17 Mag 2022

Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli

Scritto da: Valentina D'Amora

Learning by doing: quanto è importante fare per imparare? Visto che la nostra "mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere perché s'infuochi", soprattutto nei bambini, mettere in pratica è essenziale per introiettare valori e concetti. Per questo motivo abbiamo intervistato Claudia Ferretti, a cui abbiamo chiesto di raccontarci com'è nata l'idea di pubblicare Facciamo il sapone, un manuale sull'autoproduzione rivolto ai bambini.

Genova - Vi ricordate di Claudia Ferretti, “l’alchimista” che da anni diffonde le gioie dell’autoproduzione? Lei è una comunicatrice e lavora all’Università di Genova; nel tempo libero ha il pallino di preparare in casa saponi e creme – ve l’abbiamo presentata qui – e cura un blog di ricette di sapone, detersivi e creme e racconta molto di sé sui suoi profili social, a partire da come ridurre il proprio impatto ambientale ogni giorno.

Con Gemma ViVa Edizioni ha appena pubblicato Facciamo il sapone e proteggiamo il mare, un manuale rivolto ai lettori dagli 8 anni in su, illustrato da una pittrice genovese, Mara Fedele, e il cui progetto grafico è stato curato da Marta Villica, autrice di un altro libro a sfondo ambientale, Gianna e i Maducò. Il volume, per i contenuti educativi, è consigliato anche dall’associazione Worldrise. Le abbiamo rivolto alcune domande per saperne di più su questo nuovo progetto editoriale.

claudia saponi puglia
Claudia durante un corso di autoproduzione del sapone in Puglia
Ieri è uscito Facciamo il sapone: com’è nata l’idea di scrivere un manuale sull’autoproduzione del sapone rivolto ai bambini?

Ho scritto questo libro per raccontare ai più piccoli quanto sia utile, divertente e interessante fare in casa il sapone, ma anche per parlare di chimica, ecologia e sostenibilità. Credo che trattare temi così importanti attraverso un’esperienza pratica renda ogni cosa più facile da introiettare, per questo ci sono anche ricette e istruzioni per preparare i saponi in casa o in classe. Pagina dopo pagina si incontrano elementi di biologia, di chimica e di educazione ambientale – da poco entrata ufficialmente tra le materie scolastiche – e infine c’è un’appendice di cui vado fiera: una sorta di decalogo per educarci all’autoanalisi delle nostre abitudini quotidiane.

Imparando a guardare la composizione degli oggetti che diamo per scontati, come il dentifricio, il sapone e persino i nostri vestiti, si impara molto: questa è una parte istruttiva di cui vado orgogliosa perché credo che sia alla base di importantissime competenze analitiche utili in ogni campo dello studio, ma anche della vita. Serve ad andare a fondo delle informazioni che ci arrivano, a imparare a osservare in modo approfondito una saponetta o la maglia che stiamo indossando. E può insegnare a ragionare su tutto.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il libro ha due prefazioni importanti per il mondo della scuola, la senatrice Simona Malpezzi e la deputata ex ministra dell’istruzione, Lucia Azzolina: perché secondo te questo tuo progetto editoriale è stato così apprezzato?

Chi conosce il mondo della scuola sa quanto la didattica laboratoriale sia efficace e in grado di arrivare all’obiettivo. E poi la vocazione di educazione ambientale del libro lo rende uno strumento utile e attuale: sia Malpezzi che Azzolina hanno grande esperienza scolastica, per questo sono state subito interessate al progetto e molto felici di parteciparvi. Da parte mia trovo molto bello aver ricevuto un apprezzamento così prestigioso ed è proprio questo che ci permetterà, il 21 giugno, di presentare il libro in Senato.

Imparando a guardare la composizione degli oggetti che diamo per scontati, come il dentifricio, il sapone e persino i nostri vestiti, si impara molto

Facciamo il sapone sarà la colonna portante di un progetto educativo rivolto alle scuole: hai già cominciato a parlare di questi temi con bambini e ragazzi? Come rispondono?

Da qualche anno vado in classe a insegnare come si prepara il sapone: sono mattinate in cui ci divertiamo tantissimo e ogni volta mi stupisco e mi entusiasmo allo stesso tempo per la capacità delle giovani menti di capire concetti complessi e per la loro sensibilità ai problemi ambientali. Anche i più piccoli sono in grado di approfondire e comprendere molte cose che spesso risultano difficili agli adulti. Fanno moltissime domande e sembra che non siano mai sazi di conoscere.

Per dare vita a una saponetta c’è anche un po’ di magia: con quali emozioni torni a casa dopo aver insegnato ai bambini a fare il sapone?

Soddisfazione, gioia e speranza nel futuro: così mi sento utile al mondo più che in qualunque altro modo! Fino a questo progetto avevo sempre insegnato agli adulti e mi è sempre piaciuto molto, ma l’entusiasmo che provo quando lavoro con i più giovani è impagabile. Infatti ho un progetto proprio riguardo questo.

facciamo il sapone claudia ferretti
La copertina di Facciamo il sapone – Illustrazioni di Mara Fedele
Allora devo chiedertelo: cosa bolle in pentola?

Ho due progetti, uno a breve termine e uno un po’ più a lunga scadenza. Per prima cosa vorrei portare il libro in tutti gli istituti scolastici d’Italia: so che è ambizioso, ma la recente approvazione del Ddl “salvamare” – che prevede l’educazione ambientale nelle scuole – è un grande passo per poter sperare di trattare anche temi come questo in modo capillare. Mi piacerebbe iniziare un percorso con tutte le scuole, attraverso gli insegnanti e i dirigenti scolastici più lungimiranti, per promuovere la didattica laboratoriale in campo ecologico.

E invece a lungo termine?

Vorrei aprire un centro di ecologia qui a Genova, una scuola immersa nel verde in cui formare i bambini e i ragazzi all’educazione ambientale e al pensiero sostenibile attraverso esperienze pratiche, scientifiche e sensoriali. Una volta aperta, potrei anche accettare qualche adulto…[ride ndr].

E a brevissimo termine?

Porterò Facciamo il sapone al Salone del Libro di Torino ancora fresco di stampa! Venerdì prossimo, il 20 maggio, dalle 15 alle 16 sarò presente allo stand della casa editrice per un firmacopie. Sono molto contenta perché sarà la prima occasione per parlare del libro con le persone che mi seguono e non vedo l’ora!

Articoli simili
Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»
Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

Sabrina: «Ho capito che il cibo “vivo” fa bene e mi sono data all’autoproduzione»
Sabrina: «Ho capito che il cibo “vivo” fa bene e mi sono data all’autoproduzione»

Autosufficienza: impara a fare da te! Con Vandana Shiva, Berrino e Cuffaro
Autosufficienza: impara a fare da te! Con Vandana Shiva, Berrino e Cuffaro

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Chi era Leonardo Del Vecchio, patron di Luxottica – #550

|

Ortika, la moda etica e circolare che si ispira alla natura, dove gli scarti non esistono

|

Nella casa circondariale di Siracusa l’Arcolaio sperimenta modelli innovativi di economia sociale

|

Anche Roma sta cambiando grazie ai principi della decrescita felice

|

La società civile scende in piazza per Nicola Gratteri e contro la ‘ndrangheta

|

RAEE e riciclo di rifiuti elettronici: a che punto siamo in Italia?

|

Officina AgroCulturale Cafeci, alla scoperta della Sicilia in modo lento ed ecologico

|

Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”