no agli imballaggi monouso in plastica per frutta e verdura

2 Italians Across the US: l’America in bicicletta per combattere la plastica monouso
2 Italians Across the US: l’America in bicicletta per combattere la plastica monouso

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Processo Italcementi: la collina dei veleni – INMR Sardegna #26

|

A Chioggia c’è un albergo sociale gestito da persone fragili

|

Festa del libro, a Zafferana Etnea scuole e collettività insieme per promuovere la lettura

|

Navi da crociera: ecco cosa è emerso dall’inchiesta sul loro impatto

|

Come si fa una comunità energetica (per davvero): ne parliamo con Gianluca Ruggieri – Meme! #47

|

Kento, il rapper militante che usa l’hip hop per “far uscire” i giovani dal carcere

|

Alex Zanotelli: “Disobbedienza civile per difendere la legge 185 sull’export di armi”

|

Alice Pomiato, alias aliceful: “La partecipazione sociale è la cosa più sostenibile che ci sia”

string(9) "nazionale"