8 Ago 2018

Via Baltea 3: autoproduzione e socialità in un unico spazio

Scritto da: Paolo Cignini

Baltea - Laboratori di Barriera, noto come Via Baltea 3, è uno spazio multifunzionale con sede a Torino, nel quartiere periferico di Barriera di Milano; un contenitore di varie realtà e attività che trovano nel ritrovo comunitario e associativo, nell’autoproduzione e nel imparare a saper fare il proprio punto di unione.

Un bar sociale, un kitchen club, il forno Panacea, un ufficio di coworking e molto altro: Via Baltea – Laboratori di Barriera è una Casa del Quartiere e uno spazio multifunzionale di novecento metri quadri, un’ex tipografia con sede nel quartiere Barriera di Milano, nato allo scopo di integrare le varie attività commerciali e produttive che ospita al proprio interno con l’esigenza, sempre più forte, di favorire la costruzione di relazioni sociali forti e interconnesse.

Quest’ultima è un’istanza sorta dal contesto in cui nasce Via Baltea 3: il quartiere Barriera di Milano, un quartiere periferico della città nato nel 1853, vero e proprio varco per l’ingresso e l’uscita dalla città, trasformatosi in borgo proletario e operaio prima, e poi in un quartiere con forte presenza di migranti.

via baltea 3 socialita autoproduzione 1533720307

Alla base del progetto ideato dalla Cooperativa Sumisura, nata nel 2007 con lo scopo di favorire lo sviluppo locale e la rigenerazione urbana, e Articolo 4, cooperativa impegnata nella promozione del diritto al lavoro e della sostenibilità alimentare, c’è la forte necessità di riuscire a creare un’impresa sociale che, tramite le proprie attività, riesca a sostenersi con l’intento di erogare servizi e attività per i cittadini del Quartiere.

La caratteristica principale che accomuna le varie attività di Via Baltea 3 è quello della produzione e dell’autoproduzione, con particolare attenzione ai temi del riciclo, della rigenerazione e della riparazione degli oggetti, del risparmio dei consumi e dello scambio.

Esempio paradigmatico è il Bar Sociale di Via Baltea, punto di riferimento dello spazio. Non si tratta solamente di un luogo dove poter gustare piatti genuini o bere un semplice caffè: è un vero e proprio hub culturale, al cui interno si possono imparare e sperimentare numerose attività. Tutti i mercoledì vengono organizzati dei laboratori per imparare a riparare gli oggetti domestici danneggiati.

Tutti i giovedì, a partire dalle 15.30, vengono organizzate le “Chiacchiere da bar”, uno spazio dedicato al ritrovo di tutte le associazioni del quartiere, un momento importante per fare rete e per tenersi aggiornati sulle varie iniziative della città di Torino.

via baltea 3 socialita autoproduzione 1533720334

“Ago ferri e chiacchiere” è invece un gruppo informale, che si ritrova sempre all’interno del bar, dove poter imparare a ricamare; è possibile anche frequentare un corso di cesteria e intrecci creativi, con Mario il cestaio.

Oltre al Bar Sociale è presente un Kitchen Club, una cucina condivisa dove poter organizzare corsi di cucina o semplicemente sperimentare nuove idee culinarie insieme ad amici e conoscenti.

Anche l’arte e l’artigianato trovano uno spazio all’interno di Via Baltea 3: Carpenteria Soffice è il laboratorio privato di Alessandro Rivoir, scenografo ed artista, che crea manufatti creativi in legno e aiuta le persone nello sviluppo e nella creazione di oggetti.

Via Baltea 3 è anche la sede della Jazz School Torino, nella quale musicisti professionisti, semplici appassionati e neofiti possono confrontarsi e scambiare informazioni attraverso le varie attività sociali organizzate al suo interno.

Non poteva mancare, in un luogo dove l’aggregazione sociale è il fulcro della struttura, una sala di cinquanta metri quadrati adibita a spazio di Coworking, composta da otto postazioni singole e da un grande tavolo comune per riunioni e lavori creativi.

Discorso a parte merita Panacea, il forno sociale che recupera l’antica filiera del pane: la sede del forno è naturalmente in Via Baltea 3, e vi invitiamo ad approfondirne la storia guardando il nostro video.

Articoli simili
L’autoproduzione è alla portata di tutti e può cambiare la vita!
L’autoproduzione è alla portata di tutti e può cambiare la vita!

Sabrina: «Ho capito che il cibo “vivo” fa bene e mi sono data all’autoproduzione»
Sabrina: «Ho capito che il cibo “vivo” fa bene e mi sono data all’autoproduzione»

Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli
Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare

|

Alla Piccola Ghianda Magica si gioca e si impara immersi in un bosco di tigli

|

“Non possiamo solo prendere”: quali passi per salvare la terra e il clima?

|

Una chitarra e zaino in spalla: il viaggio di Mosè, giovane musicista che promuove il cammino lento

|

MigrArt, sette anni di migrazioni raccontate da un collettivo artistico